logo

La rivoluzione che il Web ha esercitato sull'economia è in continua evoluzione e sono sempre di più i nuovi metodi e strategie di vendita che i negozianti possono mettere in atto per migliorare e ampliare i propri guadagni. Se marketing è il perno che muove l'economia, comprendere questi nuovi metodi di vendita online può essere considerato come il movimento vero e proprio che un atleta svolge per ottenere il risultato e vincere la gara.

Il Dropshipping è un nuovo modello di vendita che sta ottenendo sempre più successo, in quanto è semplice e alla portata di chiunque, anche dei venditori meno esperti, inoltre, garantisce un guadagno sicuro e riduce le perdite anche se le merci non vengono vendute. Per questi motivi e per i risultati sorprendenti ottenuti all'estero, sempre più venditori si interessano a fare dropshipping in Italia. Questo nuovo metodo di vendita è molto più utilizzato negli Stati Uniti, ma sono diversi i vantaggi che propone, anche se non è esente da qualche piccolo rischio d'impresa, seppur marginale.

Come funziona il Dropshipping?

Avviare un business online significa andare incontro a determinati costi, che possono diventare perdite anche ingenti nel caso in cui gli affari non vadano in porto. Il Dropshipping non richiede un elevato capitale per cominciare e non c'è bisogno di un negozio materiale, in quanto siamo nel mondo dell'ecommerce. È possibile gestire gli affari da qualsiasi luogo nel mondo, in più non è necessario redigere l'inventario di magazzino: un sospiro di sollievo per molti commercianti.

Tutto quello che bisogna fare è semplicemente aprire la propria ecommerce e avere le idee chiare, certo, scegliere un prodotto molto richiesto e che si venda facilmente è sempre un'ottima mossa, ma bisogna sempre prestare attenzione alle leggi di mercato che regolano la domanda. Se in passato bisognava aprire un negozio fisico, acquistare merci, prodotti, beni e redigere un inventario di magazzino, successivamente riporre sugli scaffali le merci invendute e attendere che fossero acquistate, tutti questi processi con i nuovo metodi di vendita online non hanno più senso. Questo vecchio modello di business comportava molti rischi e di conseguenza perdite più ingenti, ecco un esempio pratico.

Maria ha un negozio e acquista 100 unità di merci spendendo 1000 euro. Di queste merci acquistate riesce a venderne solo 200, guadagnando 400 euro in totale. La perdita è di circa 600 euro e Maria è costretta a chiudere il suo negozio o a riporre le merci in magazzino per poi riproporle scontate e quindi non raggiungerà il guadagno stabilito o sperato.

Al contrario, il dropshipping propone un altro tipo di movimento, in quanto non bisogna acquistare i prodotti in anticipo, la vera rivoluzione è che il venditore acquista solo dopo aver ricevuto l'ordine: a prodotto già venduto.

Maria riceve l'ordine di 10 unità, questo significa che ha già guadagnato in questa fase, in quanto deve semplicemente girare l'ordine al suo fornitore che si preoccuperà di inviare le merci ai clienti. Se la richiesta dei prodotti non è costante e si ferma, Maria avrà guadagnato comunque con l'ordine delle 10 unità. Niente di più semplice. Ecco perché anche in Italia questo metodo di vendita è sempre più utilizzato e offre numerosi vantaggi, ma anche qualche piccolo rischio.

Quali sono i pro e i contro del droppshipping?

Anche se offre numerosi vantaggi, il droppshipping non è un metodo magico e comunque bisogna studiare bene la domanda di un prodotto nel mercato economico. Certo, è possibile iniziare un'attività di vendita a costo zero e cominciare subito a guadagnare, questo, insieme alle perdite minime e a un guadagno quasi sicuro in caso di vendita, sono i migliori vantaggi che offre questo tipo di business. Uno dei fattori negativi che si verifica più spesso, è il rischio di esaurimento delle merci, soprattutto in caso di una richiesta massiccia di determinati prodotti. Il venditore che si affida al drop ship deve sempre accertarsi che siano disponibili i prodotti richiesti: rimanere in contatto in tempo reale con i propri fornitori, è la mossa migliore.

Un altro fattore negativo è una concorrenza online spietata e dunque molto elevata, per questo motivo non è sempre facile iniziare a guadagnare subito e molto spesso c'è bisogno di un po' di esperienza, oppure i neofiti devono affidarsi a siti specializzati che aiutano i venditori alle prime armi.

Nonostante questi fattori che potrebbero apparire negativi, in realtà il drop ship sta diventando un metodo di vendita molto diffuso, basta fare attenzione e avere cura dei particolari e il margine di guadagno è assicurato anche con poche vendite. Un ultimo fattore a cui bisogna fare attenzione riguarda soprattutto le vendite fuori dalla comunità europea e gli oneri doganali che bisogna pagare. Una volta tenuti presenti questi fattori, dopo un accurato studio di mercato e indagine sul prodotto che si vuole vendere, il dropshipping è un metodo innovativo che garantisce risultati sicuri e abbatte il rischio di perdite di capitale.