Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per continuare la navigazione,  clicca sul pulsante per chiudere.

questo sito non fa raccolta dati degli utenti, pertanto non รจ soggetta al GDPR.

 EVENTUALI BANNER PRESENTI NEL SITO POTREBBERO FARE RACCOLTA DATI NON DIPENDENTI DA NOI. 

Antibracconaggio: fermate e denunciate due persone a Vico Garganico nei boschi del Parco Nazionale del Gargano

Erano dedite alla caccia in periodo di divieto generale, anche con armi detenute illegalmente. A seguito di una mirata attività di contrasto al bracconaggio nel Parco nazionale del Gargano, inizialmente impostata sull'acquisizione di informazioni riservate e poi condotta attraverso l'attenta ispezione dei luoghi, con appostamenti notturni e anche con l'ausilio di apparecchi  di fotoripresa, i Forestali dei Comandi Stazione parco di Umbra e Peschici, in sinergica collaborazione, hanno fermato e denunciato due persone e sequestrato tre fucili con le relative munizioni caricate a palla e a pallettoni. Uno dei due, un cinquantenne del luogo, utilizzava un fucile con la matricola abrasa che veniva occultato in bosco, in un nascondiglio  ricavato con un pezzo di tubo abilmente sistemato nel corpo di un muro a secco, eludendo così gli ordinari controlli effettuati sulle strade dell'area protetta.