Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per continuare la navigazione,  clicca sul pulsante per chiudere.

questo sito non fa raccolta dati degli utenti, pertanto non è soggetta al GDPR.

 EVENTUALI BANNER PRESENTI NEL SITO POTREBBERO FARE RACCOLTA DATI NON DIPENDENTI DA NOI. 

Continua l’attività repressiva nel Parco Nazionale del Gargano al bracconaggio da parte dei Carabinieri Forestale della Stazione Parco di Umbra. Non si interrompe l’attività repressiva dei Carabinieri Forestale della Stazione Parco di Umbra. Durante il servizio di vigilanza in data 15/10/2017 nel complesso di Foresta Umbra, in agro di Monte Sant’Angelo, sono stati deferiti alla Procura della Repubblica due soggetti, R.M. e P.F., sorpresi in flagranza di reato. Dopo un lungo appostamento si intercettavano i due cacciatori, i quali anche se in regola con la documentazione venatoria, venivano deferiti all’Autorità Giudiziaria per esercizio venatorio, introduzione di armi e munizioni in area 1 del P.N. del Gargano, nonché abbattimento di selvatico in periodo non consentito. Ai due rei sono stati sequestrati due fucili da Caccia semiautomatici con relativo munizionamento, pari a quaranta cartucce, e il selvatico già eviscerato e scuoiato. Lo stesso è stato sequestrato e consegnato presso l’Istituto Zooprofilattico di Foggia per le analisi del caso.