logo

 

Da diverse settimane l’attenzione dei Carabinieri forestali delle Stazioni Parco di Umbra, Vieste e Peschici,  su disposizione del Reparto Carabinieri Parco di Monte Sant’Angelo, si è focalizzata sul litorale di Peschici dove sono state accertate varie violazioni penali in materia ambientale in aree di rilevante interesse paesaggistico e naturalistico.

La lotta all’abusivismo ha interessato l’area circostante la Torre di Monte Pucci dove è stato  contestato ad un soggetto di Peschici la realizzazione di opere abusive, sottoposte a sequestro penale, in mancanza del nulla-osta paesaggistico e autorizzativo dell’Ente Parco.

In località Madonna di Loreto sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria i responsabili di opere abusive realizzate su terreni appartenenti al Demanio Comunale di Peschici dove è stato accertato anche l’abbattimento  di 30 alberi Pini d’Aleppo di notevoli dimensioni le cui responsabilità sono in fase di accertamento.

L’ulteriore attività repressiva dei militari ha riguardato la località Valle Scinni, adiacente alla pregiata Baia dei Trabucchi, dove è stata sottoposta a sequestro penale  un’area comunale in cui sono stati sversati 500 metri cubi circa di rifiuti da demolizione con conseguente distruzione della macchia mediterranea caratteristica della zona.

Al fine di porre un freno ai reati ambientali di natura edilizia  e di tutelare il valore naturalistico e paesaggistico della costa garganica, rimane elevata l’attenzione investigativa dei Carabinieri Forestali sul litorale peschiciano

Per qualsiasi segnalazione inerente la presenza di reati o situazioni di pericolo/degrado in danno all’ambiente si invita la collettività a contattare il numero di emergenza ambientale 1515.