Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per continuare la navigazione,  clicca sul pulsante per chiudere.

questo sito non fa raccolta dati degli utenti, pertanto non è soggetta al GDPR.

 EVENTUALI BANNER PRESENTI NEL SITO POTREBBERO FARE RACCOLTA DATI NON DIPENDENTI DA NOI. 

logo

   ‘Dopo minuziose e complesse indagini tecniche di Polizia Giudiziaria, il personale della Polizia di Stato, in servizio presso la Sottosezione Polizia Autostradale di Foggia, ha individuato il responsabile di ‘Omissione di Soccorso e di Fuga a seguito di un Incidente Stradale’, con lesioni, avvenuto in data 15/04/2019, alle ore 11:20, lungo la S.S. 673 (Tangenziale di Foggia), all’altezza dello svincolo dell’A/14, nel territorio del Comune di Foggia’.-

I fatti: nella mattinata del 15 aprile corrente anno una pattuglia della Sottosezione Polizia Autostradale di Foggia, su segnalazione del Centro Operativo Polizia Stradale di Bari, veniva inviata al Casello Autostradale di Foggia per segnalato incidente stradale con feriti.

Raggiunto il luogo dell’intervento, il personale operante non riscontrava nulla di quanto segnalato, allorquando, durante le fasi di verifica dei luoghi di pertinenza autostradali, alcuni automobilisti indicavano che il sinistro era avvenuto sulla rampa di imbocco per l’autostrada, ubicata sulla circonvallazione di Foggia.

Giunti sul luogo esatto, l’equipaggio constatava la presenza di un’autovettura incidentata, una Nissan, e della relativa conducente, che, discesa dal veicolo, riferiva di essere stata urtata frontalmente da un veicolo industriale, dileguatosi dopo l’impatto.

Attività immediata di Polizia Stradale: l’unità operativa, quindi, procedeva ad applicare le previste procedure di ‘messa in sicurezza’ del luogo del sinistro, procedendo, quindi, ai rilievi tecnici ed all’acquisizione di tutti gli elementi utili al caso, con particolare riguardo alle immediate dichiarazioni rese dalla malcapitata e da due automobilisti che, generosamente sopraggiunti, si erano offerti a soccorrere l’infortunata, che, poco dopo, veniva trasportata, a mezzo 118, presso gli Ospedali Riuniti di Foggia, dove veniva giudicata guaribile in 10 giorni.

Nei pressi del sinistro, probabilmente persa dal veicolo in fuga a seguito dell’impatto, veniva rinvenuta una barra antintrusione di un semirimorchio industriale, opportunamente repertata dalla Polizia procedente.-

Attività Tecnica di Polizia Giudiziaria:  Dopo minuziose indagini, l’Unità di Polizia Giudiziaria istituita in seno alla SottoSezione Polizia Autostradale di Foggia ha individuato il responsabile della condotta di omissione di soccorso e di fuga a seguito di un incidente stradale.

Nel merito, con gli elementi a disposizione desunti dai primi accertamenti operati dalla pattuglia, gli investigatori della Polizia Stradale di Foggia iniziavano un complesso lavoro di ricostruzione,  partendo dall’analisi delle immagini registrate dalle telecamere che monìtorano il traffico veicolare nel tratto stradale/autostradale interessato, proseguendo con l’audizione di testimoni dell’accaduto e terminando con riscontri univoci al dato finale, individuavano il conducente del complesso veicolare, costituito da un trattore stradale e da un semirimorchio, di colore bianco, condotto da un quarantenne, di nazionalità rumena, autore dei fatti enarrati, il quale, vistosi ‘smascherato’, ammetteva il suo coinvolgimento nel sinistro.

I risultati: l’uomo, quindi, è stato deferito alla competente Autorità Giudiziaria, in stato di libertà, per i reati di fuga ed omissione di soccorso, nonché lesioni personali colpose, con conseguente applicazione della sanzione accessoria della sospensione della patente di guida ad opera dell’Autorità Amministrativa competente, nonché la decurtazione di 10 punti dal titolo abilitativo in parola.-