Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per continuare la navigazione,  clicca sul pulsante per chiudere.

questo sito non fa raccolta dati degli utenti, pertanto non è soggetta al GDPR.

 EVENTUALI BANNER PRESENTI NEL SITO POTREBBERO FARE RACCOLTA DATI NON DIPENDENTI DA NOI. 

logo

 In vista dell’imminente stagione estiva, il Reparto Carabinieri Parco Gargano di Monte S. Angelo (FG) intensifica l’attività di controllo sul litorale di Peschici al fine di prevenire e reprimere ogni fattispecie in danno al delicato contesto ambientale e paesaggistico in area protetta.

I militari delle Stazioni CC Parco di Umbra e Peschici hanno accertato nell’ultimo periodo illeciti penali e amministrativi lungo tutta la costa peschiciana, in particolar modo tra Sfinale e Baia Zaiana.

Notevole lo scempio ambientale fermato presso la Palude Gusmay, dove un noto imprenditore è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per la distruzione di mezzo ettaro di vegetazione palustre con conseguente danno all’habitat presente. Proprio in questo periodo viene segnalata la presenza e la nidificazione di alcuni esemplari di airone.

Sempre in area Parco sono stati denunciati altri 2 soggetti di Peschici per occupazione di suolo demaniale e abusivismo edilizio (Madonna di Loreto e Baia Zaiana).

Elevate sanzioni per violazioni ambientali per una somma totale che si aggira intorno ai 15 mila euro; i soggetti multati si rendevano responsabili di scarichi non autorizzati di acque reflue nell’alveo del Torrente Ulso, abbandono di rifiuti e abbruciamenti non consentiti.  Dette infrazioni comportano un elevato allarme sociale considerata l’importanza del decoro e della qualità dell’ambiente in una zona a forte vocazione turistica e di grande pregio naturale quale è la costa di Peschici e non dimenticando infine la volontà di non rivivere i tragici incendi degli ultimi anni.

Rimane quindi alta l’attività investigativa dei Carabinieri Forestali sull’area Parco Nazionale ricadente in Comune di Peschici, per qualsiasi segnalazione circa la presenza di reati o situazioni di pericolo/degrado in danno all’ambiente si invita la collettività a contattare il numero di emergenza ambientale 1515.