Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per continuare la navigazione,  clicca sul pulsante per chiudere.

questo sito non fa raccolta dati degli utenti, pertanto non è soggetta al GDPR.

 EVENTUALI BANNER PRESENTI NEL SITO POTREBBERO FARE RACCOLTA DATI NON DIPENDENTI DA NOI. 

logo

Lo spettacolo teatrale “Prendo in prestito tua moglie” scritto da Luca Franco conquista la platea montanara. La commedia, allestita dalla compagnia “l’Airone” di Mattinata ha ottenuto un ottimo gradimento del pubblico in sala. Gli spettatori entusiasti si sono lanciati in applausi a scena aperta. “Sono senza parole – ha commentato il regista Matteo Guerra – perché il pubblico di Monte S. Angelo ci riserva sempre un’accoglienza strepitosa. Lo spettacolo, che parla dell’accettazione dell’omosessualità e del senso profondo dell’amore, ha carpito da subito l’attenzione dell’esigente pubblico montanaro. Valerio e Nicola sono amici e vicini di casa. Il primo è sposato con Marta, mentre Nicola è gay e convive con Leonardo. Ma il padre di Nicola, ignaro che il figlio sia gay, decide di andarlo a trovare per conoscere la sua fantomatica ragazza. Così il giovane chiederà in prestito la moglie all’amico e, tra equivoci, risate e gelosie, giungerà l’immancabile lieto fine, l’amore è più forte di tutto.

La compagnia teatrale di Mattinata non poteva festeggiare in modo migliore i trenta anni di palcoscenico, due ore e mezza di spettacolo, volate tra emozioni e risate.

Il tema rappresentato con tanta delicatezza, ma allo stesso modo con tanta fermezza fa comprendere che a dire la verità sulle proprie scelte da le giuste soddisfazioni, anche se queste verità non sono accettate immediatamente da tutti, ma si sa l’Amore è Amore in qualunque modo ed è essenziale il rispetto dell’altro ma ancor più il rispetto per se stessi nell’avere il coraggio delle proprie scelte, anche se a volte possono costare fatica.

Bravi agli attori per questa rappresentazione che a nostro avviso fa fare un salto di qualità importante alla compagnia teatrale l’Airone.

Va applaudito tutto lo staff, in modo particolare il regista Matteo Guerra che ha vestito i panni di Nicola e tutti gli attori, Jessica Zaffarano nelle vesti di Marta, Giuseppe Sacco nei panni di Valerio Matteo Prencipe nei panni di Raffaele ed ancora Pio Di Bari nelle vesti di Leonardo e Antonella Rinaldi nei panni di Agata.