IL NUOVO MUSEO STORICO DEI POMPIERI E DELLA CROCE ROSSA ITALIANA . 2° step

 

 

Come ho già avuto modo di informare con la prima parte di questo argomento, la sera di sabato, 1 luglio 2017, il dott. Michele Guerra attraverso la propria Azienda, la EUROAMBIENTE s.r.l.  ha inaugurato con una bella cerimonia la nuova location, realizzata nella Z.I. di Manfredonia in via Antonio Meucci, Zona D/46, la “CITTADELLA  DELLA SICUREZZA E DELLA FORMAZIONE”, con annesso lo straordinario MUSEO STORICO DEI POMPIERI E DELLA CROCE ROSSA ITALIANA che raccoglie in uno spazio di 2500 mq, più di 5000 reperti e cimeli che raccontano la storia dei pompieri e della croce rossa italiana in uno spazio temporale che va dal 1700 fino a quasi i giorni nostri e con un flash anche alla nascita dei primordiali corpi di Addetti allo spegnimento di epoca Romana.

La cerimonia inaugurale del taglio del nastro, alla presenza di un foltissimo pubblico, ha visto la presenza oltre che degli organizzatori e delle autorità civili, religiose e militari, dell’On. Michele Bordo e dell’Amm.re Unico dell’agenzia del Turismo di Manfredonia, il Dott. Saverio Mazzone.

Il cerimoniale poi ha previsto la visita al museo di cui ho già esposto le caratteristiche nel mio precedente “Primo Step” già pubblicato, e di seguito, come da programma, tutti gli invitati sono stati introdotti nello spazio aperto a latere della struttura per offrire un fastoso e gustoso Galà, con padiglioni enogastronomici predisposti dagli sponsor della manifestazione che hanno offerto ogni genere di vettovaglie e bevande agli ospiti, e con un palco per l’intrattenimento.

Accese le luci del palco, è iniziata la serata di intrattenimento. Si sono occupati dell’introduzione e la conduzione, in veste di presentatori, pur se entrambi legati intimamente alla stessa azienda, la dott.sa Valentina Sapone, archeologa, esperta in beni culturali e dottore in ricerca, la quale riveste il ruolo di Direttrice scientifica del Museo, e che, lasciatemelo dire, è stata una superba conduttrice,  e Luciano Guerra, show man, attore e performer, ma il cui legame con la organizzazione imprenditoriale la si evince immediatamente dal suo cognome: Guerra, figlio del dott. Michele Guerra.  

L’intervento iniziale è stato demandato al padrone di casa che ha spiegato le ragioni della sua “Vision” e lo spirito col quale ha affrontato le vicissitudini e le soddisfazioni per portare a termine la straordinaria opera.  Poi ha invitato sul palco per ringraziarli e onorarli materialmente, in primis i suoi collaboratori di tutte le sedi della sua impresa e poi, donando alla platea anche un moto di emozione, la sua straordinaria famiglia, nipoti compresi.

Nel prosieguo, dal palco hanno portato il loro saluto, il Presidente Provinciale della Croce Rossa Italiana, l’avv. Raffaele di  Sabato; Il Vicesindaco del Comune di Manfredonia, Salvatore Zingariello; il vicario foraneo di S. E. Mons. Michele Castoro Arcivescovo di Manfredonia, S. G. Rotondo e Vieste, non potendo egli stesso presenziare per gravi motivi di salute; il Presidente di Confindustria Foggia, l’ing. Gianni Rotice; il dott. Massimo Verderosa ha portato i saluti della Pro Loco di Manfredonia e la stessa dott.ssa Valentina Sapone per l’Agenzia del Turismo di Manfredonia. Infine sono stati letti, i saluti e gli auguri fatti pervenire dal Vicepresidente del consiglio della Regione Puglia, avv. Gatta e sono stati citati i molteplici messaggi di congratulazioni ricevuti, compreso quello della Sede di Monte Sant’Angelo dell’Archeoclub d’Italia del sottoscritto.

Il programma della manifestazione ha previsto e sul palco consegnati, anche un riconoscimento con targa al Presidente della XIV Commissione Politiche dell’Unione Europea- Camera dei Deputati on. Michele Bordo; al Vicepresidente del Consiglio Regione Puglia, avv. Giacomo Diego Gatta; Al Sindaco di Manfredonia Angelo Riccardi; al Vicesindaco Salvatore Zingariello; Al Presidente della Pro Loco di Manfredonia Francesco Schiavone; All’ex Capoturno tecnico di pronto intervento, addetto alla protezione, prevenzione e sicurezza antincendio presso lo stabilimento petrolchimico di Gela, Aldo Pastorello; al Maestro d’ascia Antonio Berardinetti ( il quale per ben 2 anni, ha dichiarato il dott. Michele Guerra, col suo lavoro ha reso  materialmente possibile la realizzazione del museo); Ed infine all’Arch. Mario Trematore, ex vigile del fuoco che nel 1997, durante l’incendio del Duomo di  Torino ha portato in salvo la Sacra Sindone.

Inoltre, una toccante ed emotivamente forte, riflessione, credo vera, scritta da un pompiere su ciò che accade nel suo delicatissime e pur importante mestiere e letta dal bravo attore e fine dicitore Matteo Maria Dragone 

A corollario, ma solo per modo di dire, stante la qualità e il grado di preparazione profusi, sono stati eseguiti e rappresentati brani musicali e balletti acrobatici davvero strepitosi, ma di questo vi parlerò nel prossimo step.

Miky Lauriola  

La nostra pagina facebook