logo

Nella costituzione del nuovo Stato Italiano furono i proprietari terrieri della nuova borghesia agraria, eredi della tradizione feudo-nobiliare, a ricevere enormi vantaggi nella conservazione dei terreni demaniali usurpati. Un abuso perpetrato a discapito delle previste e legittime «quotizzazioni» dei demani, che dovevano necessariamente favorire e sviluppare la piccola proprietà contadina.


Dieci anni fa la città processò e condannò Napoleone Bonaparte, i ricordi del processo

«Mancano pochi giorni al 10 e al 25 febbraio, giorni in cui “la città di San Severo subì strage, rapine, incendi e violenze di ogni sorta” e, in una manifestazione organizzata all’epoca, l’allora presidente del Tribunale di Foggia, dott. Teodoro Rizzi, auspicava che “l’Amministrazione comunale ricordi sempre il tributo di sangue che i cittadini di San Severo hanno pagato nelle tragiche giornate del febbraio 1799”, io oggi mi auguro che la ricorrenza serva a rivedere con attenzione i fatti, a riproporli, semmai, per meglio conoscerli nei più profondi risvolti e soprattutto per spiegarsi i comportamenti umani.

Il sito dolmenico di Valle Spadella riserva continue sorprese. Gli ultimi ritrovamenti individuati nella “Valle dei Dolmen” ,infatti, rappresentano una ulteriore conferma che il Gargano, appunto la Montagna del Sole, fosse un ambiente interamente dedicato ai riti propiziatori per venerare il Sole, divinità simboleggiante la potenza della Natura e la Vita.

 Dopo il plebiscito dell'ottobre 1860, tenutosi per annettere frettolosamente il Regno delle Due Sicilie al resto dell'Italia, i vecchi soldati borbonici furono mandati a casa senza paga in congedo illimitato perché ritenuti del tutto inaffidabili. Senz'altro a conoscenza della minaccia di Cavour di richiamarli alle armi qualora avessero provocato disordini, erano sempre pronti a fuggire di notte nelle campagne e nei boschi.

 

Il grano è stato l’alimento indispensabile per le famiglie contadine, oltre ai legumi e alle patate. Ogni contadino lo conservava, in luogo asciutto, dentro un grande sacco di juta chiamato balla o balletta( a seconda della dimensione), ventilato spesso durante l’anno. Di volta in volta si portava al mulino la quantità necessaria al fabbisogno famigliare per essere macinato e trasformato in farina, in cruschetta e in crusca.

Nato a San Giovanni Rotondo nel 1681, Celestino Galiani risulta da studi documentati uno dei principali diffusori del newtonianesimo in Italia, diventando nel tempo un assoluto protagonista nella difficile e complessa mediazione tra le spinte culturali settecentesche dei «nuovi filosofi» e le tendenze conservatrici della Chiesa cattolica.

 Sono l’architetto Raffaele Renzulli, originario di Monte Sant'Angelo; vivo e lavoro da molti anni, a Benevento. Sono appassionato di archeologia e dei miei luoghi di origine in cui, durante periodi di vacanze, compio lunghe escursioni in ambienti splendidi e ancora tutti da scoprire, con alcuni amici che condividono con me   interessi,   buone     competenze e    spiccato      spirito      di           riflessione,in un appuntamento periodico che ognuno cerca di rispettare.

Rinnovato il consiglio direttivo dell’organizzazione giovanile che cerca nuovi collaboratori

 CAGNANO VARANO, 13.01.2016 – Con l’inizio del nuovo anno l’Associazione Sococulturale Schiamazzi, realtà operativa da anni sul Gargano, ha rinnovato il suo Consiglio Direttivo. Iolanda Carbonelli (26 anni e studentessa di giurisprudenza) è stata eletta nuova presidente. Già vicepresidente dell’associazione per due mandati, verrà affiancata dall’altrettanto giovane Giuseppe Miucci (23 anni, studente di medicina) come vicepresidente e segretario ed Emanuele Sanzone (presidente in uscita).