Monte Sant Angelo: periferie esistenziali e volti della speranza - Monte S. Angelo Notizie - ilgiornaledimonte.it

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per continuare la navigazione,  clicca sul pulsante per chiudere.

questo sito non fa raccolta dati degli utenti, pertanto non è soggetta al GDPR.

 EVENTUALI BANNER PRESENTI NEL SITO POTREBBERO FARE RACCOLTA DATI NON DIPENDENTI DA NOI. 

logo

Domenica 2 febbraio ore 19.00 -Salone parrocchia “Santa Maria del Carmine”

 (incontro inerente la 36ª giornata nazionale della vita)

 La vita è un dono anche quando essa è graffiata dalla sofferenza dai tanti “volti”. Ci sono poveri “in divisa”, cioè facilmente riconoscibili (sfrattati, disoccupati, alcolizzati, carcerati, sofferenti psichici…), e ci sono poi coloro che “sull’abito civile comune, impeccabilmente tagliato sulla moda dei nostri giorni, hanno un piccolo distintivo all’occhiello che li contrassegna come ultimi”. Si tratta di quanti vivono silenziose sofferenze mentali, ansie, paure e quant’altro induce ad una sorta di solitudine antropologica. Diventa, allora, fondamentale verificare e cercare quelle strategie efficaci per la cura della persona nel tempo della malattia. Di quelle “patologie” standard, facilmente riconoscibili, e di quelle sofferenze invisibili.

Il punto resta quello di sostenere e promuovere sempre e comunque il valore della vita. In proposito afferma Papa Francesco, nell’annuale messaggio per la Giornata nazionale della vita (2 febbraio): “Per porre i mattoni del futuro siamo sollecitati ad andare verso le periferie esistenziali della società, sostenendo donne, uomini e comunità che si impegnino per un’autentica “cultura dell’incontro”. Ci sono degli “esiliati nascosti” nella odierna cultura, delle presenze ingombranti e scomode, che possono essere la spia di controllo per una società che ha smarrito il rispetto della dignità umana.

Domenica, 2 febbraio ore 19.00, a Monte Sant’Angelo, presso la parrocchia “Santa Maria del Carmine”, si realizzerà un incontro inerente le periferie esistenziali presenti anche nella città dell’arcangelo. Si delineeranno alcuni ambiti di fragilità e solitudine, ma anche sarà la giusta occasione per raccontare le iniziative atte a sostenere la speranza in tempi cupi.

Interverrà all’incontro:

-         Valentina Lombardi, oncologa presso al RSA di Monte Sant’Angelo

-         Volontari presso anziani a domicilio e ospedalizzati

-         Alunni-volontari impegnati con minori ed anziani.