Presentata la carta dei servizi della Caritas - Monte S. Angelo Notizie - ilgiornaledimonte.it

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per continuare la navigazione,  clicca sul pulsante per chiudere.

questo sito non fa raccolta dati degli utenti, pertanto non è soggetta al GDPR.

 EVENTUALI BANNER PRESENTI NEL SITO POTREBBERO FARE RACCOLTA DATI NON DIPENDENTI DA NOI. 

logo

  

per veder le altre foto CLICCA QUI

Ieri, nell’aula consigliare del comune di Monte S. Angelo, è stata presentata la carta dei servizi della Caritas della Diocesi di Manfredonia - San Giovanni R. – Vieste.

A presentare la Carta è intervenuto il presidente della Caritas Diocesana don Domenico Facciorusso, che ha spiegato ed illustrato ai presenti i luoghi ed i servizi che vengono offerti ai meno fortunati.

L’intervento è stato preceduto da una introduzione del Prof. Antonio Stuppiello, a cui hanno fatto seguito gli interventi delle Professoresse Ricucci e Prencipe che con la caritas locale stanno sviluppando dei progetti insieme ai ragazzi del triennio delle scuole di Monte S. Angelo.

Anche Matteo Granatiero, responsabile della caritas della parrocchia di S. Maria del Carmine ha voluto rimarcare, nel suo intervento, l’importanza sia dei progetti che delle altre attività che la stessa caritas locale svolge da tanti anni.

L’assessore ai servizi sociali Felice Scirpoli nel suo intervento ha esposto tutti i progetti che il comune di Monte S. Angelo attraverso l’assessorato che rappresenta, sta portando avanti, anche perché come lui stesso ha detto, in un momento difficile come questo l’attenzione deve essere rivolta ai più deboli.

Il Sindaco Di Iasio ha ringraziato don Domenico e la Caritas e tutto il mondo del volontariato locale per il forte impegno che li vedono sempre in prima linea.

La presenza della caritas nella diocesi cerca di essere molto capillare grazie alle parrocchie stesse, i numeri degni di nota sono le tre mense, di cui due a Manfredonia e uno a San Giovanni Rotondo, due punti doccia a Manfredonia, due punti per immigrati, uno a Siponto e uno a Borgo Mezzanone, un punto di ospitalità per gestanti e madri con figli a Manfredonia, mentre i centri di ascolto e i punti di viveri e vestiario sono presenti in tutti i paesi della diocesi.

Un mondo questo che va sostenuto e implementato per portare conforto anche ai nuovi poveri, di cui il presente si sta arricchendo sempre di più.