SIAMO I DESTINATARI DI UNA GRANDE ATTENZIONE DI AMORE - Commento al Vangelo del 22 luglio - Monte S. Angelo Notizie - ilgiornaledimonte.it

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per continuare la navigazione,  clicca sul pulsante per chiudere.

questo sito non fa raccolta dati degli utenti, pertanto non è soggetta al GDPR.

 EVENTUALI BANNER PRESENTI NEL SITO POTREBBERO FARE RACCOLTA DATI NON DIPENDENTI DA NOI. 

logo

Marco 6,30-34
 
In quel tempo, gli apostoli si riunirono attorno a Gesù e gli riferirono tutto quello che avevano fatto e quello che avevano insegnato. Ed egli disse loro: «Venite in disparte, voi soli, in un luogo deserto, e riposatevi un po’». Erano infatti molti quelli che andavano e venivano e non avevano neanche il tempo di mangiare. Allora andarono con la barca verso un luogo deserto, in disparte. Molti però li videro partire e capirono, e da tutte le città accorsero là a piedi e li precedettero.
Sceso dalla barca, egli vide una grande folla, ebbe compassione di loro, perché erano come pecore che non hanno pastore, e si mise a insegnare loro molte cose. 
 
SIAMO DESTINATARI DI UNA GRANDE ATTENZIONE DI AMORE
 
Di Domenica in Domenica, nelle nostre riflessioni, ci promettiamo di fare qualcosa. La nostra logica umana chiederebbe subito “Come è andata? A che punto siamo? Cosa abbiamo concluso?”. Siamo purtroppo immersi in questa logica del “vale se produci, se fai” riducendo tutto il nostro senso e dignità in questi termini. Lui come al solito esce dagli schemi, non riesce a ridurre la sua visione a qualcosa di così povera per la nostra dignità. Il suo ansioso e affannoso amore per noi non riesce a confinarsi in qualcosa di stabilito, va oltre, si preoccupa di qualcosa di più. Non ci chiede quanto abbiamo prodotto, se abbiamo prodotto bene, ci guarda solamente dritto negli occhi per stringerci al cuore e dirci “figlio mio come stai? Sei stanco, sfiduciato, quanto hai speso di te nelle fatiche che ti ho chiesto nella vita?”. Siamo così avvolti in un meraviglioso e paterno abbraccio che ci sazia, si trasforma per noi in cibo, in bevanda fresca, in luce, si fa per noi elemento del nostro bisogno. Come quando due innamorati dopo un litigio o dopo un periodo di lontananza urgono restare stretti e sentire il battito del cuore, il respiro, il calore del corpo. Un momento pieno ed emozionante che non si è fermato 2000 anni fa, ma continua, si ripete in quel “fate questo in memoria di me”, si ripete ogni domenica nella Messa. Altro non è che un grande abbraccio di un Padre, di un innamorato che dopo una settimana immersi nella fatica e nella preoccupazione ci stringe e vuole ascoltarci (signore pietà), vuole parlarci per ridarci senso e forza (letture e omelia), vuole prendere ciò che abbiamo da consegnarli, povertà comprese (offertorio) e ci consegna se stesso poi per riempirci ancora (comunione). La Messa è un momento privilegiato di quel “andiamo in disparte”, è il momento privilegiato di amore, Gesù si consegna tutto come un vero innamorato. Ovviamente la potenza di Dio non può fermarsi solo alla Messa, ma nella libertà del Suo Amore si manifesta a noi in tantissimi altri modi. Importante è ascoltarli e ascoltare il proprio cuore, non far finta di nulla. Quando nella vita ci sentiamo stanchi, oppressi, delusi, ci sentiamo scoppiare sotto le pretese del mondo e degli altri e dentro ci nasce quella voglia di scappare non perdiamola, e non sminuiamola così pensando che mai potremmo isolarci e trovare pace. Chissà che quel desiderio interiore non sia la Sua voce che dice “vieni figlio/a mio/a andiamo in disparte”. Troviamoci i momenti sono possibili, restiamo con Lui in silenzio, con la Sua Parola, con l’assemblea che si riunisce nel suo nome, troviamoci guide che ci accompagnino verso questo silenzio interiore. Il deserto nella città è possibile se desideriamo costruirlo in noi, in piccoli angoli e stralci. Solo se viviamo questi respiri di amore ameremo noi stessi, avremo piena autostima di noi, del nostro operato, e sapremo amare anche i nostri difetti e ameremo gli altri, la loro vita e i loro difetti con più passione. BUONA DOMENICA!!!