Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per continuare la navigazione,  clicca sul pulsante per chiudere.

questo sito non fa raccolta dati degli utenti, pertanto non è soggetta al GDPR.

 EVENTUALI BANNER PRESENTI NEL SITO POTREBBERO FARE RACCOLTA DATI NON DIPENDENTI DA NOI. 

logo

Vangelo Un figlio prodigato da un Padre che non perde mai la speranza di riabbracciarlo e fare festa per il suo ritorno. Un figlio estraneo e separato in casa che non si è mai sentito figlio. Una trama sulla quale indugiare, scavare e confrontarci. Questa volta, però, sono attratto dalla Festa. C'è festa e ... Festa. Quelle che escludono: i farisei che non ammettono pubblicani e peccatori; il figlio minore che va via di casa e pensa di andare a fare festa 'altrove'; il figlio maggiore che cova un rancore per quel capretto mai avuto e che avebbe mangiato con amici e senza il Padre. E Quelle che includono: un Padre che investe tutto per far sentire figli quelli che erano scappati e manda Suo Figlio in mezzo a loro non come intrattenitore ma come Agnello immolato; riconsegna i sigilli e i segni della figliolanza a chi li aveva disprezzati (anello, sandali e tunica); condivide tutto il Suo patrimonio con chi è in casa. Il Vangelo ci dá notizia che il più disgraziato è l'unico, perché costretto, a frantumare la sua idea festa. È fallita. È andata vramente male. Degli altri non sappiamo. Tutti vogliono far festa ma perché questa riesca è necessario frantumare la mia idea di festa per entrare nella Festa del Padre: ricca, duratura e coinvolgente. E io a che festa sto partecipando? Buona domenica a tutti.