logo

CHE GIOIA, EGLI VIVE PER NOI!

Gli Evangelisti ci raccontano ciò che è accaduto alle donne mirofore la mattina di Pasqua: la tomba è aperta e vuota, non c’è più il corpo di Gesù morto e un angelo annuncia loro “Non è qui! E’ Risorto!”. Allora “con timore e gioia grande” esse corsero a dare la notizia agli apostoli. Da tutte le pagine del Nuovo Testamento emerge insistentemente la gioia della Resurrezione di Cristo e noi suoi discepoli non possiamo non avere questa stessa gioia grande, permanente, in quanto il Risorto è luce gioiosa che illumina e vivifica l’orizzonte della nostra vita e ci dona speranza e carità.

Monte S. Angelo non si stanca, don Domenico Facciorusso non si stanca, coloro che lo supportano non si stancano di fare qualcosa per chi non può.

Don Domenico è convinto che le parrocchie a Monte S. Angelo fanno tanto per la gente, che i parroci sono molto impegnati nelle proprie parrocchie allora gli chiediamo cosa sta programmando, una nuova sfida è in cantiere ci -dice il don-, io ed altri che hanno voglia di correre come me vogliamo lanciare questo  progetto e lo abbiamo chiamato “SOSTENIAMO LE FAMIGLIE: CENA, FESTA E SOLIDARIETA'”.

Il 21 marzo -inizio della primavera- è scelto come il giorno del ricordo e dell'impegno sul fronte della legalità. Un giorno per 'piangere' le tante vittime innocenti delle mafie e rimotivare le scelte di una presenza che vuole essere come il sole che sorge sulle tante oscurità della società graffiata nella sua dignità. Tante iniziative -marce, conferenze, incontri col mondo della scuola- segnate da un unico fine:dare volto alla speranza.

 Arrivi entro le 9.00.

Ogni gruppo giovani parrocchiale che proviene da fuori Manfredonia viene ospitato e gemellato con una parrocchia di Manfredonia. Fino alle 10.30 c’è il tempo per fare uno scambio di esperienze tra i giovani delle diverse parrocchie e per ricevere una breve testimonianza da parte di un religioso/a. Poi ci si avvia verso Piazza del Popolo. 


Il bene va fatto insieme! Il momento presente chiede gesti semplici ed importanti come anche la colletta alimentare cittadina. Un momento in cui il buon cuore si fa vicino alle famiglie bisognose. Si cercano persone disponibili ad indossare la casacca della caritas diocesana e sensibilizzare la gente nei pressi dei market. Chi fosse disponibile  può contattare DON DOMENICO FACCIORUSSO parroco della chiesa del Carmine e direttore della Caritas Diocesana.

Quotidianamente il tempio meraviglioso che siamo è minacciato dalla nostra fragilità, che ci svende e svilisce. Fragilità nostra, per cui compiano ciò che neache penseremmo, fragilità verso altri o da altri, per cui si mette in circolo negatività. Gesù dice che può distruggere e ricostruire. Un messaggio di speranza: nulla in noi è mai perso, nulla è mai svenduto. E' la Pasqua verso cui andiamo. Esistono tempi di pietra in cui rendere lode e il tempi più belli che siamo noi, con cui rendere lode nella società con bellezza, speranza e amore.

Sottocategorie