Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per continuare la navigazione,  clicca sul pulsante per chiudere.

questo sito non fa raccolta dati degli utenti, pertanto non è soggetta al GDPR.

 EVENTUALI BANNER PRESENTI NEL SITO POTREBBERO FARE RACCOLTA DATI NON DIMPENDENTI DA NOI. 

logo

 Chi nì fabbriche e chi nì marite, nì sa chi è la vite
Chi non fabbrica e chi non marita non sa che cosa è la vita

N'accattà pasce a la marine, nè frutte a lu ciardine
Non comprare pesce alla marina, nè verdura al giardino

Ognune vò tirà l'acque a lu muline sù
Ognuno vuol tirare l'acqua al mulino suo

Chi tarde cape, lu pegge zi toje
Chi tanto sceglie, il peggio si piglia

Chi ti fa ride ti fa chiagne
Chi ti fa ridere ti fa piangere

Lu cane ch'abbaje nì mocciche
Il cane che abbaia non morde

Ni crade a fammine ca chiagne, nè a cavalle che sude
Non credere nè a femmina che piange, nè a cavallo che suda

N'è tutt'ore qualle che lucce
Non è tutto oro quello che luccica

Lu giovine more p' disgrazie, lu vicchje more  p' fforze
Il giovane muore per disgrazia, il vecchio muore per forza

Chi giovine zi guverne, vicchje more
Chi da giovane si governa, vecchio muore

Mittiti 'nghi chi è maje di tà e fai li spase
Mettiti con chi è meglio di te e fagli le spese

Case addù porte, lu diavele zi li porte
Casa a due porte, il diavolo se la porta

Case sirrate, nì mene uerre
Casa chiusa, non mena guerra

Chi vò la case natte, la gende dill'iddre nì ngi li matte
Chi vuol la casa netta, gente di altri non ci metta

E meje a esse puste di votte, ca cape di case
E' meglio essere posto di botte, che capo di casa

Guaje a chilla casa addò lu cappelle nin gi antre
Guai a quella casa dove il cappello non entra (dove non ci sono uomini)

'n case dill'iddre nì purtà ma' gende
In casa di altri non portare mai gente

Ogne celle tà lu nide sù
Ogni uccello tiene il suo nido

Ti lundane da la case a tì tre cì: cainiti, cugine e cumbare
Tieni lungi dalla tua casa tre ci: cognati, cugini e compari

Ommine avvirtite è mezze salvate
Uomo avvisato è mezzo salvato

Triste a chilla case addò cande la alline e no lu alle
Triste quella casa dove canta la gallina e non il gallo

Li cumbare di Vaste, uje zi fanne e dimane si sfascine
I compari del Vasto, oggi si fanno e domani si guastano

Nì dà moje a nu Sambunese, nè cavalle a nu Vastarole
Non dar moglie ad un sanbuonese, nè cavallo ad un vastese (perchè li maltrattano)

Chi tà la code di paje zi l'abbruce
Chi tiene la coda di paglia se la brucia

Lu uappe ni zi more a la case a sù
Il guappo non muore a casa sua

P' lu piccatore paghe l'innucente
Per il peccatore paga l'innocente

Sitacce a mi sitacce, come fi accuscì ti facce
Setaccio mio setaccio, come mi fai così ti faccio (occhio per occhio dente per dente)

Cande ni tì spriche, cande ti sparagne
Quando non hai spendi, quando hai frenati

Chi tà li cazzune n'arivà ma' addijune
Chi tiene i calzoni non torna mai a digiuno (per dire che l'uomo se la cava sempre)

Fa lu passe n'base a la cosse
Fai il passo secondo la gamba

Mala nuttate e citela fammine
Cattiva notte e bambina femmina

Chi è state muzzicate da la serpe tà paure di la lucertule
Chi è stato morsicato dalla serpe ha paura della lucertola

Chi dorme a lu mezze ni j' manche ma linzule
A chi dorme in mezzo non mancano mai le lenzuola

Chi bune laghe, bune a scioje
Chi bene lega, bene scioglie

E' meje l'ove uje ca la alline la matine
Meglio l'uovo la sera che la gallina la mattina

Gna ti fi lu lette, accuscì ti ci curiche
Come ti fai il letto, così ti ci corichi

Lu sorge ca tà na cavute, more subbite
Il topo che tiene una tana, muore presto

Na vodde zi li fa fà lu cane, doppe ci pare la code
Una volta se lo fa fare il cane, dopo ci para la coda

Poche pane mittile 'mmane, poche carne pije l'osse, poche vine bive prime
Poco pane mettitelo in mano, poca carne prendi l'osso, poco vino bevi prima

Tutte li cunzije tuje, lu tù ni li lassà
Tutti i consigli prendi, il tuo non lo lasciare

Chi 'mbreste, nì j'arimane
Chi presta, non gliene rimane

Preste a riscote, tarde a pahà
Presto a riscuotere, tardi a pagare

Chi tà pane ni tà dinde, e chi tà dinde ni tà pane
Chi tiene pane non ha denti, e chi tiene denti non ha pane

Lu monne apposte è belle, piccà è varie di cirvelle
Il mondo perciò è bello, perchè è vario di cervello

A lu fusare ni j' manghe fuse, a li fammine ni j' manghe scuse
Al fusaro non mancano fusi, alle femmine non mancano scuse

Canda la fammina vò nisciune dijavile c'iappò
Quando la femmina vuole, nessun diavolo ce la fa

Canda lu lupe ni là putute arrivà, a ditte ca ere nare
Quando il lupo non l'ha raggiunto, ha detto che era nero

Canda lu dijavele t'accarazze ti vò toje l'anime
Quando il diavolo ti accarezza ti vuol togliere l'anima

Canda sì martelle vatte, si divinde 'ngudine ti vattine a tà
Quando sei martello batti, se diventi incudine batteranno te

Chi sparte à la maja parte
Chi sparte ha la migliore parte

Doppe fatte è n'addre patte
Dopo fatto è un altro patto

Fa lu cicate p' nì vidà, lu sorde p' nì sindì
Fai il cieco per non vedere, il sordo per non sentire

Si la racchie ni sende la prima voce, e sagne ca la canzone nì j' piace
Se l'orecchio non sente la prima voce, è segno che la canzone non gli piace

Li puviri zi litighi, li ricchi vanne d'accorde
I poveri si invidiano, i ricchi vanno d'accordo

Chi n'arrobbe ni fa la rrobbe
Chi non ruba, non fa la roba

La farine di lu dijavile zi li porte lu vende
La farina del diavolo se la porta il vento

Nghi la fatije 'nze rricchite nisciune
Con il lavoro non si è arricchito nessuno

Robbe chi ni è sudate 'nzi mandè a lunghe
Roba che non è sudata non si mantiene a lungo

Fije di atte, sorge acchiappe
Figlio di gatto, sorci acchiappa

Gna è la sumenda aesce la chiande
Come è il seme esce la pianta

A li bille va lu fume, a li vicchjie zi cunsume
Alle belle va il fumo, alle vecchie si consuma

Chi tè la moje belle, n'è tutte la sù
Chi tiene la moglie bella, non è tutta sua

Chi nasce belle, ni è 'ntutte puvirelle
Chi nasce bella, non è in tutto poverella

Ommine sbarbate e fammine barbute, manghe li prede li salutine
Uomo sbarbato e femmina barbuta, neanche le pietre li salutano

Canda t'ada 'mbrijacà, 'mbrijachite di vine bune
Quando ti devi ubriacare, ubriacati di vino buono

Chi bune ti vò, a la case t và a truvà
Chi bene ti vuole, a casa ti viene a trovare

Chi fà bune vò ress accise
Chi fa bene vuole essere ucciso

Fa bune e scurdite, fa male e pinzice
Fai del bene e scordalo, fai del male e pensaci

Lu bene zi canosce canda zi perde
Il bene si conosce quando si perde

Male ni fa, paure n'avà
Male non fare, paura non avere

Ni fa bune ca è spricate, ni fà male ca è piccate
Non far del bene che è sprecato, non far del male che è peccato

Acciaie e acciaie n'attacche
Acciaio e acciaio non legano (cioè cattivi con cattivi non legano)

Chi fazz aggisce fazz more
Chi da falso agisce, da falso muore

Chi tè ammende 'nderre e traditore
Chi guarda a terra è traditore

Chi nasce torte, more torte
Chi nasce storto, storto muore

Chi nasce tonne ni po' murì quadre
Chi nasce tondo non può morire quadro

La mala jerve nè more maje
La cattiva erba non muore mai

La peggia rote di lu carre zichilaje
La peggiore ruota del carro cigola

Lu vove dice curnute all'asine
Il bue dice cornuto all'asino

Pile rusce chiuttoste ti mure, no ca li canusce
Peli rossi, piuttosto muori anzichè conoscerli

Va a la chijse? Lighile ca è ladre
Va in chiesa? Legalo perchè è ladro (riferito a persone che in Chiesa accendono lampade votive e nella vita commettono crimini)

Acque calle, cule ti pale
Acqua calda, culo ti pela

Chi va 'nghi lo zoppe 'mpare a ciuppucà
Chi va con lo zoppo impara a zoppicare

Lambe di livande lu vende ni mmanghe
Lampeggia da levante, il vento non manca

Lambe da punende, ni po' scì ma senza nijente
Lampeggia da ponente, non può uscir mai senza niente

Lune a zampe di gragne, lu tempe trambe
Luna a zampa di granchio, il tempo è in dubbio

Ogne vende c'appose, ogne mare aripose
Ogni vento che si calma, ogni mare riposa

Lu scirocche uje tire e dumane scrocche
Scirocco oggi spira e domani scrocca

Si cande la racanelle, zi guaste lu tempe belle
Se canta la raganella si guasta il tempo bello

A la prime acque d'aoste, lu povire e lu ricche z'aricanosce
Alla prima acqua di agosto, il povero e il ricco si riconoscono (i ricchi si proteggono dai primi freddi, i poveri non hanno panni da indossare)

Doppe Natale, fradde e fame
Dopo Natale, freddo e fame

Lu jurne di cucule, cende chiove e une l'assughe
Il giorno del cuculo, cento ne piovono e uno li asciuga

Lu mase di maje, feste feste mi ni vaje
Il mese di maggio, feste feste me ne vado

A amice e cumbare zi parle chiare
Ad amici e compari si parla chiaro

A l'amiche ni fa cridenze, ca ma' ci pinze, e si ti vade, vodde vì e ti li fi nimiche
All'amico non far credito, perchè mai ci pensi, e t'incontra cambia strada e te lo fai nemico

Chi casche povire perde ogne micizie
Chi cade in povertà perde ogni amico

Tinenne e mendinenne zi tè l'amicizie
Tendendo e mantenendo si tiene l'amicizia

Canda l'asine raje vò la paje, canda l'ommine suspire vò la moje
Quando l'asino raglia vuol la paglia, quando l'uomo sospira vuol la moglie

Chi vò tinà l'amande sicrete, la jastame canda li send a 'nnummunà
Chi vuol tenere l'amante segreto, lo bestemmia quando lo sente nominare

Chi è gilose è curnute
Chi è geloso è cornuto

E' dilore a perde lu parende, ma 'cchiù dilore è a perde l'amande
E' dolore perdere il parente, ma è più dolore perdere l'amante

L'amore di carnivale zi more a la quarasime
L'amore di carnevale muore in quaresima

La fame è nare e l'amore li passe Ma s'ingazze la fame, l'amore si lasse
La fame è nera e l'amore lo supera Ma se incalza la fame, l'amore si lascia

L'ommine senz la fammine è mezze pazz, ma la fammine senz'ommine è pazze 'ntutte
L'uomo senza la femmina è mezzo pazzo, ma la femmina senza uomo è pazza del tutto

Tre cose a lu monne 'nzi pò scurdà: la mandinute, la micizie e lu prime amore
Tre  cose al mondo non si possono scordare: la mantenuta, l'amicizia ed il primo amore

Tre cose 'nzi pò annasconne: la toscie, l'amore e la rogne
Tre cose non si possono nascondere: la tosse, l'amore e la rogna

Ucchie chi ni vade, core chi ni disidere
Occhio che non vede, cuore che non desidera

Zucchere, cafè e pape trite, la fammine chi chiagne vò lu marite
Zucchero, caffè e pepe tritato, la femmina che vuole il marito

La cicale tande cande ca schiatte
La cicala tanto canta che muore

Ch'accide na 'atte, tà sett'anne di disgrazie
Chi uccide un gatto, ha sette anni di disgrazia

Chi ni pò vidà l'animale ni pò vidà li cristijane
Chi non ama gli animali non ama neanche le persone

A la case di li sunature 'nz'abballe
In casa dei suonatori non si balla

A socere e cainate, canda ni fì è spricate
A suocero e cognato, ogni cosa che fai è sprecata

Li parindi sò come li stivale, cchiù sò stritti e cchiù ti fanne dilore
I parenti sono come gli stivali, più sono stretti e più ti fanno male

Addò sta cchiù 'alle ni fà ma' jurne
Dove ci sono tanti galli, non fa mai giorno

Chi tà l'ucchie e langhe arrive addo vò
Chi ha occhi e lingua arriva dove vuole

Chi dice qualle chi sà, zi vanne qualle chi tà
Chi dice quello che sa, vende quanto tiene

La langhe ni tà osse, e osse rompe
La lingua non ha ossa, e le ossa rompe

Vocca onda ni racconde
Bocca unta non racconta

L'ommine z'attacche a li chiacchiere, li vaccine a li corne
L'uomo si attacca alle parole, i buoi alle corna

Qualle che vida vida, e qualle ca sinde sinde
Qualunque cosa vedi e qualunque cosa senti

A la fine di uttobbre z'aritirine li barche e z'atturine li votte
Alla fine di ottobre si ritirano le barche e si chiudono le botti

E' meje facce roscie che core afflitte
E' meglio faccia rossa che cuore afflitto

'nzi pò avè la votte chiane e la moje 'mbriache
Non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca

A chiagne la morte è lacrime pirze
A piangere la morte sono lacrime perse

L'acque e la morte sta arrete a la porte
L'acqua e la morte stanno dietro la porta

La pacinze li tà lu moneche
La pazienza la tiene il monaco

La morte ni pò scì senza rise, la zite ni pò scì senza chiegne
Il morto non può uscire senza riso (risata), la sposa non può uscire senza pianto (emozione)

Chi addra ni tà, 'nghi la moje ze và a durmì
Chi altra non ha, con la moglie va a letto

P'arisanà la muccicature di lu cane, ci vò lu pale sù
Per risanare il morso del cane, ci vuole il suo pelo

Chi zappe bave l'acque e chi file bave lu vine
Chi zappa beve l'acqua e chi fila beve il vino

Cand'è chiare la mundagne pije la zappe e và a uadagnà
Quando è chiaro in montagna prendi la zappa e va a guadagnare

Canda ci sta li nivule a marine, pije lu sacche e và a lu muline
Quando è nuvoloso alla marina, prendi il sacco e va al mulino

La nave di jinnare è fort gnè l'acciare, qualle de fibbrare è gnè la paje dill'are
La neve di gennaio è forte come l'acciaio, quella di febbraio è come la paglia dell'aia

La lune sittimbrine addre sette zi trascine
La luna settembrina altre sette si trascina

Lambe da tramundane, lu faugne chiame
Lampi da tramontana, libeccio chiama

Terre janche ci pisce lu cane, terre nare fa bune lu grane
Terra bianca ci piscia il cane, terra nera fa buono il grano

Archebalene di matine ariagne lu cutine, archebalene di sare bontempe mane
Arcobaleno di mattina riempie il catino, arcobaleno di sera buon tempo mena (si spera)

Canda chiove 'nghi lu sole, cacche vicchjie và 'nnamore
Quando piove col sole, qualche vecchia va in amore

Canda cante lu alle 'mprima sare, male tempe mane
Quando canta il gallo di prima sera, cattivo tempo mena (ci si aspetta)

L'acque di l'ascinzione ogne morre ni fà cende
L'acqua dell'Ascensione ogni spiga ne fa cento

La grannile n'à fatte ma' carastì
La grandine non ha fatto mai carestia

La fafe è la spije di l'annate
La fava è la spia dell'annata

Maje urtulane, naqualle paje e poca grane
Maggio ortolano, molta paglia e poco grano

Suminde la terre e spire a lu cile
Semina la terra e spera nel cielo

Marze sacche e abbrile tumbrate, vijate chill'ommine c'à sumundate
Marzo asciutto e aprile temprato, beato quell'uomo che ha seminato

Ogne riccazze da la terre vè
Ogni ricchezza dalla terra viene

Chiante la vigne addò z'adatte la votte
Pianta la vigna dove può stare bene poggiata la botte (cioè in pianura)

L'acque tra maje e abbrile vale nu carre d'ore 'nghi tutte chi li tire
L'acqua tra maggio e aprile vale un carro d'oro compreso chi lo tira

Canda vidate li nespule chiagnate ca è l'ultime frutte di l'istate
Quando vedete le nespole piangete, perchè è l'ultimo frutto dell'estate

Chi tè la vigne tè la tigne
Chi tiene la vigna tiene la tigna

Chi sumende e nì custudisce, nì tribule e nì 'ode
Chi semina e non custodisce, non lavora e non gode (guadagna)

Canda vè sa' Martine tutte mmoste è fatte vine
Quando viene san Martino, ogni mosto è diventato vino

Salve che a maje nì è, la siccite n'à fatte mà carastì
Salvo di maggio non sia, la siccità non ha fatto mai carestia

La fammine zi toje a la ceche, li citrune a la prove
La donna si sceglie alla cieca, i cocomeri con la prova

Chi paghe prime è male sirvite
Chi paga prima è mal servito

Chi nigozia cambe, chi fatije more
Chi negozia campa, chi lavora muore

Li prime solde nì zi lasse
I primi soldi non si lasciano

Lu barbire n'arrenne riste
Il barbiere non dà resto

Mastre d'ucchie, mastre di finucchie
Maestro d'occhi, maestro di finocchi

Mircande fallite, n'abbate a 'ndirresse
Mercante fallito, non bada a interessi

Ognune all'arte sù, lu lupe a li pecure
Ognuno all'arte sua, il lupo alle pecore

Sonene li cambane? Tanne fame li pridde
Suonano le campane? Hanno fame i preti

Và l'asine da la mundagne e cacce lu padrone da la stalle
Viene l'asino dalla montagna e caccia il padrone dalla stalla

Li fammine z'attande, li carte z'ammistichi e li solde zi condine
Le femmine si toccano, le carte si mescolano e i soldi i contano

Fatte la legge ammindate l'inganne
Fatta la legge trovato l'inganno

La corte zi chiame corta, ma cand'è longhe
La corte si chiama corta, ma quanto è lunga

La cocce di lu cafone è toste, ma la carte bullate l'ammolle
La testa dell'ignorante è dura, ma la carta bollata l'ammorbidisce

Lu porce, doppe ch'à magnate arittravodde lu trocche
Il maiale dopo che ha mangiato rovescia il truogolo

La moje chi vicchije zi li pije, zi perde la dodde e nì fà famije
La moglie chi vecchia se la piglia, pede la dote e non fa famiglia

Chi tà puca quatrine sembre conde, chi tà la moje belle sembre cande
Chi tiene pochi soldi sempre conta, chi tiene la moglie bella sempre canta

La buna moje fà lu bune marite
La moglie buona fa il buon marito

La fammine z'arissimije a la castagne: dafore è bbelle e dandre è mahagnate
La femmina assomiglia alla castagna: fuori è bella e dentro è difettosa

Li fammine sò lunghe di capille e curte di cirvelle
Le femmine hanno lunghi capelli e corto il cervello

La fammine tà sette spirite gnè la atte
La femmina ha sette spiriti come il gatto

La fammine, l'asine e lu predde, sò tre animale cucciute
La femmina, l'asino e il prete, sono tre animali cocciuti

Na fammine e na papire, à misse a r'bbelle Napule
Una femmina e una papera hanno creato caos in tutta Napoli (dove ci sono donne e oche le parole si sprecano)

Tire cchiù nu pale di fammine, ca na base di bastimente
Tira più un pelo di donna, che una gomena di bastimento

L'ucchie di lu padrone 'ngrasse lu cavalle
L'occhio del padrone ingrassa il cavallo

Nu padre cambe cende fije e cende fije ni pò cambà nu padre
Un padre tira su cento figli e cento figli non possono assistere un padre

Chi cagne pajase, cagne furtune
Chi cambia paese, cambia fortuna

Chi ni tà furtune, và pe fà lu sagne di la croce e zi ceche l'ucchije
Chi non ha fortuna si ceca l'occhio anche facendo il segno della croce

Tutte l'asine sò furtunate a stu monne
Tutti gli asini sono fortunati in questo mondo

Cand'arrive a la cinquantine, lasse la fammine e tuje lu vine
Quando arrivi alla cinquantina, lascia la femmina e prendi il vino

Chi ode a la giuvuntù, fa cattive vicchiaje
Chi gode in gioventù, fa cattiva vecchiaia

Visti nu strippone ca mi pare nu barone
Vesti una rocchia che sembra un barone

Micizie 'nghi tutte, fidele 'nghi nisciune
Amico con tutti, fedele a nessuno

'Ndì fidà manghe di la camice che purte 'golle
Non ti fidare nemmeno della camicia che indossi

P' canosce bune une, c'ada magnà nu cundale di sale
Per conoscere bene uno, devi mangiarci un quintale di sale insieme

Ch'alleve nu fije li fa pazze, ch'alleve nu porce li fa grasse
Chi alleva un figlio lo fa pazzo, chi alleva un maiale lo fa grasso

Chi ni tà cende l'alloche, chi tà une l'affoghe
Chi tiene cento figli li alloca, chi ne tiene uno l'affoga

E meje a' esse ricche di carne, ca di rrobbe
Meglio essere ricchi di carne, che di possedimenti

Acque e foche nì trovine ma' loche
Acqua e fuoco non trovano mai luogo

Canda 'ngì sta la atte, li surge abballine
Quando non c'è il gatto, i topi ballano

Capille e uà, nì manghene mà
Capelli e guai non mancano mai

Chi di spiranze cambe, dispirate more
Chi di speranza campa, disperato muore

Lu bune jurne zi canosce da la matine
Il buongiorno si vede dal mattino

Gnà è lu sande ze fa la feste
Come è il santo così si fa la festa

L'asine zi tocche, e li varile zi sfascine
Gli asini si urtano e i barili si rompono

Lu lette è de rose, chi 'ngi dorme c'aripose
Il letto è di rose, chi non ci dorme ci riposa

La alline fà l'ove e a lu ualle je dole lu cule
La gallina fa l'uovo ed al gallo duole il culo

Pure l'ucchije vò la parte asù
Anche l'occhio vuole la sua parte

Pi caccià nu mort ci vò quattre pirzone, pi caccià nu vive 'ng'avaste vindiquattre
Per cacciare un morto bastano quattro persone, per cacciare un vivo non ce ne bastano ventiquattro

Sparte palazze ch'arimane candone
Sparti palazzo che rimane cantone

Uaiune e pulle 'nzi vadine ma' satulle
Ragazzi e polli non si vedono mai sazi

La carne di vaccine sbriogne la cucine
La carne di mucca svergogna la cucina (perchè col cuocersi si riduce molto)

La vocche è stratte, ma ci cape la case 'nghi tutte lu tatte
La bocca è stretta, ma ci entra la casa con tutto il tetto

Nè a tavile, nè a lu lette zi porte rispette
Nè a tavola, nè a letto si porta rispetto

Pe nu pizziche di sale, zi uaste la minestre
Per un pizzico di sale, si guasta la minestra

Nu patrinostre n'arricchisce Gisù Criste
Un padre nostro non arricchisce Gesù Cristo

Chi parle 'nnende n'è traditor
Chi parla in faccia non è traditore

Chi dice la virità ni li ponne vidà
Chi dice la verità è malvisto

Ni sembre la virità zi pò dice
Non sempre la verità si può dire

A la case di lu vicine 'ngi jì spasse
Alla casa del vicino non andare spesso

Chi tà bune lu vicine, tà lu bune matine
Chi tiene il buon vicinato, tiene il buon mattino

Lu lupe cagne lu pale ma nò lu vizie
Il lupo cambia il pelo ma non il vizio

Ommine di vine ni vale nu solde
Uomo di vino non vale un soldo

Scherze di mane, scherze di villane
Scherzo di mano, scherzo di villano

Vizie di nature, fine a la mort dure
Vizio di natura, fino alla morte dura

La cumbudenzie è la mamme di la mmala crijanze
La confidenza è la mamma della cattiva creanza

Ni jì a lu spusalizie si no sì mmitate, ni jì a la corte si ni sì citate
Non andare alle nozze se non sei invitato, non andare a corte se non sei citato (in giudizio)

Quattr'ucchjie vadine maje de dù
Quattro occhi vedono meglio di due

Zi dice lu piccate nò lu piccatore
Si dice il peccato, non il peccatore

Lu moniche abbrugnose ariporte la visacce vudde
Il monaco timido riporta la bisaccia vuota

Canda l'ammalate pizziche 'nzi more
Quando l'ammalato pizzica non muore

Lu magnà poche ogne male accuiete
La dieta ogni male acquieta

Lu mediche pijtose fà la chiaghe virminose
Il medico pietoso, fa la piaga verminosa

Lu dispirate ni sende cunzije
Il disperato non sente consiglio

Chi tà pane magne, chi ni li tà zi ratte la panze
Chi ha pane mangia, chi non ne ha si gratta la pancia

E' maje dilore di sacche, ca dilore di core
Meglio dolore di saccoccia, che dolore di cuore

Li quatrine arimattine l'ucchije a lu cicate
I quattrini rimettono gli occhi ai ciechi

Quatrine e cuscinzie 'nzi sà chi li tà
Quattrini e coscienza non si sa chi li tiene

Quatrine e cippe sicche fà arde lu foche mmezze all'acque
Quattrini e ceppi secchi fanno ardere il fuoco in mezzo all'acqua

Senza solde 'nzi cande masse
Senza soldi non si canta messa

Chi sparagne spreche
Chi risparmia spreca

Je me sparagne mojeme a lu lette, e l'iddre ze le 'odene pe li fratte
Io risparmio mia moglie a letto, e gli altri se la godono per le fratte

Lu sparagne è lu prime uadagne
Il risparmio è il primo guadagno

Lu jurne doppe la feste, senze quatrine e dilore de cocce
Il giorno dopo la festa, senza soldi e dolore di testa

Chi spute 'ncile, j'arrive 'mmocche
A chi sputa in aria torna in bocca

Criste come vade accuscì privvade
Cristo vede e provvede

Fà qualle ca predde te dice, nò qualle ca predde fà
Fai ciò che il prete ti dice, non quello che fa

La atte nì tesse e pure porte la pillicce
La gatta non tesse, ma porta la pelliccia

Attacche l'asine andò dice lu padrone
Lega l'asino dove ordina il padrone

Chi troppe li tire li stocche
Chi troppo la tira (la corda) la spezza

Chi zi ni fa abbe ci casche
Chi si meraviglia ci casca

La rote, pe caminà, l'ada ogne
La ruota, per farla camminare, la devi ungere

Chi sbaje li cunde và pe' limosine
Chi sbaglia i conti fa l'elemosina

Ommine nate distine date
Uomo nato destino dato

Padre e padrone tenne sembre arraggione
Padre e padrone hanno sempre ragione

Pizziche e vace ni fanne pertose
Pizzichi e baci non fanno asole

Lu bujarde tà bune mimorie
Il bugiardo ha buona memoria

Lu sazie ni crade a chi stà a dijune
Il sazio non crede a chi sta a digiuno

Chi pe dotte vò passà zi stà zitte canda ni sà
Chi dotto vuol essere considerato sta zitto quando non sa

Cocce chi ni parle è chicocce
Testa che non parla è zucca

Pane di frate ti sfilate
Pane di fratello ti soffoca

Chiacchiere vò la zite e doppe z'addorme
Chiacchiere vuole la sposa e dopo si addormenta (con tutto il resto n.d.r.)

Si la fatije fuss bun fatiass le cacciune
Se il lavoro fosse piacevole lavorerebbero i cani


Officina Creativa