Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per continuare la navigazione,  clicca sul pulsante per chiudere.

questo sito non fa raccolta dati degli utenti, pertanto non è soggetta al GDPR.

 EVENTUALI BANNER PRESENTI NEL SITO POTREBBERO FARE RACCOLTA DATI NON DIPENDENTI DA NOI. 

logo

 cammini - pellegrinaggi - tradizioni - cultura - libri - musica

quarto appuntamento:

 Legalità & Cammini

La rassegna “Sulle orme dei pellegrini di San Michele” per il suo quarto appuntamento fa tappa a Vieste, la perla del Gargano.

La rassegna, che propone cammini, pellegrinaggi, tradizioni, cultura, libri e musica, è organizzata  dall’Associazione Monte Sant’Angelo Francigena con il Patrocinio del Parco Nazionale del Gargano, in collaborazione con il Rhymers’ Club e, per questa quarta giornata, con il patrocinio del Comune di Vieste e la preziosa collaborazione dell’I.P.S.S.A.R. “E. Mattei” di Vieste che quest’anno festeggia il 50° anno di attività.

La giornata, che si svolgerà interamente nella Sala Sagittario dell’IPSSAR “E. Mattei”, è aperta anche al pubblico esterno alla scuola con ingresso libero, ed inizierà alle ore 10.30 con la relazione sul progetto “Nutrire la legalità – Campagna di sensibilizzazione contro le mafie” dell’Istituto Alberghiero viestano, a cura della professoressa Annamaria Russo.

Seguirà la presentazione del libro ‘Legalità e scrittura. in cammino verso Santiago’, alla presenza dell’autore campano Don Aniello Manganello, prete anticamorra e camminatore, co-autore del libro assieme al giornalista Mino Grassi.

Il libro nasce come una discussione tra i due autori durante il pellegrinaggio intrapreso insieme verso Santiago. Ogni giorno di cammino corrisponde a una  tematica, dalla famiglia al potere, dalla Chiesa al matrimonio. Il libro è pensato come sussidio formativo per i più giovani e offre spunti e materiale di riflessione per le scuole, gli oratori e i gruppi associativi.

Prima dei saluti finali del Dirigente Scolastico Paolo Soldano ci sarà un momento musicale con il concerto di Luca Rossi, che presenta il suo progetto discografico ‘Greetings from fireland’ (cartoline dalla terra di fuoco).

Percussionista-autore trentatreenne, originario di Caserta, napoletano di residenza, Luca Rossi, cresciuto con la musica popolare, la ricerca desimoniana e gli studi al DAMS di Bologna, vanta collaborazioni con Marcello Colasurdo, NCCP, Enzo Avitabile, l’Orchestra Popolare Campana, Eugenio Bennato e Teresa De Sio; ha inciso con il gruppo Cathartica e partecipato a progetti di teatro-danza. È anche l’artefice del volume “Il Raccontaio”, vincitore nel 2009 del Premio letterario Sergio Manetti per la categoria della poesia performativa all’Arezzo Festival. Con la sua doppia tammora a tracolla e pochi accordi Rossi racconta storie contemporanee espresse in rapidi flash. «Con “Greetings From Fireland” ho messo da parte la poesia e messo avanti una retorica forte, perfino azzardata, che non può essere nascosta. È un titolo spiazzante di un disco che ha una connotazione anche in chiave rock, per alludere a un suono di protesta, per incastrare le parole sui ritmi, nonostante il rock non sia il mio mondo musicale»

Per contatti o solo maggiori informazioni è possibile visitare la pagina facebook msafrancigena.

Raffaele Niro