Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per continuare la navigazione,  clicca sul pulsante per chiudere.

questo sito non fa raccolta dati degli utenti, pertanto non è soggetta al GDPR.

 EVENTUALI BANNER PRESENTI NEL SITO POTREBBERO FARE RACCOLTA DATI NON DIPENDENTI DA NOI. 

Domenica una prima assoluta europea, con il talento pugliese

Carlo M. Barile, in attesa della autumn edition.

L'evento rientra nella Giornata delle Bandiere Arancioni

             Torna a Bovino il Festival che ha animato l'estate nei luoghi più belli dei Monti Dauni con concerti e spettacoli di grande qualità e successo. Si chiama “Manhattan Suite... e altri racconti” lo spettacolo in scena domenica 30 settembre, presso la Villa Comunale del borgo dauno dai portali di pietra, con il Coffee Street Trio di Carlo M. Barile al pianoforte, Vito Di Modugno al contrabbasso e Michele Di Monte alla batteria.

            Quella di Bovino è una prima assoluta europea, che rientra nella Giornata nazionale delle Bandiere Arancioni, il riconoscimento del Touring Club assegnato ai più virtuosi Comuni dell'entroterra italiano.

            L'evento vede il ritorno del Maestro Carlo Maria Barile, diplomato in organo e composizione organistica al Conservatorio Niccolò Piccinni. Dal 2012 insegna pianoforte presso Il Pentagramma di Bari e dal 2016 teoria ed ear training per i corsi preaccademici di Siena Jazz; nel 2007 ha frequentato da borsista il Berklee College of Music di Boston. Nel 2011 ha conseguito con il massimo dei voti il Konzertexamen in organo, in Germania e ha continuato i propri studi a Parigi e a Lipsia. In qualità di organista classico e pianista jazz svolge un'intensa attività concertistica in Europa e negli Stati Uniti.

            Si esibirà con altri due musicisti pugliesi di altissima qualità, prima suoi maestri e poi suoi colleghi, con la suite composta da lui nel 2008 e presentata nel 2009 alla Steinway Hall di New York, ora riarrangiata per trio. La composizione è ispirata al celebre scritto “Delirious New York” dell'architetto danese Rem Koolhaas, un excursus che va dalle origini di Manhattan a Ground Zero, fino ai celebri grattacieli del centro newyorchese.

            La XVI edizione del Festival dei Monti Dauni, tra i festival d’eccellenza riconosciuti dalla Regione Puglia, rientra nella Rete “D.A.M.A. “sostenuta dalla Regione Puglia – Patto per la Puglia - FSC 2014-2020” e tornerà a breve con i nuovi appuntamenti della “autumn edition”.

Samantha Berardino