“Accadde in una Grotta” e “Natale in Centro”. - Monte S. Angelo Notizie - ilgiornaledimonte.it

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per continuare la navigazione,  clicca sul pulsante per chiudere.

questo sito non fa raccolta dati degli utenti, pertanto non è soggetta al GDPR.

 EVENTUALI BANNER PRESENTI NEL SITO POTREBBERO FARE RACCOLTA DATI NON DIPENDENTI DA NOI. 

logo

 I due eventi proposti a Manfredonia dal Gal DaunOfantino hanno centrato in pieno l’obiettivo di animazione e valorizzazione territoriale, ottenendo ottimi riscontri di affluenza e di gradimento da parte dei visitatori e dei fruitori.

 Nelle date 26 e 30 dicembre 2018 e 5 gennaio 2019, si è svolta (registrando circa 15mila presenze, nonostante le condizioni meteo-climatiche poco clementi) la seconda edizione di “Accadde in una Grotta” il Presepe Vivente negli Ipogei Capparelli di Siponto (la più grande Necropoli paleocristiana della Daunia), organizzato dal Gal DaunOfantino con la collaborazione del Comune di Manfredonia, dell’Associazione “S.C.I.C.” (Associazione Socio Culturale Ipogei Capparelli) e della Parrocchia “San Michele” di Manfredonia, trasformando la città in riva al Golfo in una suggestiva Betlemme.

 Dopo l’edizione pilota dello scorso anno, “Accadde in una Grotta” ha visto crescere il numero delle date, dei figuranti (una cinquantina, con abiti d’epoca) e delle postazioni allestite (diciotto). Lungo il percorso che porta alla Grotta della Natività, infatti, vi erano fornai, venditori di stoffe e di tappeti, pastori, pescatori, fabbri, pastai, falegnami, impagliatori, ricamatrici, oste, mercanti di anfore, venditori di frutta ed un recinto con animali. Inoltre, è stato possibile degustare gratuitamente pettole, pancotto e vino. L’ evento, che contribuisce ad animare e valorizzare il territorio nell’ottica della destagionalizzazione turistica, ha permesso ai visitatori di immergersi nell’ambientazione proposta dal Presepe Vivente, tanto originale quanto affascinante, con gli ampi spazi interni degli Ipogei Capparelli (situati nei pressi del Parco Archeologico di Siponto), trasudanti di storia ed archeologia, diventati location originale della rappresentazione della Natività, a cui fanno da cornice la riproposizione realistica di antiche botteghe e la degustazione di prodotti tipici locali.Il 5 gennaio, è andato in scena l’arrivo a cavallo di Gaspare, Melchiorre e Baldassarre, i magi che, guidati da una stella, arrivano dall’Oriente per rendere omaggio a Gesù appena nato a Betlemme, donandogli oro, incenso e mirra. Un ulteriore momento che ha puntellati la rappresentazione di quella notte magica di oltre 2000 anni fa, ricostruita in ogni dettaglio sartoriale e scenografico.

 Il Gal DaunOfantino, ad aprile, è già pronto a bissare un’ altrettanto suggestiva manifestazione negli Ipogei Capparelli di Siponto:  i “Riti della Settimana Santa in Puglia”, tra i quali spiccata la rappresentazione della “Via Crucis”, anch’essa in abiti d’epoca e con decine di attori e figuranti, accanto alla riproposizione della tradizione dei ‘Sepolcri’ e di “Note al tramonto”, concerto nel giorno di Pasqua.

 Molto soddisfatto degli esiti e dei riscontri è Michele d’Errico, Presidente del GalDaunOfantino. “‘Accadde in una Grotta’ è la prima iniziativa ufficiale della nuova Programmazione che, finalmente, ha preso il via a pieno regime e consentirà al Gal di essere al servizio del territorio come agenzia di sviluppo attraverso il Piano di Azione Locale, di cui a breve saranno pubblicati i bandi di finanziamento plurifondo a disposizione di chi vuol far impresa utile e sostenibile per la nostra terra.Oltre al successo del Presepe Vivente negli Ipogei Capparelli, che mi auguro vivamente possa essere un’azione pilota stimolante per tutto il territorio in fatto di valorizzazione culturale e turistica – aggiunge d’Errico -, possiamo essere soddisfatti anche di "Natale in centro”, il programma di animazione musicale e ricreativa lungo Corso Manfredi, organizzato dal Gal DaunOfantino in collaborazione con i commercianti di Corso Manfredi e con il patrocinio del Comune di Manfredonia.Gli angoli e gli scorci più suggestivi del centro storico sono stati valorizzati con esibizioni estemporanee di musicisti ed artisti capaci di evocare la magica e dolce atmosfera del Natale. Un gesto semplice e concreto per essere accanto agli imprenditori ed operatori economici della città con i quali stiamo intraprendendo un importante percorso di condivisione e crescita, ai quali vanno i nostri sentiti ringraziamenti per aver ideato e promosso quest’attività di animazione natalizia, che ha aiutato la città a respirare e percepire un gioioso ed accogliente clima di festa”.

 Infatti, nella settimana caratterizzata dall’attesa e dai festeggiamenti del Natale e del Capodanno, si sono svolte cinque giornate – 22,23,24,29 e 30 dicembre – che hanno visto protagonisti artisti sipontini con l’obiettivo di animare il centro storico della città ed allietare il clima delle imminenti festività, rendendo più appetibile il cuore commerciale della città a favore di esercenti, cittadini ed acquirenti. Musica per tutti i gusti – i vari generi musicali hanno avuto come fil rouge le melodie natalizie riarrangiate in chiave originale – ma non solo. Tra gli appuntamenti più importanti, vi è stato quello con la solidarietà e l’inclusione sociale a cui il GalDaunOfantino ha voluto dare ampio spazio attraverso una festa con i ragazzi dell’Anfass (svoltasi nella serata del 22 dicembre a) in Piazza del Popolo, con animazione, divertimento e piccoli cadeaux per le loro famiglie.