logo

Con l’obiettivo di garantire una maggiore fruibilità dei beni culturali della città, a un pubblico sempre più ampio, il "Patto di Promozione per Manfredonia" (composto da Gal DaunOfantino, Agenzia del Turismo di Manfredonia, Pro Loco di Manfredonia,  Club di Territorio di Manfredonia del Touring Club Italiano e Slow Food Condotta di Manfredonia) invitano sabato 9 Marzo 2019 a partecipare alla visita guidata presso il faro di Manfredonia.

La visita prevede il ritrovo dei partecipanti all’ingresso del faro presso il Molo di Levante alle ore 10,00 per visitare la struttura.

La lanterna, con ottica rotante e portata di ventitré miglia marine, offre dalla sommità una speciale vista sul mare e sulla parte antica del borgo. Novanta gradini, distribuiti lungo una stretta scala a chiocciola, conducono fino al ristretto spazio che ospita il Faro. Un piccolo "museo" con un lampadario realizzato con un salvagente e modellini di velieri, testimonia la storia di questo faro e dei suoi occupanti. Gli ospiti saranno ricevuti dal personale dell’associazione Marinai d’Italia che forniranno le necessarie informazioni.

L’ingresso è completamente gratuito. Per garantire un adeguato svolgimento delle visite, la prenotazione è obbligatoria entro il 7 marzo p.v. fornendo le proprie generalità al nr. tel. 0884/5819898 (dalle 9,00 alle 12,30) oppure inviando una mail all’indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. La visita guidata è a numero chiuso raggiunto il quale non sarà più possibile partecipare.

“Quando comunichiamo idee per riscoprire spazi cittadini e invertire il processo di avvicinamento alla cultura – evidenziano i componenti del Patto di Promozione per Manfredonia – consideriamo ogni tipo di iniziativa che permette di raggiungere questi obiettivi e di avvicinare nuovi pubblici o di migliorare la fruizione del nostro patrimonio culturale per chi già lo conosce. È questo il caso delle visite al faro che il nostro personale sta seguendo per accogliere i turisti presenti in città. Valorizzare significa anche rendere accessibile a tutti, per questo vogliamo riservare una attenzione particolare al concetto di inclusività nelle politiche di sviluppo del pubblico del Museo”.