Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per continuare la navigazione,  clicca sul pulsante per chiudere.

questo sito non fa raccolta dati degli utenti, pertanto non è soggetta al GDPR.

 EVENTUALI BANNER PRESENTI NEL SITO POTREBBERO FARE RACCOLTA DATI NON DIPENDENTI DA NOI. 

logo

 Due palchi in Piazza Giordano, cento figuranti e un unico scopo: recitare per la gloria di Dio

            Sono cento i componenti del cast che realizzeranno la Passione Vivente della città di Foggia, organizzata dalla Parrocchia di Gesù e Maria, con il patrocinio del Comune e dell’assessorato alla Cultura, lunedì 15 dalle ore 20.

            L’azione scenica parte dal palco allestito in via Lanza, all’altezza dei portici, con Gesù, Pietro ed i figli di Zebedeo che si incamminano verso l’orto degli Ulivi, situato nei giardini di Piazza Giordano. La messa in scena prosegue poi con il tradimento di Giuda e l’arresto di Gesù. Quindi seguono il Sinedrio con Caifa, il Pretorio con Pilato, la crudeltà della flagellazione e infine il Calvario, il cui percorso si svilupperà lungo tutta via Lanza partendo dal secondo palco allestito dal lato opposto.

            Una novità di questo allestimento registico rispetto alle classiche rapprentazioni è la realizzazione della lotta tra il bene ed il male con un combattimento, sotto forma di danza, tra Angeli e Demoni. La Passione si concluderà con la resurrezione di Cristo che scaccia il male recitando il Padre Nostro.

            Il gruppo guidato da Gaetano Fania, autore, regista e interprete del personaggio di Gesù, e da Padre Gianni Gelato, responsabile di tutto il progetto, sarà impegnato anche sabato 13 a Candela per la messa in scena della Passione Vivente.

            “Non temiamo di interpretare in modo troppo cruento le scene, dietro questo progetto c’è una forte spiritualità. - spiega Fania – Lo scopo è di mantenere viva la tradizione cattolica e la rievocazione storica della morte e Passione di Gesu’ Cristo. Vogliamo offrire alla città di Foggia un momento di riflessione sulla crudeltà dell’attualità e sul miracolo più grande della fede”.

            Nel cast figurano anche alcuni attori professionisti, oltre a Tonio Sereno anche Fabio Maggio (Giuda), Veronica Di Sibbio (il demonio/la Veronica), Connie Rollo (Maddalena), Valeria Marino (Madonna), Domenico Metta (Pietro), Luigi Schiavone (Pilato), Domenico Mazza (Caifa), Gaetano Esposto (generale), Betty Caizzi e Vittoria Giorgitto (pie donne), Luciano Diurno, Francesco Forcella e Giuseppe Dambra (i due ladroni).

            L’evento sarà trasmesso in diretta streaming da Mitico Channel e visibile anche attraverso i social network per i foggiani lontani.