logo

I capelli bianchi, gli occhi veloci e sorridenti, la risposta sempre pronta. Pasquale La Torre è così. È un perito chimico, ha gli occhiali e cerca sempre di stare nell’ombra, eppure ha l’aria di chi ha vissuto molte vite. Ogni giorno dopo il lavoro a scuola all’ Istituto Tancredi Amicarelli, come collaboratore scolastico, si fa chilometri di strada in corsa per prepararsi alle maratone. Magro e scattante, mentre legge tutti i libri della biblioteca scolastica, rivela il suo amore più antico e più vero: la pittura. Si, perché Pasquale La Torre è un artista. Dopo anni di silenzio espressivo, ha scelto la scuola, i muri di quella scuola antica in cui lavora da più di un decennio, per raccontare la vita e il sogno. Con Pasquale tutto prende vita, quelle pareti grigie e austere iniziano a palpitare della vita di quelli che ci sono passati dentro, nelle aule, nelle scale, nella mensa.

Nature morte dai colori brillanti, un affresco di damina con l’ombrellino e un delicato paesaggio primaverile nella presidenza e poi ancora, giorno dopo giorno, trovando un’anima a questa silenziosa quarantena, sulle pareti della scuola nascono scorci di case, barche tirate sulla spiaggia e mari azzurri e le pareti diventano finestre e spazi di libertà.

Pasquale La Torre lavora in silenzio, i suoi colori i suoi pennelli, la bozza del disegno a matita e il suo mondo incantato. Non parla mai molto di sé, riservato come tutti i garganici, duro, tenace, orgoglioso. Ama “L’Edificio”, la sua scuola come un prolungamento di casa. La accarezza con la sua arte, le dona parte di sé, come fa con tutti, con le persone, con i docenti, con i colleghi, con la dirigente, con i ragazzi. Pasquale è l’artista della Tancredi Amicarelli, il dono del suo tempo e della sua arte ci rendono più prezioso questo tempo sospeso. Grazie a Pasquale che ha reso alla scuola spazi infiniti di libertà, di amore, di sogno, una galleria del tutto speciale per quando tutti torneremo a goderne e a respirare la vita che il collaboratore artista ha fermato sulle pareti.

Matilde Iaccarino