MONTE S. ANGELO. L’Amministrazione D’Arienzo è prigioniera?

 
 
Con deliberazione n. 8 del 18 gennaio 2018 la Giunta comunale ha modificato la composizione dell’Ufficio per i procedimenti disciplinari costituito dalla Commissione Amministrativa Straordinaria senza che lo richiedesse alcuna sopravvenuta norma legislativa.
 
La Commissione Amministrativa Straordinaria aveva affidato la Presidenza dell’Ufficio disciplinare al Segretario generale del Comune. Tale decisione ineccepibile era stata assunta in perfetta coerenza con quanto deciso dalla stragrande maggioranza dei Comuni italiani.
 
La Giunta d’Arienzo, su proposta dell’Assessore al Personale dott. Giuseppe Totaro, ha attribuito al Responsabile del Personale, rag. Mimmo Rignanese, la funzione di Presidente, eliminando del tutto dall’Ufficio disciplinare la figura del Segretario generale.
 
Sapete qual è la motivazione addotta dall’Assessore Totaro? Il rag. Rignanese viene nominato Presidente perché il Comune di Monte S. Angelo non ha un Segretario Generale titolare!
Ma il Sindaco, l’Assessore Totaro e i suoi colleghi hanno dimenticato che neanche il Segretario generale in servizio al tempo della Commissione Prefettizia non era titolare, ma ricopriva l’incarico a scavalco?
 
Abbiate il coraggio di assumervi le vostre responsabilità, senza ingannare i cittadini a cui durante la campagna elettorale avevate promesso di “fare pulizia” degli incarichi coperti da alcuni dipendenti.
Se continuate ad affidarvi a coloro che il Sindaco davanti alla Presidente della Commissione Antimafia, on.le Bindi, ha definito “inadeguati”, vuol dire che non siete pienamente liberi.
E se siete prigionieri, i cittadini hanno bisogno di sapere di chi o di che cosa.
      
“VERSO IL FUTURO”

La nostra pagina facebook