Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per continuare la navigazione,  clicca sul pulsante per chiudere.

questo sito non fa raccolta dati degli utenti, pertanto non è soggetta al GDPR.

 EVENTUALI BANNER PRESENTI NEL SITO POTREBBERO FARE RACCOLTA DATI NON DIPENDENTI DA NOI. 

logo

 10 giorni di programmazione. 5 espressioni artistiche diverse per gli eventi: il concerto con Sergio Cammariere, l’opera lirica “Alleluia San Michele”, la rievocazione storica della “battaglia tra Bizantini e Longobardi”, il docufilm “MiKaEl” e il musical “San Michele. L’Angelo dell’Apocalisse”. 8 grandi convegni. 1 patto di collaborazione (con la rete dei “centri micaelici”). 2 patti di amicizia (con Nova Milanese e con i Comuni della Sacra di San Michele in Piemonte). 2 protocolli d’intesa (con i Siti UNESCO di Puglia e Basilicata, con la rete dei “grandi Santuari di Puglia”). 21 Città coinvolte unite dalla spiritualità o dal riconoscimento UNESCO. 4 incontri dedicati alle eccellenze enogastronomiche. 6 visite guidate gratuite sui percorsi storico, naturalistico, culturale, esperienziale. Più di 40 relatori. 5 enti promotori, 9 associazioni coinvolte, 5 prestigiosi patrocini. 4 prodotti turistici (culturale, spirituale, naturale, enogastronomico). 2 siti UNESCO. Sono i numeri della prima edizione del Festival “Michael”.

“Siamo molto soddisfatti: è nato un grande evento” – dichiara Pierpaolo d’Arienzo, Sindaco della Città di Monte Sant’Angelo, che prosegue – “Non solo per la qualità artistica degli eventi promossi ma, soprattutto, per i risultati raggiunti grazie agli importanti impegni assunti attraverso la costituzione di reti che a diversi livelli ci ha visti protagonisti per una promozione comune delle nostre destinazioni turistiche. Tante le idee su cui già mettersi a lavoro condivise con gli altri comuni ed enti”. “L’intento, quindi, è stato raggiunto: quello, cioè, di lavorare insieme per creare prodotti turistici sui segmenti culturale, spirituale, naturale ed enogastronomico e rendere questi contenitori strategie operative e concrete di promozione.” – continua il primo cittadino – “Abbiamo presentato al meglio la nostra Città e grazie anche ai nostri operatori commerciali e turistici abbiamo accolto con calore i tanti ospiti. Un grazie particolare agli enti e alle associazioni che hanno condiviso e ci hanno accompagnato in questo percorso e hanno percepito sin dall’inizio l’importanza della nostra strategia”.

Michael è stato un crescendo di emozioni: il concerto intimo e suggestivo di Cammariere; il ricordo commosso di Peppino Principe, un grande cittadino e musicista di Monte Sant’Angelo che ha composto l’opera lirica “Alleluia San Michele”; la suggestiva rievocazione storica nel fossato del Castello e la narrazione del docufilm MiKaEl; l’impressionante, emozionante e profonda forza dell’opera musicale “San Michele. L’Angelo dell’Apocalisse” che ha visto in scena tra i maggiori artisti della scena nazionale. Tutti gli eventi si sono chiusi con una standing ovation da un pubblico felice ed emozionato.

Michael è stato anche un momento culturale importante grazie alla presenza di eminenti professori che hanno animato convegni dall’importante valore scientifico: dalla presentazione delle nuove pubblicazioni dell’Associazione Italia Langobardorum al convegno sulle monete, fino agli interventi dell’Università di Bari dedicati al culto di San Michele in Europa e alla presentazione della nuova edizione critica dell’Apparitio.

“Con questo grande evento abbiamo voluto mettere in vetrina i nostri tesori e le esperienze che si possono vivere a Monte Sant’Angelo. Un evento che diventa una strategia di comunicazione e promozione importante per rendere i nostri quattro prodotti turistici concreti strumenti per i tour operator e gli stakeholder” – commenta l’Assessore alla cultura, turismo e istruzione della Città di Monte Sant’Angelo, Rosa Palomba, che aggiunge – “Le imprese e le associazioni del territorio, da oggi, hanno strumenti per pianificare e programmare, con noi, azioni di marketing territoriale volte a destagionalizzare e internazionalizzare la nostra destinazione turistica”.

“Michael è nato con l’intento di crescere forte e diventare un appuntamento atteso ogni anno. Un evento che celebra l’apparizione di San Michele sul Monte Gargano e i nostri due Siti UNESCO e che vogliamo continui ad ospitare grandi eventi, importanti convegni e che sia un grande momento di festa per la Città” – continua Palomba – “Un evento, inoltre, che ha visto sin da subito e per la prima volta la creazione di un tavolo di coordinamento con l’Ente Parco, i Padri Micheliti del Santuario, il Centro Studi Micaelici e Garganici dell’Università di Bari, l’Associazione Italia Langobardorum. Una strategia, ora, messa a sistema, che si può aprire come evento di programmazione e promozione turistica”.

Nel festival sono state coinvolte più di 20 Città: Olevano sul Tusciano, Sant’Angelo a Fasanella, Putignano, Cagnano Varano, Orsara di Puglia, Cividale del Friuli, Brescia, Castelseprio, Spoleto, Campello sul Clitunno, Benevento, Nova Milanese, Sant’Ambrogio di Torino, Avigliana, Chiusa San Michele, Valgioie, Alberobello, Andria, Matera, Bari e San Giovanni Rotondo.

“La programmazione di qualità, la creazione di una rete locale forte tra gli attori protagonisti della promozione turistica sono un ottimo inizio. È un evento che sicuramente può migliorare e crescere per diventare un punto di riferimento del nostro patrimonio culturale e attrarre flussi turistici. Michael torna dal 4 all’11 maggio 2019 per la sua seconda edizione” – annuncia l’Assessore Palomba.

Sui social, cercando l’hashtag #Michael2018, si potranno rivivere tutti i momenti del Festival.

www.montesantangelo.it _ www.turismomontesantangelo.it

La prima edizione di “Michael. Festival del patrimonio culturale, spirituale, naturale, enogastronomico” è stata promossa da: Assessorato alla cultura, turismo, istruzione della Città di Monte Sant’Angelo, Ente Parco Nazionale del Gargano, Associazione Italia Langobardorum, Padri Micheliti del Santuario di San Michele Arcangelo, Centro studi Micaelici e Garganici dell’ Università degli Studi di Bari Aldo Moro; in collaborazione con: “Amici della Musica” | Centro Studi Storico Archeologici del Gargano | Club per l'UNESCO di Monte Sant'Angelo | Ecogargano Arte Natura | Dove andiamo sul Gargano | Monte Sant'Angelo Francigena | Pro Loco Monte Sant'Angelo | Rotary International (Distretto 2120) | U.G.R. 27 Monte Sant'Angelo; con il patrocinio di: Regione Puglia (Assessorato all’Industria turistica e culturale), ENIT - Agenzia Nazionale del Turismo, CEI (Conferenza Episcopale Italiana) - Ufficio nazionale per la pastorale del tempo libero, turismo e sport, Arcidiocesi di Manfredonia - Vieste - San Giovanni Rotondo, Pugliapromozione.

Ideazione e coordinamento _ Pasquale Gatta; Organizzazione _ Mimmo Rignanese, Immacolata Aulisa, Padre Ladislao Suchy, don Gaetano Saracino, Raffaele Di Iasio, Francesco Gabriele, Carmela Rinaldi, Arianna Petricone, Biagio de Nittis, Lea Basta, Lucia Armillotta, Pasquale Ciuffreda, Domenico Sergio Antonacci, Michele Simone, Mattia Benestare, Celestino Tomaiuolo, Angelo Totaro; Assessore alla cultura, al turismo, all’istruzione _ Rosa Palomba; Assessore allo sviluppo economico, alle attività produttive, al bilancio _ Generoso Rignanese; IL SINDACO _ Pierpaolo d'Arienzo.