Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per continuare la navigazione,  clicca sul pulsante per chiudere.

questo sito non fa raccolta dati degli utenti, pertanto non è soggetta al GDPR.

 EVENTUALI BANNER PRESENTI NEL SITO POTREBBERO FARE RACCOLTA DATI NON DIPENDENTI DA NOI. 

 OGNI GIORNO, NEL NOSTRO PAESE, 9 PERSONE PERDONO LA VITA A CAUSA DI UN INCIDENTE STRADALE.

Altre 685 rimangono ferite in uno dei 500 sinistri che si verificano quotidianamente sulle nostre strade.

Sembrano numeri di una guerra, sono invece i dati Istat relativi al 2016 ( per il 2017 le stime indicano un aumento del 3 per cento) che nascondono lutti, famiglie smembrate, VITE SPEZZATE.

 "Morti" che spesso non trovano spazio sui giornali, ma si lasciano dietro VUOTI INCOLMABILI E LUNGHISSIME BATTAGLIE LEGALI. Non dobbiamo dimenticare che LE PRINCIPALI CAUSE DEGLI INCIDENTI SONO:

  1. 1. L'USO DEL CELLULARE
  2. 2. LA VELOCITA' ELEVATA
  3. 3. L'ABUSO DI ALCOOL e STUPEFACENTI.

Nel 2016, la legge 41 ha introdotto nel Codice penale l'OMICIDIO STRADALE, punito con la detenzione da 2 a 7 anni per chi, violando il Codice della strada, causa la morte di una persona. Pena che può arrivare a 12 anni, se il guidatore è sotto effetto di droghe o in stato di ebbrezza grave.

TUTTI I PASSEGGERI DI UN VEICOLO SONO MORALMENTE COMPLICI DELLE AZIONI DI CHI GUIDA.

SE UN VOSTRO AMICO NON E’ NELLE CONDIZIONI PSICO-FISICHE DI GUIDARE o COMPIE MANOVRE PERICOLOSE,

FERMATELO !

a cura di Domenico Renzulli