Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per continuare la navigazione,  clicca sul pulsante per chiudere.

questo sito non fa raccolta dati degli utenti, pertanto non è soggetta al GDPR.

 EVENTUALI BANNER PRESENTI NEL SITO POTREBBERO FARE RACCOLTA DATI NON DIPENDENTI DA NOI. 

logo

JUNNO. Festival delle piccole cose

Terza Edizione 2018

L’ARTE DI ESSERE UMANI

a Monte Sant’Angelo, Rione Junno, dal 13 al 19 agosto 2018

Monte Sant'Angelo è famosa nel mondo per il santuario di San Michele, ma oltre al Santuario di San Michele Monte Sant'Angelo ha un'altra grande ricchezza che è il suo centro storico, il famoso Rione Junno.

Dopo una serie interminabile di curve, finalmente si arriva a Monte Sant’Angelo, un assolato paese che domina il Gargano. Nel suo cuore pulsa il Rione Junno. Qui la vita sembra scorrere lentamente, tanto lentamente nella sua essenzialità di piccole case a schiera di calce bianca. Inizialmente si ha l’impressione che il tempo sia dilatato: Monte Sant’Angelo, il suo Rione Junno, è uno spazio che non va spiegato, ma visitato e vissuto.

Il Rione Junno è un luogo singolare, unico, infatti sorge per dare ospitalità ai pellegrini che raggiungevano Monte Sant’Angelo per la loro devozione a San Michele; ed è sempre stato subordinato al Santuario.

Eppure è un piccolo gioiello di architettura essenziale dove è ancora possibile godere di beni immateriali come il silenzio e l’aria incontaminata.

All’orizzonte è protagonista il mare che sembra confondersi col cielo e sembra bussare alle porte delle antiche case a calce bianca. Paesaggio e centro abitato diventano un’unica cromia.

JUNNO. Festival delle piccole cose vuole generare gesti d'amore nei confronti di questo luogo, dei suoi abitanti e di tutti coloro che, pur non essendo residenti, lo hanno eletto a loro luogo della spiritualità.
Per farlo porterà la parola detta, la parola raccontata, la parola recitata e la musica nelle piazzette naturali del rione Junno ed in alcuni dei suoi luoghi simbolo, la Chiesa delle Clarisse e la chiesetta rupestre dell’Incoronata, e non farà uso di amplificazione acustica e di ulteriori luci che non siano già quelle presenti dell’illuminazione pubblica.

Favorirà la fruizione di spazi pubblici sotto una vesta completamente nuova, in luoghi dove l’uomo non andrà ad impattare minimamente e avrà la possibilità di poter apprezzare l’importanza di un bene immateriale come il silenzio.

Crediamo, infatti, che il sempre più diffuso senso di spaesamento delle persone possa essere trasformato in felicità attraverso esperienze ad alto valore umano come quelle che vogliamo proporre.
Il progetto è stato concepito non come punto di arrivo, ma piuttosto come punto di partenza; una formula che, nel corso degli anni, ci auguriamo di riempire di contesti con proposte, suggerimenti, eventi che possano dare slancio all’economia ambientale e paesistica esaltando la natura ed i contenuti in essa nascosti.

L’Associazione Culturale Rhymers’ Club anche per il 2018, si pone l’obiettivo di favorire la trasmissione del patrimonio culturale immateriale. In particolare si adopera, già da diversi anni, come testimone di memoria (organizzando un evento letterario in occasione della festa della Liberazione dal nazifascismo); come promotore del patrimonio immateriale (silenzio, luce, vento, etc.) del centro storico di Monte Sant’Angelo eleggendolo a luogo della spiritualità per mezzo di un piccolo festival – JUNNO. Festival delle piccole cose – che è diventato in pochi anni uno spazio privilegiato di riflessione attraverso la letteratura, il teatro e la musica; come divulgatore e promotore della poesia, in particolar modo della poesia italiana contemporanea (organizzando il Festival DauniaPoesia che quest’anno giunge all’ottava edizione).

Quest’anno tutte le iniziative che proporrà l’Associazione Culturale Rhymers’ Club avranno come tema “L’ARTE DI ESSERE UMANI” con la finalità di innescare un dialogo per pensare ed interpretare il mondo, consapevoli della complessità della vita contemporanea: confrontarsi attorno ai temi dell’accoglienza e della solidarietà, della fratellanza, della diversità, del senso di comunità, ma anche determinare la coscienza di ciò che siamo.

L’utopia di considerare il Rione Junno un luogo mistico sta diventando velocemente un’utopia generale. I residenti, quasi tutti anziani, ci ringraziano per “considerare” le loro vie, le loro strade, le loro case (e le loro vite). I cittadini di Monte Sant’Angelo ormai considerano il Festival una risorsa. I turisti arrivano da tutte le mete turistiche del Gargano (da Peschici, da Vieste, etc.) per seguire i nostri eventi.

Viviamo il tempo del cambiamento, le nostre società stanno cambiando velocemente, gli ideali sono messi in discussione, i valori sono merce rara, le bandiere sono logorate dalle ideologie, eppure ogni giorno incontriamo nuovi compagni di strada, che ampliano la nostra visione con le loro idee e la loro “umanità”.

La terza edizione di JUNNO. Festival delle piccole cose si svolgerà nel Rione Junno di Monte Sant’Angelo da lunedì 13 agosto a domenica 19 agosto 2018 e, con il titolo L’ARTE DI ESSERE UMANI si connoterà più che mai come “l’edizione delle persone”, partendo dalla più ampia condivisione della conoscenza possibile e cercando di stimolare e favorire il cambiamento delle abitudini.

Per maggiori informazioni invitiamo a visitare la pagina dedicata sul sito internet www.junno.it.

Raffaele Niro

Direttore Artistico

Il programma completo:

13 agosto | ore 11.30 | Via Reale Basilica n. 76 (presso SENSO CIVICO)
INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA PERMANENTE DI STEFANIA GUERRA
Stefania Guerra diplomata all’Accademia di Belle Arti di Foggia, da tempo ha intrapreso un suo personale percorso che subito la rende riconoscibile anche agli occhi meno esperti. I suoi colori sono frutto di un intreccio tra pigmenti naturali, vino e succo di melograno, ma sono, soprattutto, il tratto morbido ed armonioso e le tematiche proposte, a farla amare da critica e pubblico. Inaugura la sua mostra permanente, sintesi degli ultimi percorsi Radix Vitae del 2012, Sì, è l’universo che canta del 2014, Il vento dell’Est del 2015 e Ma(e)terno del 2017 presso il Centro Culturale Polivalente SENSO CIVICO, in Via Reale Basilica n. 76.

13 agosto | ore 17.30 | IL SENTIERO DELL’ANGELO in Via Garibaldi, 3
VISITA AL MUSEO “IL SENTIERO DELL’ANGELO”
Il Sentiero dell’Angelo è una moderna opera d’arte realizzata in collaborazione con il famoso Studio Azzurro di Milano. Un quadro d’autore dei nostri tempi che rinnova la meraviglia antica delle apparizioni dell’Arcangelo Michele sul Gargano con suggestive tecniche di comunicazione multimediali. Il visitatore compie un viaggio nella conoscenza, segue le profonde tracce dell’apparizione micaelica impresse nella storia della cristianità, rivive il miracolo, riscopre il segno. Chi presenta questa brochure ha diritto alla riduzione del prezzo d’ingresso (per tutta la durata del Festival ed in qualsiasi fascia oraria). Per contatti e prenotazioni chiamare il numero (+39) 345.1795535.

13 agosto | ore 19.00 | partenza dal Ristorante LA ROCCA in Via R. Ciuffreda, 1
URLA E SILENZI. MOSTRA ITINERANTE DI MADDALENA GATTA
Si possono prendere in prestito le parole di un grande poeta del ‘900 per rendere al meglio il senso della mostra “URLA E SILENZI” che Maddalena Gatta ha ideato per JUNNO. festival delle piccole cose, le parole di “Canzone” di Allen Ginsberg: Il peso del mondo / è amore. / Sotto il fardello / di solitudine / sotto il fardello / dell’insoddisfazione / il peso, / il peso che portiamo / è amore.
Il mondo di Maddalena Gatta è un mondo ricco di simboli e i simboli, lo sappiamo, anche se tendiamo continuamente a dimenticarlo, sono la memoria storica dell’umanità. Bastano queste poche indicazioni per immergersi in “Urla e silenzi” di Maddalena Gatta o in qualsiasi altro suo percorso, sufficienti come le stelle, durante la navigazione, per un marinaio.
Ed è l’Umanità che attraversa continuamente Gatta, fino dentro al baratro di ognuno di noi, nelle nostre profondità – quelle che noi stessi ignoriamo – nei nostri abissi. Eppure, allo stesso tempo, Maddalena Gatta, attraverso la sua arte, è come i cercatori d’oro, setaccia la nostra melma per tirar fuori le nostre pepite, il nostro oro, il buono, o semplicemente la speranza, che ancora possiede l’umanità. Resta ancora molto d’inesplorato nelle opere di Gatta, resta quella continua ricerca della verità sulla vita, quel continuo chiedersi, che a volte è un bisogno vitale, quanto coincida l’abisso di ogni essere umano con un intero universo e dove, qualora fosse vero, questi universi si toccano, e come. In alcune lacrime potrebbe avvenire questo miracolo, in alcune lacrime di essenza vitale. (Raffaele Niro)
Maddalena Gatta, nata a Monte Sant’Angelo, si è diplomata all’Accademia di Belle Arti di Foggia. Pittrice, designer di gioielli ed illustratrice, dal 1987 continua ad esporre le sue opere in Italia e all’Estero.
La Mostra itinerante è visionabile presso: Ristorante LA ROCCA (Via R. Ciuffreda, 1), Ristorante MEDIOEVO (Via del Castello, 21), il Centro Culturale Polivalente SENSO CIVICO (Via Reale Basilica, 76), Ristorante AL BARONE (Via B. Gambadoro, 3), enoteca MO WINE (Via B. Gambadoro, 27), Ristorante BORGO ANTICO (Via dei Francescani, 4).

13 agosto | ore 20.00 | Piazza Acceptus presso bar GUSTO (fronte SENSO CIVICO)
ANTONIO TEDESCO presenta
VIVÀ. La figlia di P. Nenni dalla Resistenza ad Auschwitz, Bibliotheka Ed.
Vittoria Nenni è una bambina che con i suoi occhi innocenti è costretta a subire la violenza del nazifascismo. “Dite a mio padre che ho avuto coraggio fino all’ultimo e che non rimpiango nulla”. In questo struggente messaggio affidato in punto di morte all’amica Charlotte c’è tutta la grandezza di Vivà.
Antonio Tedesco, nato a San Giovanni Rotondo nel 1982, sociologo, è Segretario Generale della Fondazione Pietro Nenni dove si occupa di ricerca nel campo storico, politico e sindacale, di progettazione e di sviluppo locale. Tra le sue principali pubblicazioni: Quella voce fucilata nella piazza, l’eccidio del 14 ottobre a San Giovanni Rotondo (Sudest Editore, 2010), Il partigiano Colorni e il grande sogno europeo (Editori Riuniti, 2014).

13 agosto | ore 21.00 | scalinata di V. Gambadoro verso P.za De’ Galganis
DANIELA MARCONE presenta NON A CASO , ed. La Meridiana
dialoga con l’Autrice il prof. Antonio Giardino (ARCI Nuova Gestione)

intervento del Sindaco di Monte Sant’Angelo Pierpaolo D’arienzo

Non a caso si diventa vittime innocenti di mafia. Questo libro nasce dall’esigenza morale di cominciare a costruire e avere memoria comune delle vittime pugliesi di mafia. Ricordare non basta, occorre trasformare la memoria in memoria viva, ossia in impegno a costruire una società diversa, formata da persone che si oppongono, non solo a parole, ma con le scelte e i comportamenti, alle ingiustizie, alle violenze, alla corruzione.
Daniela Marcone è nata a Foggia nel 1968. È Vicepresidente nazionale di Libera e referente del Settore Memoria. Collabora con La Via Libera, Narcomafie e Vivi – sito della Memoria di Libera.

13 agosto | ore 22.00 | scalinata di V. Gambadoro verso P.za De’ Galganis
UOMO ATTORE – SOLO E LE ROSE DELLA RIVOLUZIONE
MONOLOGO–DIALOGATO DI (E CON) PIERGIUSEPPE FRANCIONE
Un viaggio di uomo-attore solo che sceglie la maschera del folletto pazzariello punk per dire delle scottanti verità, tra cui quella di essere tutti morti vivi in una gran bella prigione a cielo aperto. Quando poi, senza la maschera, l’essere umano osserverà se stesso attore non potrà non vedere di essere lui il primo vigliacco. Capisce, così, che solo riuscendo a non essere-non essere ciò che è stato fino ad allora, potrà, grazie alla stesso processo che vive l’artista e l’attore, ritornare ad essere ciò che è: un essere umano. L’arte, che è amore e bellezza, forse ci salverà. The art is the weapon!
Piergiuseppe Francione – Attore – classe 1969. Ha collaborato in Teatro, tra gli altri, con Renato Carpentieri, Lucio Allocca, Davide Iodice. Per il Cinema, tra gli altri, ha studiato con Renato Lori, Paolo Lo Giudice, Ermanno Olmi; ha collaborato e lavorato, tra gli altri, con Luigi Di Gianni, Renato Scarpa, Ricky Tognazzi. In Tv personaggio di puntata in “La Squadra”, “Nella Colonia Penale”, “Fuori Orario”, “I bastardi di Pizzofalcone”. Ha firmato regie teatrali e direzioni artistiche. Cura laboratori in scuole pubbliche, istituti penitenziari e spazi sociali.

14 agosto | ore 10.00 | Largo del Salvatore
VISITA GUIDATA ALLA CHIESETTA DI SAN SALVATORE
La chiesa è situata nel rione Junno, antico quartiere di Monte Sant’Angelo. La sua costruzione va collocata, secondo lo storico M. Falla Castelfranchi, verso la fine dell’VIII secolo ossia nel periodo della politica culturale di Arechi II.
A cura dell’Archeoclub D’Italia – sede di Monte Sant’Angelo.

14 agosto | ore 17.30 | IL SENTIERO DELL’ANGELO in Via Garibaldi, 3
VISITA AL MUSEO “IL SENTIERO DELL’ANGELO”
Per le spiegazioni vedi quelle già indicate a pag. 3 di questa brochure.

15 agosto | ore 10.00 | partenza da SENSO CIVICO in Via Reale Basilica n. 76
MAGIA E DEVOZIONE POPOLARE: CULTO DI SAN MICHELE con Giuseppe Rignanese
Visita al Santuario di San Michele con particolare riferimento ai riti magico divinatori: letture antropologica dei segni magico–divinatori legati al culto delle grotte, al culto della fertilità e delle acque e alle pratiche divinatorie di magia popolare. Visita alla tomba di Rotari con attenzione agli aspetti dei cicli della salvezza legati al culto di san Michele e al culto delle acque e della fertilità.
Giuseppe Rignanese ha conseguito la Laurea in Lettera Mediaevali con indirizzo Archeologico e la Specializzazione in Archeologia preistorica. Ha diretto diversi scavi archeologici (Castello di Monte S. Angelo, Cripte di San Francesco, Abbazia di Pulsano). Attualmente si occupa di promozione archeologia e promozione culturale del patrimonio storico, archeologico e demoetnoantropologico. Per prenotazioni chiamare il numero (+39) 389.1450508.

15 agosto | ore 17.30 | IL SENTIERO DELL’ANGELO in Via Garibaldi, 3
VISITA AL MUSEO “IL SENTIERO DELL’ANGELO”
Per le spiegazioni vedi quelle già indicate a pag. 3 di questa brochure

15 agosto | ore 22.00 | scalinata di V. Gambadoro verso P.za De’ Galganis
COME PREPARARE UN ATTENTATO AL PICCOLO PRINCIPE
E ALTRI GRANDI CLASSICI |reading satirico di ADELMO MONACHESE
Un reading sul mondo dei libri, dell’editoria e dei lettori ai tempi dei social prendendo a piene mani ispirazione dalla sua esperienza diretta come lettore appassionato, scrittore, autore teatrale ma anche come ex libraio.
Adelmo Monachese, nato a Foggia nel 1983, ha collaborato con Lercio.it e Smemoranda.it.
È all’interno delle antologie Almanacco Luttazzi della nuova satira italiana (Feltrinelli), Un anno Lercio (Rizzoli), Inchiostro di Puglia (Caracò), Lercio, Lo sporco che fa notizia (Shockdom edizioni).
Ha pubblicato I cuochi TV sono puttane (Rogas edizioni) e Attentato al Piccolo Principe (Les Flaneurs edizioni) dal quale è stato tratto uno spettacolo teatrale.
Ha scritto e condotto la rubrica Le classifiche impossibili all’interno del programma tv dedicato ai libri “Il Libro Possibile Tv” in onda sul canale digitale e satellitare TgNorba24 nel 2017. Ha portato in giro il Lercio Live Show in più di 50 repliche dal 2014 al 2018.

16 agosto | ore 10.00 | Largo del Salvatore
VISITA GUIDATA ALLA CHIESETTA DI SAN SALVATORE
Per le spiegazioni vedi quelle già indicate a pag. 5 di questa brochure.

16 agosto | ore 17.30 | IL SENTIERO DELL’ANGELO in Via Garibaldi, 3
VISITA AL MUSEO “IL SENTIERO DELL’ANGELO”
Per le spiegazioni vedi quelle già indicate a pag. 3 di questa brochure.

16 agosto | ore 19.00 | Piazza Acceptus presso bar GUSTO (fronte SENSO CIVICO)
Sergio D’AMARO presenta L’ALLEGRO DESTINO DELLA SIGNORA MARIU’, ed. Besa
In questo nuovo romanzo, Sergio D’Amaro costruisce un diario di formazione che affianca alle vicende personali della protagonista la storia e l’immaginario di un’intera generazione vissuta fra l’epoca della guerra e della conquista dell’Etiopia e gli anni Sessanta, fra i proclami del Duce e l’avvento della tv, dei quiz di Mike Bongiorno e del mito dell’America.
Sergio D’Amaro è autore di testi di poesia, narrativa e saggistica. Scrive sulle pagine letterarie di quotidiani e riviste. Ha pubblicato diversi lavori su Carlo Levi, tra cui, in collaborazione, la biografia Un torinese del Sud (Baldini&Castoldi, 2005). Per Besa editrice sono usciti Romanzo meridionale (2010), La casa degli oggetti parlanti (2015) e Il grande ghibli (2016).

16 agosto |ore 20.00 |Piazza Acceptus presso bar GUSTO (fronte SENSO CIVICO)
READING DAUNIAPOESIA con E. FRACCACRETA, C. MANCUSO, S. RITROVATO
Enrico Fraccacreta è nato nel 1955 a S. Severo da padre pugliese e madre emiliana. Tra le sue pubblicazioni ricordiamo I nostri pomeriggi (Scheiwiller), Tempo medio (Bastogi), Camera di guardia (I quaderni del battello ebbro), Mademoiselle (Ellerani), Tempo Ordinario (Passigli) nonché la biografia narrativa Il giovane Pazienza (Stampa Alternativa), già alla quinta ristampa.
Canio Mancuso è nato a Melfi nel 1971. Nel 2015 cura, insieme a Raffaele Niro, l’antologia (numero speciale della rivista «Quaderni dell’Orsa», edita da Besa) Sotto il più largo cielo del mondo. Trenta poeti dauni. Nel marzo 2016 pubblica, ancora con Besa, la raccolta di poesie Fiammiferi, tradotta in francese. Nel 2018 pubblica Il lato destro dell’armadio con Ladolfi Editore.
Salvatore Ritrovato è nato a S. Giovanni R.do nel 1967. Ha pubblicato diverse raccolte di versi: ultima La casa dei venti (Il Vicolo, 2018). Tra i suoi numerosi lavori critici e saggistici si segnala la nuova edizione de La differenza della poesia (Puntoacapo). Vive a Urbino dove insegna Letteratura italiana moderna e contemporanea presso l’Università “Carlo Bo” e Scrittura creativa presso l’Accademia di Belle Arti.

16 agosto | ore 21.00 | scalinata di V. Gambadoro verso P.za De’ Galganis
ROSSELLA TEMPESTA presenta LA PIGRIZIA DEL CUORE, ed. Spartaco
Al suo esordio con il romanzo, la poetessa Rossella Tempesta con lo stile che le è proprio fa dono ai lettori di un racconto struggente, scandito da lunghe attese, silenzi eloquenti, desideri velati, sentimenti urgenti, popolato da personaggi femminili lirici e maschili ben delineati. Senza tacere sulle violenze di cui sono vittime molte donne, ieri come oggi.
Rossella Tempesta si occupa di poesia e cultura anche promuovendone la divulgazione con eventi e iniziative corali. Ha ricevuto i Premi Dario Bellezza, Salvatore Quasimodo, Miramare Poesia, Hostaria dal Terzo, Sandro Penna. Autrice di otto libri di poesia, è presente nell’antologia Nuovi Poeti Italiani n. 6, a cura di Giovanna Rosadini (Einaudi 2012).

16 agosto | ore 22.00 | scalinata di V. Gambadoro verso P.za De’ Galganis
Massimiliano ARENA presenta IO, AVVOCATO DI STRADA, ed. Baldini & Castoldi
con l’attore Leonardo LOSAVIO
Partito con gli ardori giovanili per l’università, sognando un futuro da legale di grandi multinazionali, poi la crisi. Infine, l’incontro con l’America Latina e l’Africa, salvo poi accorgersi che c’è un’Africa a due passi da casa. Dopo aver cercato il senso oltre i mari, l’autore si ritrova tutti gli odori del mondo in una stanza di pochi metri quadri, lo sportello degli avvocati di strada, in un locale al piano terra accanto alla stazione ferroviaria.
Massimiliano Arena, avvocato di Foggia, fondatore e responsabile dal 2005 del locale sportello degli Avvocati di Strada. Volontario nel 1999 in Ecuador e nel 2000 in Perù con l’Operazione Mato Grosso. Co-fondatore nel 2009 di un Pub poetico ed equo solidale. Ha vissuto in Bolivia nel 2010, come responsabile in un progetto di avviamento al lavoro di giovani poveri dell’altopiano boliviano. Project manager nel 2011 in Guinea Bissau per l’apertura di Casa Bambaran, casa per l’accoglienza di bambini abbandonati e disabili.
Leonardo Losavio è autore e attore di teatro. È co-fondatore del Teatro dei Limoni e del Laboratorio Sperimentale Indipendente nel quale insegna Scrittura Creativa. È l’ideatore del Breaking Book, l’innovativo meccanismo narrativo dal quale nascono i romanzi: 8 corde tese (2017) e L’algoritmo imperfetto (2018), pubblicati dalla Nowhere Books.

17 agosto | ore 8.00 | Piazza De’ Galganis
Meditazione con una seduta di QI GONG del Maestro PASQUALE RESCE
Fin dall’antichità, in Cina sono state sviluppate delle tecniche per guarire da ogni tipo di malattia, per riequilibrare il corpo, ma anche per aumentare l’energia vitale dell’individuo. L’insieme di queste tecniche, chiamate Alchimia Interna (i Dan), in epoca contemporanea (XIX° sec.) ha preso il nome di Qi Gong: l’Arte di Controllare e Dirigere consapevolmente il Qi (energia interiore).
Si consiglia di praticare la meditazione scalzi e con vestiti comodi (eventualmente con un telo da poggiare a terra).
Pasquale Resce si avvicina allo Shiatsu e alle Discipline del settore Dolce e Naturale nel 1999, iniziando a frequentare la Scuola di Shiatsu EFOA, diplomandosi con il Master nel 2004. Contemporaneamente si forma anche sulla Medicina Tradizionale Cinese, sul Qi Gong e sulla Pranoterapia. Lo shiatsu è la sua principale attività che pratica dal 2002. Tiene regolarmente corsi di Qi Gong dal 2005.

17 agosto | ore 17.30 | IL SENTIERO DELL’ANGELO in Via Garibaldi, 3
VISITA AL MUSEO “IL SENTIERO DELL’ANGELO”
Per le spiegazioni vedi quelle già indicate a pag. 3 di questa brochure.

17 agosto | ore 18.00 | Via Umberto Primo
[Segnaliamo l’evento, al di fuori della nostra programmazione]
LA SALSA DO IT TOGHETER
Convegno a cura dell’associazione di promozione sociale Do It Together Project

17 agosto | ore 19.00 | Piazza Acceptus presso bar GUSTO (fronte SENSO CIVICO)
Giuseppe PIEMONTESE presenta
MONTE SANT’ANGELO NELLE CARTOLINE E FOTO D’EPOCA, ed. Bastogi
Il libro soddisfa il desiderio di conoscere, da un punto di vista urbanistico, ma soprattutto antropologico, la città di Monte Sant’Angelo attraverso le immagini fotografiche delle cartoline e foto d’epoca riguardanti il periodo che va dal 1900 fino agli anni Sessanta.
Giuseppe Piemontese è socio ordinario della Società di Storia Patria per la Puglia ed autore di numerosi libri, saggi e articoli sulla storia, sulla cultura e sulla religiosità popolare del Gargano. Ha posto al centro della sua attività di ricercatore lo studio del territorio, inteso come espressione più ampia del patrimonio culturale che si costruisce attraverso i secoli e gli apporti di varie civiltà, che hanno creato quella identità storico-culturale presente in maniera originale e irripetibile nella città di Monte Sant’Angelo.

17 agosto | ore 20.00 | Piazza Acceptus presso bar GUSTO (fronte SENSO CIVICO)
ANTONIO LILLO presenta LA NOSTRA VOCE NON SI SPEZZA, ed. Stilo
Una raccolta di racconti dove si alternano personaggi malinconici e rinunciatari a sognatori e rivoluzionari; gli uni e gli altri, incuranti della vita che scorre tra le dita, cercano la propria strada, un riscatto possibile ma sempre più improbabile. Intorno a loro prende forma la provincia meridionale, spazio circoscritto e sicuro che sa però anche diventare infido, quando i bisbigli si tramutano in dicerie e gli orizzonti si restringono a quelli di una piazza o di una villa, dove nulla sembra poter accadere se non con un pizzico di follia.
Antonio Lillo vive e lavora a Locorotondo dove dal 2013 è direttore editoriale della casa editrice Pietre Vive.
Fra le sue principali pubblicazioni vi sono le raccolte di poesie e racconti: L’innocenza del Male (2008); Viva Catullo (2011); Dal Confino (2013); Rivelazione (2014); Bestiario Fiorito (2016); Inventario dei sogni (2017); La nostra voce non si spezza (2018, Stilo). Per il teatro è autore dell’atto unico Fiat Umbra (2010) per la regia di Carlo Formigoni e del monologo Grasso (2011) per la regia di Elisa Gestri, divenuto nel 2012 una pièce radiofonica per Radiotre.

17 agosto | ore 21.00 | Via Sant’Oronzo, 5 (presso la sede ARCI Nuova Gestione)
TUTTO COSI’ COMINCIO’ (Quorum Edizioni) performance con MADDALENA GATTA (illustratrice), ENZA NOTARANGELO (attrice) e DONATO DI BARI (autore)
È una fiaba i cui personaggi sono invisibili particelle di energia e allegre onde vibranti in moto nel misterioso campo di energia dell’Universo. Esperti del settore l’hanno considerata “una forma nuova di raccontare e illustrare temi scientifici e filosofici in modo semplice ed immediato, senza far mancare l’elemento fantastico, il sentimento di inquietudine, la paura, il coraggio e la gioia del lieto fine”.
Donato di Bari è nato circa 5 decenni fa a Monte Sant’Angelo.
Dopo gli studi superiori si iscrisse alla facoltà di geologia presso l’Università degli Studi di Modena dove, oltre alla laurea, conseguì anche il dottorato di ricerca. Svolse numerosi periodi di studio all’estero in varie università e accademie europee che gli valsero l’appellativo di “the long-haired Italian researcher” (il ricercatore italiano dai capelli lunghi) e divenne autore e coautore di numerose pubblicazioni scientifiche.
Per la sua vita ebbe un grande impatto l’incontro col filosofo buddista Daisaku Ikeda, che subito scelse come suo mentore e che rappresenta uno dei pilastri della sua vita.
“Tutto così cominciò” è la sua prima pubblicazione.
Enza Notarangelo si forma presso il Teatro dei Limoni di Foggia e approfondisce la sua formazione nel panorama nazionale sperimentando metodiche e tecniche attoriali. Partecipa come attrice e assistente alla regia a diversi allestimenti teatrali. Partecipa come attrice a programmi tv come “Ombre sul giallo”, “Amore Criminale” e web serie come “Darwin”, “Actors”, cortometraggi e spot. Collabora con il Teatro dei Limoni in laboratori per bambini, ragazzi ed adulti e laboratori di animazione teatrale per disabili. Finalista nel 2014 al Weekend del Musical Italiano con la performance “Life is a Cabaret” (Vincitrice di borsa di studio presso il LIM- Laboratorio Ials Musical).

17 agosto | ore 22.00 | scalinata di V. Gambadoro verso P.za De’ Galganis
BIANCA SORRENTINO presenta SEMPRE VERSO ITACA, ed. Stilo
con interventi musicali di MICHELE GUERRA
Questo vivace dialogo tra pagine del mito classico e riletture contemporanee indaga il rapporto tra il tormento lacerante e la conoscenza: il viaggio, con Ulisse come archetipo di colui che «a lungo errò» e «molti dolori patì»; la memoria, con Enea che a caro prezzo paga la promessa di rifondare la casa perduta; la verità, con Edipo, che solo quando si acceca riesce a vedere; la poesia, con Orfeo, che discende nel nulla e canta la vita; il lutto, con Elettra come testimone della ferocia e incubatrice d’odio; la ricerca di senso, con Filottete che attraverso l’esperienza dell’alienazione comprende il significato delle sue ferite; la ricerca di una via, con Dedalo che nella prigionia impara a desiderare la libertà. Resta un’immaginifica suggestione di leggerezza, che soffia via la polvere dagli occhi e con un tocco di gentilezza chiarisce lo sguardo.
Bianca Sorrentino ha conseguito la laurea magistrale in Filologia, Letterature e Storia dell’Antichità presso l’Università di Bari ‘Aldo Moro’ e ha ottenuto un diploma di Master in Economia e Management dell’Arte e dei Beni Culturali presso la Business School de «Il Sole 24ORE». Si occupa da sempre di teatro e didattica, ha lavorato in Irlanda come assistente di Lingua Italiana, ha pubblicato per i tipi di Stilo Editrice Mito classico e poeti del ’900 e Sempre verso Itaca. Itinerari tra mito e riletture contemporanee.
Michele Guerra fin dall’infanzia mostra attenzione per la musica e la chitarra. Presso il conservatorio statale Umberto Giordano di Foggia segue gli insegnamenti del maestro Sandro Torlontano e si diploma nel 2006.
Nel 2009 consegue, presso il conservatorio di Foggia, il diploma di specializzazione per l’insegnamento nelle scuole secondarie di primo grado. Nello stesso anno inizia a collaborare con il chitarrista Luigi Dell’Accio, formando un duo chitarristico.

18 agosto | ore 10.30 | Villa Simone (Macchia)
UNA GIORNATA IN FATTORIA CON ESCURSIONE A CAVALLO
Avete mai assistito alla preparazione del caciocavallo del Gargano? Avete mai munto una mucca? Che ne dite di un escursione a cavallo?
“La giornata in Fattoria” è tutto questo, e molto di più.
Passeremo una giornata spensierata a stretto contatto con la natura e gli animali di un’autentica fattoria del Gargano. L’esperienza è perfetta per grandi e piccini. Evento a cura dell’Associazione Dove andiamo sul Gargano.
Per info e prenotazioni chiamate il numero (+39) 328.9559567.

18 agosto | ore 17.30 | IL SENTIERO DELL’ANGELO in Via Garibaldi, 3
VISITA AL MUSEO “IL SENTIERO DELL’ANGELO”
Per le spiegazioni vedi quelle già indicate a pag. 3 di questa brochure.

18 agosto | ore 18.00 | Piazza De’ Galganis e Largo Totila
[Segnaliamo l’evento, al di fuori della nostra programmazione]
LA SALSA DO IT TOGHETER
serie di eventi a cura dell’associazione di promozione sociale Do It Together Project

18 agosto | ore 21.00 | Atrio superiore Chiesa Madonna della Libera
TONY DI CORCIA presenta LA FEMMINA E’ MERAVIGLIOSA. VITA IMPAZIENTE DI ANDREA PAZIENZA, ed. CAIRO | dialoga con l’autore Felice SBLENDORIO
“Donna è la mia ragazza, donna è mia madre e ti dico che riposare una testa sconvolta in un grembo conosciuto e amato è quanto di più bello sia dato da vivere a un uomo. La femmina è meravigliosa”. Parola di Andrea Pazienza, fumettista, disegnatore, artista di bruciante talento nato a San Severo e scomparso prematuramente nel 1988, a soli trentadue anni. Di lui si è detto e scritto tanto ma poco, o quasi nulla, delle sue donne, delle voci femminili che lo hanno conosciuto, “vissuto” e amato: Tony di Corcia fa parlare proprio loro nel suo nuovissimo libro dedicato al grande Paz.
Tony di Corcia è Nato a Foggia nel 1975. Ha iniziato la sua attività professionale nel 1990 e ha scritto per le redazioni pugliesi di Repubblica e del Corriere della Sera. Nel 2010 ha pubblicato Gianni/Versace: lo stilista dal cuore elegante seguito nel 2012 da Gianni Versace. La biografia con una prefazione di Giorgio Armani. Nel 2013 sono usciti Valentino: ritratto a più voci dell’ultimo imperatore della moda e Burberry: storia di un’icona inglese, dalla Regina Vittoria a Kate Moss. Nel 2015 ha pubblicato Alda Merini e Michele Pierri. Un amore tra poeti (prefazione di Maurizio Costanzo).

18 agosto | mezzanotte circa | Largo Tomba di Rotari
OFFICINA DEL GIORNO DOPO con Matteo TOTARO
“Officina del giorno dopo” aprirà al pubblico per mostrare dal vivo l’antico processo di stampa tipografica a caratteri mobili. Per l’occasione saranno tirate 33 plaquette con un inedito della poetessa Rossella Tempesta. Al termine, nella piazza antistante, verrà proiettato il documentario di Silvio Soldini “Il fiume ha sempre ragione” (70 minuti) sulle esperienze tipografiche contemporanee dei maestri Alberto Casiraghy e Josef Weiss.
Matteo Totaro (Manfredonia, 1985) ha vissuto a Monte Sant’Angelo fino al termine degli studi classici. Nel 2004 si è trasferito a Bologna per frequentare la facoltà di Lettere. Dal 2007 al 2012 ha lavorato con il poeta Roberto Roversi. Nel 2013 ha fondato con Valerio Grutt la casa editrice
“Heket” e nell’agosto del 2017 ha inaugurato a Monte Sant’Angelo la bottega tipografica “Officina del giorno dopo”. Insegna materie letterarie negli istituti superiori di secondo grado. Vive tra Bologna e il Gargano.

19 agosto | ore 10.00 | partenza da SENSO CIVICO in Via Reale Basilica n. 76
MAGIA E DEVOZIONE POPOLARE: CENTRO STORICO con Giuseppe Rignanese
Visita nel Centro Storico di Monte S. Angelo e al Museo Tancredi: magia e medicina popolare, proiezione delle interviste realizzate nelle video guide del Museo Tancredi, relativamente ai cicli della vita: nascita, matrimonio, feste e ricorrenze popolari, morte.
La visita sarà guidata dall’archeologo Giuseppe Rignanese (per info vedi pag. 6).
Per prenotazioni chiamare il numero (+39) 389.1450508.

19 agosto | ore 17.30 | IL SENTIERO DELL’ANGELO in Via Garibaldi, 3
VISITA AL MUSEO “IL SENTIERO DELL’ANGELO”
Per le spiegazioni vedi quelle già indicate a pag. 3 di questa brochure

19 agosto | ore 19.00 | Sala Conferenze della Biblioteca Comunale “C. Angelillis”
CAMMINO DELLA PACE (CONVEGNO)
La Fondazione Arbor, nata nel 2005 dall’incontro con Raimon Panikkar, suo primo presidente e uno dei maggiori fautori del dialogo tra fedi, tradizioni e culture, si è avvicinata con passione e curiosità al progetto del primo Cammino interreligioso, decidendo di promuoverlo e di diventarne partner attivo.
Ecco così nascere il “Cammino della Pace”, un lungo pellegrinare che, partendo da L’Aquila, si snoda attraverso tre regioni: Abruzzo, Molise e Puglia, per giungere a Monte Sant’Angelo, sul promontorio del Gargano.
Evento in collaborazione con l’Associazione Monte Sant’Angelo Francigena e Fondazione Arbor.

19 agosto | ore 20.00 | Piazza Acceptus presso bar GUSTO (fronte SENSO CIVICO)
MICHELE PRESUTTO presenta L’UOMO CHE DIVISE IL PANE IN CINQUE, ed. Besa
Giuseppe Alia è il sagrestano della chiesa di Portopalo, in Sicilia, alla fine dell’800. Dopo essere venuto in contatto con la chiesa valdese, cambia religione, il che lo porta a un duro scontro con la gerarchia cattolica locale, accusata di totale mancanza di decoro e moralità. Nel 1895, durante la processione della Settimana Santa ad Avola, rimane coinvolto in uno scontro in seguito al quale è costretto a scappare in Argentina, dopo essere stato emarginato dalla sua stessa famiglia e allontanato dalla moglie.
Michele Presutto (1966). È autore di articoli, saggi e libri di storia. Scrive sulle pagine di numerose riviste specializzate. È coautore della raccolta di racconti I fuggiaschi (2013). L’uomo che divise il pane in cinque è il suo primo romanzo.

19 agosto | ore 21.00 | scalinata di V. Gambadoro verso P.za De’ Galganis
GAETANO APPESO e l’Editore ANTONIO DELLISANTI presentano
MESOAMERICA. SULLE TRACCE DEL SERPENTE PIUMATO, Dellisanti Editore
Chi era il Serpente Piumato per le popolazioni precolombiane? Un dio? Un eroe del passato? Un esploratore venuto da un altro continente? Da un altro mondo?
Quello raccontato in questo libro è un viaggio compiuto proprio nelle terre dove nasce il mito. Ma il viaggio descritto in queste pagine non è solo geografico, è anche interiore. Una profonda esperienza che costringe ad affrontare paure, difficoltà ed incertezze da cui se ne trae un prezioso insegnamento: viaggiare non è solo scoprire il mondo, è anche scoprire se stessi.
Il libro è il vincitore del Premio Presidi del Libro “Alessandro Leogrande” 2018.
Gaetano Appeso è nato a Taranto nel 1978. Laureato in Scienze Organizzative e Gestionali, Ufficiale della Marina Militare Italiana, ha partecipato a diverse missioni di pace in Africa e Asia. La passione per l’archeologia e il fascino verso le diverse culture lo hanno spinto in viaggi estremi, molti dei quali in zone remote del pianeta.
Ha scritto E-mail dall’Amazzonia (2014) e Tiancháo – Taccuino di un viaggio in Oriente (2015), successo letterario della categoria narrativa da viaggio.

19 agosto | ore 22.00 | scalinata di V. Gambadoro verso P.za De’ Galganis
CONFINI LABILI concerto arpa solo di GLORIA BIRARDI
Il programma racchiude una selezione delle musiche di repertorio specifico per arpa che spaziano dall’arpa popolare al repertorio classico, influenzato dai temi e musiche popolari. In particolar modo la relazione con la tradizione napoletana e la tradizione “dell’arpicella” popolare rimasta viva nella Basilicata, con parallelismi nella cultura irlandese.
Gloria Birardi ha iniziato gli studi di pianoforte all’età di 5 anni, dopo poco ha scoperto l’arpa e d’allora mai abbandonata. Ha studiato sotto la guida della Prof. Maria Di Giulio a Foggia dopo cinque anni di avviamento allo strumento nel Conservatorio di Bari.
Nel 2005 ha iniziato la sua carriera professionale presso varie orchestre e in vari teatri del centro-sud Italia. Le sue collaborazioni sono iniziate con l’OGI – Orchestra Giovanile Italiana, fino alla Fondazione Petruzzelli di Bari. Nello stesso anno ha iniziato a lavorare come docente di strumento – arpa – presso la scuola pubblica.
Nel 2013 Si è trasferita a Dublino dove ha studiato alla Royal Irish Academy of Music e collaborato con l’Orchestra Nazionale della Radio e Televisione Irlandese – RTE’. Contemporaneamente ha mantenuto la sua professione di docente di arpa.
Dal 2017 vive e lavora a Marsiglia continuando le collaborazioni orchestrali, intensificando l’attività cameristica e l’insegnamento.

OSPITARE
Con Ospitare, la chiamata ad accogliere vogliamo favorire l’incontro tra persone, tra la nostra comunità e i nostri poeti, scrittori, attori e musicisti. Vorremmo che fossero proprio le famiglie di Monte Sant’Angelo ad aprire le porte agli artisti ospiti di JUNNO. Festival delle piccole cose. Vorremmo creare una rete di ospitalità che torni a dare l’antico significato del termine accoglienza. Vorremmo che i nostri artisti fossero ospitati per la notte dai nostri cittadini, dai nostri amici, dagli abitanti più accorti della nostra comunità.
Se siete interessati chiamate il numero 389.1450508.

COSTRUIRE
Con Costruire, la chiamata alle idee il programma del Festival si è aperto al contributo di tutte quelle realtà attive sul territorio di Monte Sant’Angelo – associazioni, organizzazioni culturali e ambientali, comitati, musei, circoscrizioni, ma anche singoli cittadini – che hanno proposto la loro iniziativa.

MONTE IN FIORE
Concorso indetto al fine di rendere più bella, gradevole ed ospitale la città di Monte Sant’Angelo e il suo territorio attraverso l’utilizzo dei fiori per trasformare lo scorcio di una via, di un balcone, di una piccola finestra, di una piazza o di un palazzo.

LIBRI IN LIBERTÀ – BOOKCROSSING
Libri in libertà è un’iniziativa nata sulla scia del bookcrossing per diffondere la cultura letteraria attraverso lo scambio di libri. L’Associazione Culturale Rhymers’ Club già dal 2006 allestisce in Italia “spazi” (di solito con vecchie cassette della frutta) dove è possibile trovare libri che non aspettano altro di essere letti in maniera gratuita e condivisa. Chiunque può arricchire la disponibilità di libri presenti negli “spazi” allestiti con donazioni spontanee.
Uno di questi spazi è allestito presso “Senso Civico” in Via Reale Basilica 76, a due passi dal Santuario di San Michele a Monte Sant’Angelo.

MONTE SANT’ANGELO è CITTA’ CHE LEGGE
Monte Sant’Angelo è stata inserita nell’elenco dei comuni delle ‘Città che leggono’ istituito dal Centro per il Libro e la Lettura, ovvero l’Istituto autonomo del Ministero dei Beni Culturali e delle Attività Culturali e del Turismo. La Città di Monte Sant’Angelo è riuscita ad ottenere la qualifica di “Città che legge” grazie alle attività svolte dall’Assessorato alla Cultura e grazie alla presenza del Festival DauniaPoesia.

MAGLIETTE ROSSE
Aderiamo anche noi, simbolicamente, all’iniziativa “Una maglietta rossa per fermare l’emorragia di umanità” lanciata da Luigi Ciotti, presidente Libera e Gruppo Abele.

BOOKSHOP
Per la presenza dei libri alle presentazioni fondamentale è stata la collaborazione con la LIBRERIA ORSA MINORE di San Severo.

L’AUTORE DELLA FOTO DI COPERTINA
Nicola Loviento nasce a Foggia nel luglio del 1958. Scopre la fotografia ai tempi della Università. Da alcuni anni porta avanti più percorsi che hanno tutti come matrice comune l’indagare l’essere umano.
Convinto assertore dell’associazionismo è da oltre un decennio Presidente del FotoCineClub di Foggia storico sodalizio attivo dal 1969 e dopo essere stato Delegato per la Regione Puglia è ora Consigliere Nazionale della FIAF la Federazione Italiana delle Associazioni Fotografiche nata nel 1948 che rappresenta la fotografia amatoriale in Italia.
Docente in corsi di fotografia organizzati dai circoli fotografici e nelle scuole pubbliche, è direttore artistico di “FoggiaFotografia: La Puglia senza confini” manifestazione fotografica aperta a tutte le altre arti espressive.

DIRETTORI ARTISTICI
Franx Ciava (Francesco Ciavarella) vive ed opera ad Apricena.
Il suo percorso nel campo artistico inizia sin dall’età adolescenziale ricercando linguaggi alternativi prima nella musica e poi nell’arte figurativa. Con la sua chitarra dissonante collabora in diversi progetti musicali che spaziano dall’acustica all’elettronica.
Dopo aver solcato diverse città italiane con le sue esposizioni, decide di dedicarsi al suo territorio e da lì inizia ad organizzare collettive d’arte come “Scarti in fermento”. In seguito, insieme ad altri amici, fonda “La Casa di Michele”, un‘associazione artistica e galleria d’arte contemporanea. E’ anche l’ideatore di “Zero Rudimenti”, un festival sul linguaggio contemporaneo dell’arte.

Raffaele Niro è un poeta e scrittore. Per la poesia ha pubblicato, di recente, L’attesa del padre (Transeuropa, 2016, 2017² – Premio Minturnae); Lingua di terra (La Vita Felice, 2013). Sue poesie sono tradotte in Austria, Cile, Messico, Nicaragua e Spagna. Per la narrativa è coautore di Inchiostro di Puglia (Caracò, 2015, postfazione di Nicola Lagioia), de I fuggiaschi (Stilo, 2013, prefazione di Franco Arminio), di Babel Hotel (Infinito, 2011, prefazione di Gian Antonio Stella) e di Rondini e ronde (Mangrovie, 2010, prefazione di Jean-Léonard Touadi). Entro il 2018 uscirà il suo primo romanzo, Futuro Interiore, per la casa editrice Les Flâneurs.
Da alcuni anni conduce un laboratorio poetico di scrittura e lettura creative per bambini e ragazzi denominato il Cantiere delle parole bambine.

Questa edizione del Festival non si sarebbe potuta realizzare senza la preziosa collaborazione di: Mariagrazia Santamaria, Alfredo Di Padova, Enza Notarangelo, Stefania Guerra, Mara De Felici, Silvia Di Iasio, Donatella Bisceglia, Giuseppe Rinaldi, Lucia Rignanese, Federico Scarabino, Biagio De Nittis, Nicola Notarangelo, Michele Notarangelo, Michele Lauriola, Matteo Totaro, Matteo Gabriele, Giuseppe Rignanese, Pasquale Resce, Michele Simone, Sara Giauro, Matteo Rinaldi, Antonio Ciuffreda, Pasquale Gentile.