Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per continuare la navigazione,  clicca sul pulsante per chiudere.

questo sito non fa raccolta dati degli utenti, pertanto non è soggetta al GDPR.

 EVENTUALI BANNER PRESENTI NEL SITO POTREBBERO FARE RACCOLTA DATI NON DIPENDENTI DA NOI. 

logo

Giornata di presentazioni ieri alla Tancredi Amicare dove il nuovo Dirigente Scolastico , si è presentato alla popolazione dei genitori dell’ist. Comprensivo.
Il Preside Luca Fidanza si è congedato dalla scuola per pensionamento ed in sua sostituzione è arrivato il Dirigente Filippo Quitadamo già Preside della San Giovanni Bosco di Manfredonia, oggi reggente dell’ist. Comprensivo Tancredi Amicarelli.
Nel corso dell’incontro sono emersi tanti punti interessanti con progetti in itinere, progetti che come lo stesso Preside dice, devono prevedere una “Alleanza educativa” tra la scuola e le famiglie.
Il dirigente ha sottolineato che oggi quando si parla di agenzia educativa scuola, non ci si riferisce più solo al corpo docente, ma è esteso a tutta la comunità scolastica, compreso il personale ATA e Collaboratori scolastici.
Parafrasando la parabola dei talenti al solo scopo pedagogico, il dirigente Quitadamo ha sottolineato quali debbano essere i criteri che devono accompagnare la valutazione degli studenti, valutazioni qualitative e non quantitative -chiosa il preside-. Tra i tanti progetti enunciati, uno sicuramente sarà molto ben accetto dai ragazzi e le ragazze, la motoria dance, un metodo per affiancare alla classica educazione fisica sistemi innovativi ma già collaudati altrove.
Anche il cambio di tipologia del rientro è piaciuto ai genitori, i due rientri per le scuole medie saranno svolti sempre il martedì e giovedì ma senza rientrare a casa.
I genitori sono usciti dall’incontro molto soddisfatti, in attesa di vedere messo in pratica ciò che è stato verbalmente comunicato. Il dialogo scuola famiglia dovrà essere continuo, in questo modo si fanno crescere i nostri figli, come dice un proverbio indiano:”Per crescere un bambino ci vuole tutto un villaggio”.


Officina Creativa