Ieri 15 aprile nella sala conferenze della biblioteca comunale di Monte S. Angelo è stata presentata questa antica tradizione.

Dopo i saluti dell’assessore Rosa Palomba sono intervenuti: il Prof. Antonio Nasuto ed il Prof. Franco Nasuti. La serata è stata coordinata dal’avv. Michele Picaro.   

Per l’occasione sono stati presentati diversi lavori eseguiti da alcune  classi della primaria e della secondaria dell’IC TANCREDI AMICARELLI.

Poesie e racconti eseguiti dalla classe 2^B della Scuola secondaria di primo grado dell'I.C. "Tancredi Amicarelli" (Laboratorio di scrittura creativa diretto dalla Prof.ssa Raffaella Renzulli e Prof. Michele Guerra);

Disegni e pupazze realizzati dalle classi 2^ B e 2^ C della Scuola secondaria di primo grado dell'I.C. "Tancredi - Amicarelli", diretti dal Prof. Luigi Guerra e dalla Prof.ssa Roma Giuliani.

Poesia e dialogo realizzati dalle classi 4^ C e 4^ D della Scuola primaria dell'I.C. "Tancredi - Amicarelli", diretti dalle insegnanti Lina Piemontese e Laura Rago;

Pupazze e cartellone realizzato dalla classe 5^ B della Scuola primaria dell'I.C. "Tancredi - Amicarelli", diratta dall'Ins. Angela Guerra.

1.jpg 10.jpg 2.jpg

3.jpg 4.jpg 5.jpg

6.jpg 7.jpg 8.jpg

9.jpg

Si ringrazia Francesco Le Noci per le foto

IMG-20190415-WA0013.jpg IMG-20190415-WA0014.jpg IMG-20190415-WA0015.jpg

IMG-20190415-WA0016.jpg IMG-20190415-WA0017.jpg IMG-20190415-WA0018.jpg

IMG-20190415-WA0019.jpg IMG-20190415-WA0020.jpg IMG-20190415-WA0021.jpg

IMG-20190415-WA0022.jpg IMG-20190415-WA0023.jpg IMG-20190415-WA0024.jpg

IMG-20190415-WA0025.jpg IMG-20190415-WA0026.jpg IMG-20190415-WA0027.jpg

IMG-20190415-WA0028.jpg IMG-20190415-WA0029.jpg IMG-20190415-WA0030.jpg

IMG-20190415-WA0031.jpg IMG-20190415-WA0032.jpg IMG-20190415-WA0033.jpg

IMG-20190415-WA0034.jpg IMG-20190415-WA0035.jpg IMG-20190415-WA0036.jpg

IMG-20190415-WA0037.jpg lenoci1.jpg lenoci10.jpg

lenoci11.jpg lenoci12.jpg lenoci13.jpg

lenoci14.jpg lenoci15.jpg lenoci16.jpg

lenoci17.jpg lenoci18.jpg lenoci19.jpg

lenoci2.jpg lenoci20.jpg lenoci21.jpg

lenoci22.jpg lenoci23.jpg lenoci24.jpg

lenoci25.jpg lenoci3.jpg lenoci4.jpg

lenoci5.jpg lenoci6.jpg lenoci7.jpg

lenoci8.jpg lenoci9.jpg

 

POESIE degli alunni delle Classi 4^ C, 4^ D Scuola Primaria I.C. “Tancredi – Amicarelli”, guidati dalle Insegnanti Libera Maria Piemontese e Laura Rago.

LA QUARANTENE

Madonne che spavinte!

U’core ancore sbatte ‘ndlu pitte!

Tutte na botte, eje viste ‘na pupa nerji

Che diavularij ieje!

Ste appese sotte la cchise de san Geseppe

e lu uinde la fè vulè

come li ciaule che stanne sopa a Sammennitte.

Ste tutta vestute nerji pe nu fazzelette ‘nchepe,

sotte, au poste de li pite,tene na patene

pe sette penne de jaddine.

Alete che mascjiere!

So skappete subbete a chese e mamme quanne mo viste

ho skandete pure jesse.

“Maà! Oja mà ,che je quedda pupa nerji

che ste a mizze la chiazze”?

“Su ciucce murte! Pigghie paure pe li fessarji!

Jei la Quarantene, tutte l’anne la mettene

pecchè quanne la sere prime de Pasque

la sparene vene a segnefechè

ca lu ‘nvirne è sparute,la Quareseme è fenute e

u nostro Signore ‘ncile ce ne sciute”.

 

TRADUZIONE LETTERALE

Madonna che spavento!

Il cuore mi batte ancora nel petto!

All’improvviso ho visto una pupa nera,

che diavoleria sarà mai?

E’ appesa sotto la Chiesa di San Giuseppe

e il vento la fa volare come le taccole

sul campanile di San Benedetto.

E’ tutta vestita di nero, con un fazzoletto in testa,

invece dei piedi, una patata con sette penne di gallina.

Altro che megera!

Sono scappato subito a casa

e mamma quando mi ha visto

si è spaventata anche lei.

“Mamma…mamma, chi è quella pupa nera

appesa nel mezzo della piazza?”

“Asino morto! Ti spaventi per le fesserie!

E’la Quarantene, tutti gli anni la mettono

perché, quando la sera di Pasqua

la sparano, significa che l’inverno è sparito,

la Quaresima è terminata e

nostro Signore in Cielo è salito.”

LA QUARANTENE E LU UAGNONE

-Che fè dda sope quedda pupa nerji?

-Ce pote sapì che si? Mamma meji quante si bbrutte!

-Nej viste mè na femmene tante brutte, che si na mascjere?”

-Ne so na mascjere e po’, madonne meji, jda quante so brutte!

-Ma te si uardete allu specchie? Fe proprie schife e po’ cchedè ca ste appese come na cundannete a morte?

- Eh! figghje mii, se sapisse!Che ne sacce che cianna misse ‘nchepe si crestiene, m’anne appese qua, all’acque e allu uinde, dicene can ‘nde si iurne de quareseme ij me mange la carne u chene, ca so pastrozzele, ca so longhe come lu ‘nvirne…

-Chedè ca ste vestute nerji? E’ murte  maritete?

-No… che ddice! Steche vestute nerji pecchè dicene ca so brutte come la morte e

 nerji come lu pucchete.

-No tu si brutte proprij come nu debbete.

-Che vu da me, se manne accunzete accussì, ji prime iere nu poche cchiù berafatte!

-E che jei quedda patene pe sette penne di jaddine  che tin au poste de li pite?

-Che iei? Vaccele addumanne a lore, ij na cose sacce, ca ogni sabbete de la quareseme  levene une.

-E pò che fine che fè, miche ste sempe appese dda come nu chesecavadde staggiunete!

-Eh! Figghji mij,sapisse  che fine che me fanne fè… Doppe che sto stete ‘mpese pe quarantasette iurne e da qua ssuse eji viste de tutte i culure, la sera de Pasque me sparene…m’appiccene da sotte sope… ‘nte pozze dice u delore! Me sente i recchij skattete, nu ccalte pe tutte lu curpe e po more…Però se passa da quà auanne che vene de ssi timpe,arrete quà me truve!

 

TRADUZIONE

-Cosa fa lassù quella pupa nera?

-Si può sapere chi sei? Mamma mia quanto sei brutta!

-Non ho mai visto una donna tanto brutta! Chi sei una megera?

-No, non sono una megera! E poi madonna mia, sono proprio così brutta?

-Ti sei guardata allo specchio? Fai proprio schifo e poi perché sei appesa lassù come un condannato a morte?

-Eh! Figlio mio, se sapessi! Io non so cosa si sono messi in testa queste persone, mi hanno appesa qui, alle intemperie perché dicono che durante la Quaresima mangio la carne di cane, sono sporca e lunga come l’inverno.

-Perché sei vestita a lutto? E’ morto tuo marito?

-No, cosa dici, sono vestita di nero perché dicono che sono brutta come la morte e nera come il peccato.

-No tu sei brutta proprio come i debiti.

-Cosa vuoi da me se mi hanno combinata così? Io prima ero un po’ più carina!

-Cos’è quella patata con sette penne di gallina che hai al posto dei piedi?

-Non lo so, vai a chiederlo a loro! Io una cosa so, che ogni settimana ne tolgono una.

-E dopo che fine fai? Mica ti fanno stare qui, per sempre appesa come un caciocavallo stagionato?

-Eh! Figlio mio sapessi che fine i fanno fare! Dopo che sono stata appesa qui per quarantasette giorni e da qui sopra ne ho viste di tutti i colori, la sera di Pasqua mi sparano,mi bruciano, non ti posso dire il dolore! Le orecchie mi scoppiano…un calore insopportabile per tutto il corpo… e poi muoio. Però se ti trovi a passare di qua l’anno prossimo in questo periodo, qui mi troverai!

 

Poesia degli alunni della Classe 2^ sez. B Scuola Media – I.C. “Tancredi – Amicarelli”

 

LA “QUARANTENA”

 Al centro della piazza

hanno appeso una pupazza

tutta di nero vestita

con un fuso tra le dita.

“E’ la Quarantena cipiglia.”

dice la mamma alla figlia

“Una patata con sette penne lisce

il tempo quaresimale scandisce”.

E’ una vecchia megera

che fila da mattina a sera

e impone a tutti preghiera

e penitenza seria.

La neve di fine inverno la imbiancherà,

il vento di marzo la dondolerà,

la pioggia di aprile la bagnerà,

il sole di primavera l’asciugherà.

“E’ la vedova di Carnevale”

esclama una signora accigliata

“che prima ha fatto baldoria e baccanale

 ed ora dondola tutta addolorata”.

Un vecchio alza lo sguardo e il capello si leva,

mormora a bassa voce: “E’ la Madonna Quarantena.

Cammina sola piangente

alla ricerca del Figlio morente.

Non ha sette penne conficcate,

ma sette spade nel cor sono infilzate.

 

BENVENUTA QUARANTENA

Quando ero piccina

vidi una vecchina

che dondolava per la città

di qua e di là.

Aveva un nero vestito

poiché non aveva il marito.

Sotto di essa c’era una patata

che da adulti e bambini veniva guardata.

Sette piume alla patata eran attaccate

che ogni settimana venivan staccate.

Essendo che la vecchina era sola

portava tra le mani una corona.

Se anche tu questa bambola vuoi ben volere,

questa filastrocca devi sapere.

Per le strade la vecchina è benvenuta,

con il nome di “Quarantena” è conosciuta.

Martina Frattaruolo – Martina Rinaldi

Classe 2^ sez. B - Scuola media “Amicarelli”

ERIGONE

 

Voglio raccontarvi una leggenda,

ma voglio anche che vi sorprenda.

Dioniso da Icario fu ben ospitato

e così, grato, del vin gli ha donato.

Icario ai pastori offrì il vino

ed essi lo trovarono divino.

Subito dopo si sentiron frastornati

e pensaron che Icario li avesse stregati.

Così per la troppa rabbia lo uccisero

e sotto un albero lo lasciaron misero.

Quando la figlia Erigone lo seppe, gli si spezzò il cor

tanto da impiccarsi all’albero per il troppo dolor.

Sotto c’era Il fedele cane Mera

che notte e giorno la guardia gli faceva.

Da quel giorno Erigone e il cane Mera

diventaron costellazioni del cielo della sera.

Per secoli la storia è stata tramandata

e la fanciulla impiccata in Quarantana si è trasformata.

Giorgio Ciminiello

Classe 2^ sez. B - Scuola media- I.C- “Tancredi -Amicarelli”

 

LO SPARO DELLA QUARANTENA

Bum bum paratatatà

Siamo finalmente arrivati, eccola quà,

la bambola ormai scoppierà

bum bum paratatatà.

Tutti aspettano con grande attesa

il fuoco della bambola appesa.

Gli occhi si illuminan per le scintille

son concentrati, son più di mille.

Se alla quarantena si fa il funerale

è  perchè si deve scacciare il male.

Bimbi e donne aprono e scuotono tiretti e porte,

è la Vita che vince sulla morte.

Silenzio nell’aria, c’è grande tensione,

sta per continuare l’eplosione.

Le scintille volano qua e là

Bum bum paratatatà.

Antonella Piemontese – Martina Frattaruolo

Classe 2^ sez. B - Scuola media “Amicarelli”


 

 LA STORIA INVENTATA DELLA QUARANTANA

Camminando per una stradina, si scorgeva, dietro la finestra di una casa diroccata e grigia, una donna di nome Quarantana, che stava tutta sola davanti al suo camino. Si percepiva che fosse molto triste e che desiderasse tanto avere un amico.

Una sera bussarono alla sua porta. La donna, sorpresa, andò ad aprire e si ritrovò davanti un uomo stravagante con un vestito tutto colorato. Diceva di chiamarsi Carnevale.

Quarantana lo invitò ad entrare in casa sua ed egli accettò senza esitare.

Iniziarono così a chiacchierare e a conoscersi, ridendo e scherzando così forte che quelle risate attirarono la gente che non aveva mai visto quella signora divertirsi in quel modo.

Passarono anni insieme prima come fidanzati e poi finalmente, il giorno delle loro nozze, come marito e moglie.

Volevano subito avere anche un figlio, meglio ancora una bambina e così fu. Infatti circa un anno dopo nacque la loro prima figlia.

Trent’anni dopo Carnevale, ritornando da una festa, si sentì male e morì.

Quarantana si rimise il vestito nero del lutto e piangeva notte e dì.

Dopo quarantasette giorni, per il troppo dolore, anche Quarantana morì tra le braccia della figlia, da tutti conosciuta con il nome di Pasqua.

Martina Frattaruolo

Classe 2^ sez. B - Scuola media “Amicarelli”