Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per continuare la navigazione,  clicca sul pulsante per chiudere.

questo sito non fa raccolta dati degli utenti, pertanto non è soggetta al GDPR.

 EVENTUALI BANNER PRESENTI NEL SITO POTREBBERO FARE RACCOLTA DATI NON DIPENDENTI DA NOI. 

 Il 30 aprile, in tutto il mondo, si celebra l’International Jazz Day proclamato dall’UNESCO. Dopo la grande musica e le emozioni donate da Antonella Ruggiero e Mark Harris lo scorso sabato 27, quindi, il secondo appuntamento a Monte Sant’Angelo è per martedì 30 aprile con la seconda anteprima: in concerto i The Swingbeaters (ore 20:30, Auditorium “Peppino Principe”, ingresso gratuito). I due appuntamenti del #JazzDay rappresentano l’anteprima del Festival #Michael2019 ne #LaCittàdeidueSitiUNESCO

Promosso dall'UNESCO per celebrare il jazz e il suo “ruolo di forma d’arte capace di sensibilizzare l’opinione pubblica come strumento educativo e come un motore per la pace, l’unità, il dialogo e la cooperazione tra i popoli”, il Jazz Day è un evento di rilevanza mondiale celebrato in più di 190 Paesi.

A Monte Sant’Angelo il 2018 è stato l’anno di Sergio Cammariere. Il 2019 quello di Antonella Ruggiero.

Attraverso un viaggio tra le canzoni più belle del suo repertorio, in uno scenario magico come Piazza de Galganis nel cuore del centro storico di Monte Sant’Angelo, Antonella Ruggiero ha portato in scena musica, sonorità, parole, emozioni e un talento straordinario che hanno colpito il grande pubblico presente che le ha tributato lunghi applausi e due standing ovation. Ad accompagnarla al pianoforte l’estro di Mark Harris, un grande musicista, arrangiatore in passato anche di Fabrizio De Andrè, al quale i due hanno dedicato, rivisitandoli magistralmente, due brani: “La canzone dell’amore perduto” e “Creuza de ma”.

L’emozione è stata la colonna sonora di una serata in cui Antonella Ruggiero ha spaziato dai grandi classici del jazz, a brani di cantautori come De Andrè e Gorni Kramer, fino ai suoi successi da solista e con i Matia Bazar, con una suggestiva e commovente conclusione affidata all’Ave Maria che la Ruggiero ha dedicato alla Città dell’Arcangelo Michele.

“Siamo molto soddisfatti per questo inizio del nostro Festival Michael. La grande partecipazione di pubblico, una straordinaria attenzione dei media e i tanti commenti positivi di quanti hanno partecipato all’evento ci rendono davvero entusiasti per questo Festival che sarà un crescendo di grandi eventi e appuntamenti” - dichiara l’Assessore alla cultura e turismo, Rosa Palomba.

Un inizio eccellente, dunque, con l’anteprima di Michael, che prosegue martedì 30 aprile con il concerto dei The Swingbeaters alle ore 20:30 nell’Auditorium “Peppino Principe”. La band, oltre a riproporre i grandi classici del jazz e dello swing, rivisita anche le hit di artisti come Sting, Bruno Mars, Lady Gaga, Queen, Robbie Williams, Daft Punk, Wham, Elton John, Morcheeba, Rihanna, Adele, Eurythimcs, Vasco Rossi, Elvis Presley, Maroon5 e tanti altri.

Due appuntamenti che ci portano a sabato 4 maggio per l’apertura della seconda edizione del festival Michael affidata al gemellaggio tra Monte Sant’Angelo e Mont Saint-Michel; inoltre, fino all’11 maggio, in programma convegni, concerti, reading teatrali, la Festa in onore di San Michele Arcangelo e la chiusura affidata al Maestro Nicola Piovani a 20 anni dal Premio Oscar con “La vita è bella” di Benigni.

www.montesantangelo.it