Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per continuare la navigazione,  clicca sul pulsante per chiudere.

questo sito non fa raccolta dati degli utenti, pertanto non è soggetta al GDPR.

 EVENTUALI BANNER PRESENTI NEL SITO POTREBBERO FARE RACCOLTA DATI NON DIPENDENTI DA NOI. 

logo

E’ stata inaugurata nei giorni scorsi  la sede montanara, in Vico Fandetti 3, della Lega di Salvini, proprio nel centro di Monte Sant’Angelo, di fronte al monumento ai caduti, (un’opera commemorativa, quella del monumento ai caduti, dedicata al Milite ignoto che ricorda coloro che sono morti per la patria durante la prima guerra mondiale). E’ stato il referente locale della Lega, Franco Biscari, a presentare l’incontro di giovedì sera, 16 maggio, al quale hanno partecipato come ospiti d’eccezione Lorenzo Fontana (Ministro, per la famiglia e le disabilità), e il candidato alle europee, Massimo Casanova. Presenti, oltre a Fontana e Casanova, anche il responsabile regionale del partito, Luigi d’Eramo e quello provinciale Daniele Cusmai che hanno spiegato le ragioni per le quali bisogna votare Lega-Salvini già dalla prossime europee. “La prima volta che sono venuto a visitare Monte Sant’Angelo – ha rivelato Fontana – è stata nel 2002, quando con la mia famiglia ho fatto tappa al santuario di San Michele. A distanza di 17 anni ci sono ritornato altre tre volte, constatando ultimamente che la chiesa, simbolo delle radici cristiane europee, è entrata nel patrimonio mondiale dell’Umanità, e questo sottolinea le grosse opportunità che la comunità locale può cogliere sfruttando i due riconoscimenti Unesco di cui si può fregiare (il santuario longobardo e le faggete vetuste). Da quando la Lega si è allargata anche al sud è nostro intento, ha spiegato Fontana creare le condizione per cui i giovani meridionali restino nei loro paesi d’origine dove possono realizzarsi pienamente nel loro lavoro e formare una famiglia. Occorre fermare la fuga di cervelli e l’esodo di manodopera che impoveriscono ancora maggiormente le regioni meridionali. Il 26 maggio si andrà a votare alle europee, e forse noi siamo uno dei pochi partiti a fondare il nostro agire politico sui fondamenti della convivenza sociale europea ovvero le sue innegabili radici cristiane, un’identità europea che metta al primo posto i diritti dei cittadini”. Ha preso poi la parola Massimo Casanova, candidato alle europee per conto della Lega, il quale ha chiarito che lui ama il Sud (risiede a Lesina da circa 3 anni) e che, una volta eletto a Bruxelles, farà valere gli interessi della comunità locale, che negli anni sono stati compromessi, riferendosi in particolar modo al Parco Nazionale del Gargano, il più grande d’Europa, alla cui presidenza il Ministro, Costa, vorrebbe mettere un generale della forestale (cosi come peraltro intende fare per gli altri parchi, destinando ben 30 generali dei carabinieri forestali alla guida delle aree protette). “Sono un cacciatore – ha detto Casanova – e non mi vergogno a dire che intendo salvaguardare i diritti anche di questa categoria. Occorre creare le condizioni per cui il Parco costituisca un’opportunità di sviluppo maggiore per il territorio, tutelando anche i cacciatori e coloro che ricavano dalla pesca il loro reddito”. Franco Biscari, poi, ha detto in poche parole che il Gargano è un territorio pieno di risorse (boschi, mare, agricoltura e  allevamento, siti Unesco) e che dunque occorre valorizzare delle risorse che nella realtà già esistono, partendo da una politica che metta al centro i valori della Destra. Per Luigi D’Eramo, responsabile regionale della Lega, gli elettori devono essere convinti che votando Matteo Salvini si possono creare orizzonti nuovi per i giovani, nuove occasioni di lavoro e di realizzazione personale, cosa che gli attuali amministratori regionali di centrosinistra non permettono, dando la giustificazione a tanti meridionali per emigrare all’estero. Ha chiuso l’incontro Daniele Cusmai sottolineando come già dalle europee si potranno creare le condizioni per bocciare l’operato dei politici del Pd, capitanati dal governatore regionale, Michele Emiliano, e che alle regionali del prossimo anno ci sarà la Lega di Salvini a tutelare gli interessi dei cittadini pugliesi. L’incontro ha visto la partecipazione di un numero discreto di gente, quasi tutti simpatizzanti del Ministro degli Interni del governo Lega-Cinquestelle, Matteo Salvini, attualmente impegnato in una  dura campagna contro l’immigrazione clandestina, che ha ridotto notevolmente non solo gli sbarchi nei porti italiani, ma anche i morti nel Mare Nostrum.

Matteo Rinaldi