Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per continuare la navigazione,  clicca sul pulsante per chiudere.

questo sito non fa raccolta dati degli utenti, pertanto non è soggetta al GDPR.

 EVENTUALI BANNER PRESENTI NEL SITO POTREBBERO FARE RACCOLTA DATI NON DIPENDENTI DA NOI. 

logo

Di solito cerco di evitare, per ovvie ragioni, di commentare a titolo personale post o comunicati politici, ma leggendo  il mio nome non posso esimermi dall'evidenziare quantomeno l'infondatezza di alcuni incisi che direttamente e indirettamente richiamano anche la mia "delega" al contenzioso.
Non voglio disquisire sulla natura di una delega consiliare, il Sindaco - al quale è stata posta l'interrogazione - ha già diffusamente replicato, ma tengo a precisare quanto anche Forza Italia credo già sappia: in due anni di amministrazione mai un'assenza in Consiglio, men che meno nelle sedute di Question-time, in occasione delle quali mai (mi) è stata posta un'interrogazione sul contenzioso e, comunque, ogni qual volta si è affrontata tale materia, ricordo di aver sempre relazionato, chiarito, replicato e fugato ogni dubbio.
Evidentemente la collaborazione ed il confronto con le forze di minoranza su un settore alquanto particolare e complesso, presumo non abbiano fatto sorgere ad oggi l'esigenza di porre delle interrogazioni, anzi l'impegno comune credo abbia già prodotto dei buoni risultati, tra tutti l'approvazione unanime del "Regolamento per la gestione del contenzioso e per il conferimento degli incarichi di patrocinio legale" e la successiva costituzione di una short list di Avvocati.
Per questo, pur rispettando la posizione di Forza Italia, giusta o sbagliata che sia, non posso condividere le inesattezze e gli assunti riportati nel proprio comunicato.
Tanto per chiarezza ai cittadini e a quanti hanno riposto in me la loro fiducia.