Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per continuare la navigazione,  clicca sul pulsante per chiudere.

questo sito non fa raccolta dati degli utenti, pertanto non è soggetta al GDPR.

 EVENTUALI BANNER PRESENTI NEL SITO POTREBBERO FARE RACCOLTA DATI NON DIPENDENTI DA NOI. 

logo

Sconfitta di misura per il Garganus femminile, che nell'8^ giornata del torneo primaverile Acsi, dopo una partita a tratti dominata e molto sfortunata, cede alla Gioventù Calcio Foggia per 3-4. Buon inizio per le montanare che ci provano con un paio di conclusioni che terminano a lato, ma al primo errore vengono punite e le avversario vanno così in vantaggio. Iniziano a macinare gioco le montanare, aggressività e intensità in campo, ci provano la Longo, la Lauriola G. e Aquilante ma il portiere avversario sventa ogni minaccia. Garganus che raggiunge il pareggio con un guizzo della Lauriola, su un  errore della difesa si avventa sulla palla trafiggendo il portiere, pareggio meritato per il Garganus. Garganus che mantiene comunque sempre il pallino del gioco, ma sul finire del primo tempo, sono ancora le foggiane che si portano in vantaggio su punizione, al riposo si va sul 1-2. Secondo tempo che inizia con la Gioventù Calcio Foggia determinata, segnano subito il terzo gol e dopo qualche minuto vanno in rete per la quarta volta su rigore. Risultato che poteva spezzare le gambe al Garganus, ma le ragazze tirano ancora fuori l'orgoglio, ci provano in tutte le maniere, ma il portiere alza la saracinesca. Garganus che comunque accorcia le distanze, sugli sviluppi di un calcio d'angolo, è lesta Aquilante in spaccata ad anticipare il difensore e mettere in rete. Hanno l'obbligo di crederci le padroni si casa, che vanno in rete per la terza volta, ancora da calcio d'angolo, colpo di testa della Lauriola G. a scavalcare il portiere. Ultimi minuti arrembanti per il Garganus, con un dubbio rigore non fischiato all'ultimo minuto, ma purtroppo non c'è più tempo e la gara termina con il risultato di 3-4. Peccato per le ragazze montanare non aver portato a casa punti, dopo una partita dominata che meritava comunque un risultato positivo, resta comunque l'orgoglio della buona prestazione, che porterà comunque risultati positivi.