logo

 “Culturalmente Impegnato”, ospita due eccellenze musicali del nostro paese:  Francesco Mastromatteo e Uto Ughi

Felice Sblendorio intervista queste personalità di spicco della musica, fra esibizioni live e racconti musicali.

Andrà in onda venerdì 14 febbraio 2014 dalle ore 20:30 su Manfredonia Tv, canale 659 del Digitale Terrestre, una nuova puntata di "Culturalmente Impegnato", il nuovo programma di prima serata dell'emittente sipontina, condotto da Felice Sblendorio.

Il programma parlerà di cultura, politica, informazione, arte, spettacolo, musica, teatro, cinema, danza e letteratura attraverso le varie interviste realizzate, nel corso del programma, ai vari protagonisti dei diversi campi della cultura.

In questa puntata, si parlerà di musica e di cultura, con due grandi protagonisti della scena musicale e culturale in ambito nazionale ed internazionale.

Nella prima parte della puntata, ospite in studio, Francesco Mastromatteo, talentuoso violoncellista foggiano, conosciutissimo per il suo purissimo talento musicale. Definito dal Dallas Morning News “ virtuosic and passionate musician”, il violoncellista Francesco Mastromatteo, ha riscosso apprezzamenti di pubblico e critica in Europa come negli USA per la sua profondità interpretativa, per la sua l'abilità tecnica e per  la sua completezza del suo approccio artistico.

Direttore artistico dell’Accademia "Giovanni Paisiello" e degli omonimi "Amici della Musica" di Lucera, Mastromatteo si esibisce come solista in duo e in formazioni orchestrali. Dopo aver vinto il primo Premio all’International "RotaryCompetition" di Teramo, al Concorso violoncellistico “G. Turci” di Ravenna, e al Concorso “A.CA.DA. E.N. DAS”di Genova, ha collaborato come Primo violoncello con l’ Orchestra Sinfoniche di Foggia e con la Meadows Symphony in Dallas, con le quali si e’ esibito come solista in numerose occasioni. Dal 2006 e’ inoltre componente della Plano Symphony e della Irving Symphony in Texas ove risiede.

I suoi studi italiani lo hanno visto lavorare a lungo con Mike Shirvani, e quindi con Luigi Piovano, David Geringas e Rocco Filippini. Infine, seguendo una innata passione per tutti gli aspetti del mondo artistico, Francesco ha conseguito una laurea in Lettere dall’Universita’ di Bari, pubblicando la sua tesi su Umberto Giordano per la Bastogi Editrice con il sostegno della Fondazione Siniscalco-Ceci della Banca del Monte.

Nella seconda parte, ospite in collegamento telefonico, Uto Ughi, celebre violinista italiano conosciuto in tutto il mondo per il suo purissimo talento. Considerato dalla critica musicale mondiale, a soli 12 anni, un musicista tecnicamente ed espressivamente maturo, Uto Ughi è uno dei più celebri violinisti del nostro tempo. Si è esibito in tutto il mondo, con le più rinomate orchestre sinfoniche e i più importanti direttori d'orchestra. La sua attività discografica è intensa e multiforme. Ha fondato i festival «Omaggio a Venezia», «Omaggio a Roma» e «Uto Ughi per Roma», impegnandosi per la valorizzazione della cultura italiana e dei giovani talenti.

Il 4 settembre 1997 il presidente della Repubblica gli ha conferito l'onorificenza di Cavaliere di Gran Croce per i meriti artistici. Nell'aprile del 2002 gli è stata assegnata la laurea honoris causa in Scienze della comunicazione. Nel 2013 ha pubblicato, per Einaudi, Quel diavolo di un trillo. Suona lo Stradivari del 1701, appartenuto a Rodolphe Kreutzer, il celebre violinista a cui Beethoven dedicò una sonata, e il Guarneri del Gesú «Rose» del 1744, già proprietà di Arthur Grumiaux.

Il programma ideato e condotto da Felice Sblendorio, vede la collaborazione tecnica di Andrea Colaianni e la collaborazione organizzativa di Daniele Salvadore.

 Perché seguirlo? Perché la cultura arricchisce(sempre), perché la cultura permette di superare tutti i limiti e perché la cultura è (libertà) di espressione e di parola. Non Mancate!"