Il rap fa presa tra i ragazzi, in anteprima il nuovo video di Jack Folla (Fakkiu) - Monte S. Angelo Notizie - ilgiornaledimonte.it

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per continuare la navigazione,  clicca sul pulsante per chiudere.

questo sito non fa raccolta dati degli utenti, pertanto non è soggetta al GDPR.

 EVENTUALI BANNER PRESENTI NEL SITO POTREBBERO FARE RACCOLTA DATI NON DIPENDENTI DA NOI. 

logo

 In occasione dell’uscita del nuovo video di Jack Folla (Fakkiu) Official Video, abbiamo intervistato il protagonista che gentilmente si è concesso alla nostra penna. Vi presentiamo in anteprima il video postato su yuoutube

D.: Grazie innanzitutto, ma chi è Jack Folla?

R.: "Sono cresciuto immerso nella musica, tra le note del sax suonato da mio padre e quelle sprigionate in strada dell'orchestra popolare di mio nonno.  La mia devozione per la musica si può dire innata. Quando ero piccolo la mia famiglia ha provato innumerevoli volte a farmi avvicinare a uno strumento, ma il mio percorso musicale è iniziato più tardi. In maniera autonoma è anticonvenzionale.  Con il Rap, a metà degli anni '90. Le prime serate dal vivo le ho fatte in giro per Manfredonia, la mia città natale, in Puglia. In questo periodo non avevo ancora deciso quale fosse il mio nome d'arte, così ne proponevo di diversi. È nel 2000 che mi affibiano lo pseudonimo di Jack Folla, l'omonimo personaggio di un romanzo di Diego Cugia. Jack Folla, Il nome che continua ancora oggi in questo percorso musicale e di vita."

D.: Questo genere di musica che fascia di età copre, cioè secondo te a chi piace?

R.: "Da ragazzino, quando mi avvicinai alla musica Rap, era considerata un genere "di nicchia", ma dati alla mano, la musica Rap, negli ultimi 20 anni ha una risonanza a livello globale." Ormai è un genere che non ha età.

D.: Perchè hai scelto quella location?

R.: Quando con i miei collaboratori abbiamo iniziato a buttare giù le prime idee per il video, sin da subito ci siamo resi conto che avevamo bisogno di una location con ampi spazi, che risultasse urban e dal forte impatto. A quel punto la scelta è stata ovvia.

D.: Chi sono questi ragazzi, sarebbe bello nominarli tutti, non credi?

Per la realizzazione del video ci siamo avvalsi della partecipazione dei ragazzi e ragazze della scuola di danza "MyDance di Rita Vaccarella" oltre a dei cari amici di vita. Colgo così l occasione di ringraziare tutti, davvero tutti.

(Ndr.  A fine video ci sono tutti i nomi)

D.: Qual'è il messaggio che vuoi lanciare ed a chi lo rivolgi?

R.: Beh, il messaggio è chiaro. Credo che ognuno di noi voglia togliersi qualche sassolino dalla scarpa, io mi reputo fortunato perché tramite la musica riesco a sbarazzarmi dei miei.

Grazie per il tempo che ci ha dedicato, complimenti a voi ed ai ragazzi e ragazze che vi hanno preso parte.

A tutti voi, godetevi questo video, se è vero che nessuno è profeta in patria, il nostro Jack Folla , i suoi amici e tutti i partecipanti fanno eccezione.