Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per continuare la navigazione,  clicca sul pulsante per chiudere.

questo sito non fa raccolta dati degli utenti, pertanto non è soggetta al GDPR.

 EVENTUALI BANNER PRESENTI NEL SITO POTREBBERO FARE RACCOLTA DATI NON DIPENDENTI DA NOI. 

logo

A Foggia e in provincia 23 farmacie hanno aderito all’iniziativa del Banco Farmaceutico.

Ecco dove sarà possibile acquistare un medicinale da banco da donare ai poveri.

Sabato 9 febbraio 2019 torna in tutta Italia la XIX edizione della GRF – Giornata di Raccolta del Farmaco. In 104 Province, nelle oltre 4.500 farmacie che aderiscono all’iniziativa e ne espongono la locandina, sarà possibile, grazie alle indicazioni del farmacista e all’assistenza di circa 20.000 volontari, acquistare uno o più medicinali da banco da donare alle persone indigenti. I farmaci acquistati saranno consegnati direttamente agli oltre 1.700 enti assistenziali convenzionati con la Fondazione Banco Farmaceutico onlus. Nell’edizione 2018 sono state raccolte 376.692 confezioni di farmaci, per un controvalore economico pari a 2.642.519 euro. Ne hanno beneficiato oltre 539.000 persone assistite dagli enti convenzionati.

A Foggia e in provincia (nei comuni di Candela, Carapelle, Lucera, Manfredonia, Monte Sant’Angelo, Orta Nova, San Severo, Stornarella, Torremaggiore, Vieste) 23 farmacie hanno aderito alla Giornata per la Raccolta del Farmaco; i medicinali raccolti saranno consegnati ai 14 enti assistenziali territoriali convenzionati con il Banco farmaceutico.

A Foggia città: Farmacia dell’Immacolata, corso Roma, 87; Farmacia Prencipe, via Rovelli, 2/A; Farmacia Ronga, via della Repubblica, 1; Farmacia San Benedetto, via dell’Arcangelo Michele, 130; Farmacia San Ciro, piazza Giordano, 1/2; Farmacia San Francesco, via Conte Appiano, 44; Farmacia San Michele, viale Ofanto, 186; Farmacia San Pio, viale Di Vittorio, 158; Farmacia Santa Rita, viale degli Aviatori, 88; Farmacia Santa Rita, viale Ofanto, 234; Farmacia Santacroce, via Martiri di via Fani, 32;

a Candela: Farmacia Giordano, via Laporcia 5;

a Carapelle: Farmacia Santa Maria, corso Matteotti 33;

a Lucera: Farmacia Sant’Alfonso, via Roma 7;

a Manfredonia: Farmacia al Duomo, corso Roma 134; Farmacia Santa Rita, via Scaloria 157/159;

a Monte Sant’Angelo: Farmacia De Sio, via Reale Basilica, 115;

a Ortanova: Farmacia Centrale De Sanctis, piazza Pietro Nenni, 3;

a San Severo: Farmacia Romano, via Soccorso, 155; Farmacia San Francesco, via Zannotti 51;

a Stornarella: Farmacia Simone, via G. D’Annunzio, 9;

a Torremaggiore: Farmacia San Matteo, via Marconi, 31;

a Vieste: Farmacia San Giorgio, via D. Alighieri, 135/141.

Durante la GRF del 2018 a Foggia e provincia sono state raccolte 1260 confezioni di farmaci, grazie ai quali sono state aiutate 2410 persone bisognose assistite dai 12 enti caritativi del territorio convenzionati con Banco Farmaceutico. Durante lo scorso anno, gli enti hanno fatto richiesta a Banco Farmaceutico di 3655 medicinali. Quest’anno Foggia può fare di più.

La Giornata per la Raccolta del Farmaco si svolge sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica, in collaborazione con Aifa, Cdo Opere Sociali, Federfarma, Fofi, Federchimica Assosalute, Assogenerici e BFResearch. L’iniziativa è realizzata con il sostegno di Intesa Sanpaolo (Partner Istituzionale), Teva, Doc, EG EuroGenerici, Comieco, Mediafriends, Responsabilità Sociale Rai e Pubblicità Progresso.

In Italia, nel 2018, 539.000 persone povere (il 10,7% dei poveri assoluti) si sono ammalate e hanno chiesto il sostegno degli enti per potersi curare. In 5 anni (2013–2018), la richiesta di farmaci da parte degli enti è aumentata del 22%, mentre nel 2018, a causa di spese più urgenti (cioè non rinviabili), le famiglie povere hanno destinato alla salute solo il 2,54% della propria spesa totale (contro il 4,49% delle famiglie non povere). Le famiglie povere, in particolare, hanno potuto spendere solo 117 euro l’anno per curarsi (con un aggravio di 11 euro in più rispetto all’anno precedente), mentre il resto delle famiglie ne ha potuti spendere 703 (+8 euro rispetto all’anno precedente).

“Tutti i poveri hanno bisogno di coperte, di alimenti, di vestiti e, soprattutto, di lavoro. Ma anche di medicinali, quando si ammalano. Partecipare alla Giornata di Raccolta del Farmaco e donare una medicina che sarà consegnata agli enti del proprio territorio è il modo più intelligente per aiutare il mondo della solidarietà e del Terzo settore a fare il proprio lavoro; è il modo più semplice per fare una cosa giusta” afferma Sergio Daniotti, presidente della Fondazione Banco Farmaceutico onlus.

“Sono sempre più numerose le persone che non possono permettersi un farmaco e rinviano le cure o addirittura rinunciano” dichiara Marco Cossolo, presidente di Federfarma nazionale. “Lo spirito di solidarietà è un valore fondante della farmacia in quanto struttura socio-sanitaria di riferimento sul territorio e contraddistingue la nostra professionalità”.