Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per continuare la navigazione,  clicca sul pulsante per chiudere.

questo sito non fa raccolta dati degli utenti, pertanto non è soggetta al GDPR.

 EVENTUALI BANNER PRESENTI NEL SITO POTREBBERO FARE RACCOLTA DATI NON DIPENDENTI DA NOI. 

 1 Maggio 2019 

ll Consiglio dei Ministri riunitosi lo scorso 30 aprile 2019 (Seduta N. 57), sotto la Presidenza del prof. Giuseppe CONTE, Segretario il Sottosegretario alla Presidenza on. Giancarlo GIORGETTI, su proposta del Ministro dell’Interno sen. Matteo SALVINI , ha - tra l’altro - deliberato che il 

dott. Michele di BARI   -  da prefetto di Reggio Calabria assuma le funzioni di Capo Dipartimento per le libertà civili e l‘immigrazione al Ministero dell’Interno.

Dunque, un ulteriore prestigioso incarico è stato affidato al nostro conterraneo garganico dr Michele di Bari, originario di Mattinata, che nel riconoscere le sue elevate doti professionali onora anche tutto il Territorio, per essere stato scelto e nominato alla guida del complesso e strategico Dipartimento ministeriale che opera nell'ambito di funzioni e compiti spettanti al Ministero relativamente alla tutela dei diritti civili e in materia di immigrazione. In particolare, il prefetto di Bari avrà il coordinamento generale di sette direzioni centrali e di altri uffici ministeriali, con a capo i rispettivi Prefetti: dalla Direzione centrale per le politiche dell'immigrazione e dell'asilo a quella dei servizi civili per l'immigrazione e l'asilo, alle direzioni centrali per i diritti civili, la cittadinanza e le minoranze, per gli affari dei culti, per l'amministrazione del fondo edifici di culto, per gli affari generali e per la gestione delle risorse finanziarie e strumentali.

Al Capo dipartimento dr Di Bari, posto al vertice della struttura, spetterà anche il coordinamento generale dell’Ufficio di commissario straordinario per il coordinamento delle iniziative antiracket ed antiusura e dell’Ufficio per le attività di commissario per il coordinamento delle iniziative di solidarietà per le vittime dei reati di tipo mafioso. 

Il dr Michele Di Bari nei suoi numerosi e importanti incarichi ha sempre lasciato un vivo ricordo di fattiva competenza nella risoluzione dei problemi amministrativi spinosi e di un apprezzato tratto umano. A lui le felicitazioni e le congratulazioni dei garganici e in particolare del mattinatesi.

 Alberto Cavallini, direttore dell’ufficio per le comunicazioni sociali di Manfredonia-Vieste-S.Giovanni Rotondo

BREVE Curriculum

Michele di Bari è nato a Mattinata (FG) il 2 gennaio 1959, coniugato, è padre di Maria Luce. Si è laureato in giurisprudenza con lode ed ha conseguito il diploma del corso di studio per aspiranti segretari comunali effettuato presso la LUISS. Ha svolto per un breve periodo le funzioni di Segretario Comunale di ruolo. 

Ha frequentato il corso biennale di "Management in Sanità" presso la Scuola di Direzione Aziendale dell'Università "Bocconi" di Milano, il corso di perfezionamento su "Cittadinanza Europea ed Amministrazioni Pubbliche", organizzato dalla Scuola Superiore dell'Amministrazione Civile del Ministero dell'Interno in collaborazione con l'Università degli Studi Roma Tre 

E' entrato a far parte della carriera prefettizia nel 1990 ed è stato promosso alla qualifica di viceprefetto dall’01/07/2001. Nella prefettura di Foggia ha svolto le funzioni di Capo di Gabinetto e di Viceprefetto Vicario. 

Nel corso della carriera ha ricoperto, altresì, vari incarichi, tra i quali Vice Commissario Governativo della nuova Provincia di Barletta-Andria-Trani, Commissario Straordinario di numerosi comuni; Commissario ad acta per l'esecuzione di provvedimenti giurisdizionali del T.A.R. - Puglia. Con provvedimento della Presidenza del Consiglio dei Ministri è stato nominato, ai sensi del D.P.C.M 13 febbraio 2007, esperto in materia di sanità e politiche sociali. 

E' stato nominato Prefetto il 22 dicembre 2010 e dal 31/12/2010 ha svolto le funzioni di vice Commissario del Governo nella Regione Friuli Venezia Giulia. 

E' stato nominato dapprima Prefetto della Provincia di Vibo Valentia e successivamente ha ricoperto l'incarico di Prefetto della Provincia di Modena e poi di Reggio Calabria. Dal 30 aprile èCapo del Dipartimento per le libertà civili e l‘immigrazione, unanuova sfida al servizio dello Stato nel rilevante e strategico ruolo che si occupa delle delicate questioni delle libertà civili e dell’immigrazione in ottica non più locale, ma nazionale.

Il dr Michele Di Bari da più anni fa anche parte del CdA della Fondazione Casa Sollievo della Sofferenza di S. Giovanni Rotondo ove con sagacia e competenza non comuni ha portato a risoluzione tanti importanti e complessi problemi.