Me ne ste've nanze la torre - componimento di Giuseppe Rinaldi - Monte S. Angelo Notizie - ilgiornaledimonte.it

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per continuare la navigazione,  clicca sul pulsante per chiudere.

questo sito non fa raccolta dati degli utenti, pertanto non è soggetta al GDPR.

 EVENTUALI BANNER PRESENTI NEL SITO POTREBBERO FARE RACCOLTA DATI NON DIPENDENTI DA NOI. 

logo


 
Me ne ste've nanze la torre 
assette'te alla chiancare'dde
   alla sferre  de lu sole
 e pense've allu timpe 
       ca ce ne sciute
     Ie  lu  chiame've
ma ne vule've chiu' turne'.
Qua me so sentute 
     tucche' la me'ne
e na voce ca me dice've:
vine,vine,te porte iie,
         vine pe me'.
E me so true'te a mezze
a tanta cristie'ne strane;
        giuvene,vicchie,
        maschule e fe'mmene.
Ogune me vule've tucche',
ma ie'rene tutte traspare'nte
e ce vede'vene schitte lucchie
      ma nn ie'rene cunte'nte
chiange'vene tutte quante
        e une me disse:
pigghiatelle u timpe 
        ca te rume'ne
         se pute'sseme
te darremme pure lu nostre.
 
 
       Giuseppe Rinaldi.