Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per continuare la navigazione,  clicca sul pulsante per chiudere.

questo sito non fa raccolta dati degli utenti, pertanto non è soggetta al GDPR.

 EVENTUALI BANNER PRESENTI NEL SITO POTREBBERO FARE RACCOLTA DATI NON DIMPENDENTI DA NOI. 

logo

 “L’erogazione di contributi per le iniziative pubbliche e la partecipazione della Regione Puglia alle iniziative assunte da associazioni, enti e altre organizzazioni devono essere regolamentate”. Così la consigliera Antonella Laricchia, prima firmataria della proposta di legge presentata dal M5S: “Nuove norme per i contributi regionali alle associazioni e altre organizzazioni”.

“L’anno scorso avevamo riscontrato alcune anomalie sull’erogazione dei contributi alle associazioni - spiega Antonella Laricchia (M5S) - da inizio legislatura a metà 2017 i contributi erogati dal Consiglio Regionale avevano superato i 300mila euro, a fronte di circa 2000 richieste la cui accettazione sembra essere a totale discrezione dei cinque membri dell’Ufficio di Presidenza. Con questa proposta, finalmente nella procedura di selezione delle iniziative a cui assegnare un contributo, s’introducono i principi di programmazione annuale, confrontabilità e valutazione trasparente e il criterio cronologico”.

La proposta prevede che la liquidazione dell’importo da erogare alle associazioni sia subordinata alla presentazione di una relazione illustrativa dell’iniziativa che, a differenza  deve essere corredata da una analitica rendicontazione di tutte le spese ed entrate e dalla relativa documentazione, pena la revoca o sospensione del contributo regionale. Inoltre, la liquidazione potrà essere disposta solo a mezzo bonifico bancario, entro il limite massimo del contributo concesso.  

“La proposta - conclude Antonella Laricchia - è stata scritta dopo aver raccolto anche diverse istanze sulla nostra piattaforma Rousseau. I cittadini chiedono trasparenza quando si parla di soldi pubblici ed è nostro preciso dovere garantire criteri chiari in base ai quali poter accogliere o rifiutare le richieste di contributi da parte delle associazioni”.


Officina Creativa