Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per continuare la navigazione,  clicca sul pulsante per chiudere.

questo sito non fa raccolta dati degli utenti, pertanto non è soggetta al GDPR.

 EVENTUALI BANNER PRESENTI NEL SITO POTREBBERO FARE RACCOLTA DATI NON DIMPENDENTI DA NOI. 

logo

"Ho deciso di non stancarmi nel suonare il campanello alla Giunta Emiliano per denunciare i gravissimi problemi di viabilità che attanagliano la provincia di Foggia. Oggi, tocca alla strada statale 89, la cd. "Garganica", chiusa quattro anni fa per la caduta di un masso e mai più riaperta, a discapito di tutta l'utenza che dal territorio di Mattinata deve percorrere la direzione per Vieste e viceversa". Lo dichiara il vicepresidente del Consiglio regionale, Giandiego Gatta, che ha depositato un'interrogazione consiliare. "L'unica alternativa a questa strada per agricoltori, allevatori, turisti e cittadini tutti -aggiunge- è la S.P. 53, vale a dire la litoranea, congestionata dal traffico dei numerosissimi turisti presenti nel territorio garganico durante il periodo estivo. C'è di più, qualora ciò non sia sufficiente a fotografare la gravità della situazione: in caso di fatto ostativo al libero transito dei veicoli (ad es., incidente o caduta di alberi o sassi, come nel caso di specie) nell’unica altra tratta percorribile, ovvero la litoranea, nemmeno l’ambulanza per il trasporto urgente del malcapitato di turno all’ospedale di Manfredonia, Foggia o San Giovanni Rotondo, potrebbe transitare. La cosa più grave è che... È già capitato! E nulla è cambiato! Allora, al governo regionale chiedo di intervenire per sollecitare l'avvio degli interventi necessari per la messa in sicurezza dei luoghi e, dunque, per la riapertura dell'arteria. Alla Giunta -conclude Gatta- toccherà interloquire con l'Anas che, all'epoca della caduta del masso, assicurò una ricognizione nei giorni successivi. E sono trascorsi quattro anni...".


Officina Creativa