Consorzi bonifica, Campo: “Finanziati i progetti e non gli enti. A Foggia pronti a cantierizzare le opere” - Monte S. Angelo Notizie - ilgiornaledimonte.it

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per continuare la navigazione,  clicca sul pulsante per chiudere.

questo sito non fa raccolta dati degli utenti, pertanto non è soggetta al GDPR.

 EVENTUALI BANNER PRESENTI NEL SITO POTREBBERO FARE RACCOLTA DATI NON DIPENDENTI DA NOI. 

logo

 Nota del presidente del gruppo Pd in Consiglio regionale, Paolo Campo, sulla questione dei finanziamenti ai consorzi di bonifica.

“La Regione finanzia i progetti dei Consorzi per la bonifica e non gli enti in quanto tali. È tutt'altro che un dettaglio omesso da chi, come il leghista Andrea Caroppo, soffia sul fuoco del campanilismo per criticare pretestuosamente l'Assessorato regionale all'Agricoltura.

È vero che ai consorzi della Capitanata e del Gargano sono stati attribuiti 36 milioni dei fondi residui del Patto per la Puglia per l'unica ragione che i due enti sono in possesso di parchi progetti a cui attingere quando i finanziamenti regionali si rendono disponibili ed è necessario procedere in tempi rapidissimi all'apertura dei cantieri.

Sono questi i requisiti fondamentali, insieme alla valutazione quantitativa dei potenziali beneficiari, per la ripartizione di fondi che altrimenti dovrebbero essere restituiti all'Unione Europea.

I consorzi a Sud dell'Ofanto non sono altrettanto pronti e, per conseguenza, non sono in grado di concorrere. Tant'è che di recente il consorzio per la bonifica della Capitanata ha messo a disposizione dell'intero sistema regionale le proprie competenze in materia di progettazione.

Sono i fatti a smentire le fantasiose ricostruzioni campanilistiche che, peraltro, omettono di ricordare che proprio i consorzi della Puglia meridionale hanno ottenuto oltre 500 milioni in 18 anni per la gran parte destinati a ripianare i debiti e correggere gli errori di gestione derivanti dalla mancata approvazione dei piani di contribuenza rielaborati, come fatto in provincia di Foggia dove i contribuenti pagano regolarmente i servizi consortili.

L'assessore all'Agricoltura, Leo Di Gioia, sta operando al meglio e per il meglio del territorio pugliese tutto e dei consorzi stessi. Affermare il contrario rende esplicito quanto poco si conosca la realtà ed è motivato dalla permanente propaganda elettorale che ormai costituisce la cifra politica della Lega ad ogni latitudine e livello istituzionale”.

L’Ufficio Stampa

Gruppo Pd Consiglio Puglia