Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per continuare la navigazione,  clicca sul pulsante per chiudere.

questo sito non fa raccolta dati degli utenti, pertanto non è soggetta al GDPR.

 EVENTUALI BANNER PRESENTI NEL SITO POTREBBERO FARE RACCOLTA DATI NON DIPENDENTI DA NOI. 

logo

 Tre sono i punti cardine del programma politica che Innocenza Starace intende portare al seggio europeo: ambiente, libertà e femminismo. Perché votare Europa Verde? Prima di tutto perché la forza Green in Europa è una voce importante, ma in Italia manca una forte componente ambientalista. Serve perciò una rappresentanza che porti i problemi del nostro territorio in Parlamento, problemi che non possono essere più ignorati. Quella ambientale è la crisi più urgente che va affrontata. Dai fattori ambientali dipende l’efficienza del settore primario, senza un clima adatto le attività produttive come agricoltura e allevamento entrano in una crisi senza precedenti, in una sorta di effetto farfalla che porterà, con il passare degli anni, al collasso di questa economia. L’unica soluzione possibile al climate change è la riduzione dell’utilizzo di combustibili fossili e la riconversione delle industrie in soluzioni green, che siano ecosostenibili e, allo stesso tempo, mettano in primo piano le esigenze dei lavoratori. Ecco perché bisogna liberarsi una volta per tutte del voto utile, una grossa bugia che continua a legarci alla solita classe politica che in Italia si cura poco dell’ambiente.

Libertà e femminismo sono ideali che vanno ricollocati in una posizione primaria della nostra identità civile: la cronaca di questi giorni ci mostra come, poco alla volta, piccoli atti di oppressione ci stanno togliendo la libertà di pensiero, di parole ed espressione. I principi saldi della nostra Costituzione sono lesi. Il cammino per la parità di genere, infine, è ancora lungo: sono tante le misure che devono essere ancora adottate in merito e ci lasciano indietro rispetto al resto d’Europa. È ora di cambiare e dare spazio a voci nuove, identità politiche che nel resto d’Europa sono, già da tempo, una voce forte e decisa.