logo

 

Con delibera n°68 del 24.04.2019 "l'amministrazione Cambiamonte" ha istituito l'Area Pedonale Urbana (APU)sul tratto di corso che va dal Belvedere alla chiesa di San Giuseppe. Una decisione di impatto così forte per i cittadini andrebbe presa solo dopo un ampio coinvolgimento di residenti, commercianti, ristoratori, albergatori, insomma di tutti coloro che si sono visti limitare la libertà di movimento senza poter proferire parola. Ma ahi noi,
siamo abituati al modo di fare di questi che occupano il Palazzo di Città, amministrano (lo sappiamo è una parola grossa) chiusi nel loro guscio di cemento (altro che trasparenza) senza ascoltare nessuno, col silenzio assenso di una opposizione praticamente inesistente..., una dittatura. Ciò detto, vorremmo almeno capire se questa benedetta APU sia stata attivata nel rispetto della legge e provvista delle necessarie autorizzazioni. Nella delibera di cui sopra è scritto: "VERIFICATO che per il controllo degli accessi alle aree pedonali non è previsto alcun regime autorizzativo di cui all'art 1 del D.P.R. 250/1999, richiamando univocamente la rispondenza degli impianti utilizzati alle caratteristiche e ai criteri di omologazione....". Leggendo invece con maggiore attenzione il predetto art. 1, ci accorgiamo che "Ai fini dell'installazione ed esercizio di impianti per la rilevazione degli accessi di traffico limitato a centri storici o nelle zone di traffico limitato......omissis.....i comuni richiedono l'autorizzazione al Ministero...".
Quindi, se questa autorizzazione non c'è, vanno immediatamente SPENTE TUTTE LE TELECAMERE.
Intanto decine di cittadini si sono visti recapitare contravvenzioni che non potrebbero essere comminate, anche se gli impianti sono omologati, essendo gli stessi privi della NECESSARIA autorizzazione ministeriale.
Il Meetup Monte in MoVimento chiede che l'amministrazione blocchi immediatamente le multe, inizi un processo di partecipazione convocando le parti coinvolte e, solo dopo, ottenute le necessarie autorizzazioni, rediga il piano di una APU sostenibile per chi ci vive e utile anche ai turisti.
PS: le regole vanno rispettate da tutti, assessori compresi.....il sabato in alcuni tratti di Via R. Bonghi , durante il mercato, è vietata la sosta!