A TE

Sei sorpresa e incanto,
sei eccezione e interruzione, 
sei fessura e vento, 
sei anche tormento,
fuoco che accende il sole dentro.
Inquieto rovescio di una metà
che mi porto scolpito in grembo.

Tu forma, tu materia

sei donna, sei madre, 
seno e volto di un abbraccio eterno.
Sei sposa dei cui baci
anche gli dei han desiderio.
Tu apri e tu chiudi l'intero arco del tempo
in cui a ciascuno è dato abitare.
Tu guardi, tu ascolti
e lasci andare chi 
ai tuoi piedi ancora vuol stare.
Perdonaci se non ancora abbiamo capito
il segreto che ti porti dentro,
il mistero in cui è posta la chiave 
di tutto ciò che si chiama vita.