Manfredonia Calcio a 5: una sconfitta immeritata

 Doveva essere la gara della riconferma per i sipontini, dopo la convincente vittoria contro la Traiconet, invece lo scontro tra Manfredonia C5 e Ares Mola ha visto un epilogo che sa di beffa per i biancocelesti. In campo si è visto un Manfredonia determinato a far sua l’intera posta in palio, ma che si è dovuto opporre oltre che al team barese, terza forza del campionato, anche ad una terna arbitrale decisamente sottotono. Parecchi sono stati gli errori durante tutto l’arco della gara che hanno inciso sul risultato finale, ampiamente bugiardo per quello visto sul parquet di gioco.
Match equilibrato fin dalle prime battute, con entrambe le squadre vicinissime alla rete. Sono i sipontini però a sbloccare l’incontro all’8’ quando Cotrufo di testa serve Foletto che di prima intenzione imbecca Sachet; il numero 3 di casa, a tu per tu con Schembri, non può sbagliare (1-0). Passano pochi minuti ed è Diguinho a finalizzare un rapido contropiede di Sachet, siglando il momentaneo 2-0 (11’). Passano pochi secondi e l’Ares Mola sfrutta al meglio un'indecisione difensiva del Manfredonia riaprendo la gara con Mazzilli (2-1).Il Manfredonia riprende a macinare gioco e al 13’ Sachet recupera palla si accentra e viene atterrato da Sardella, rigore netto che Foletto non sbaglia (3-1). L’Ares Mola reagisce trovando la rete del 3-2  dopo una fortunatissima carambola. Su calcio d’angolo, infatti, Sardella tira in porta, la palla incoccia sul palo prima di sbattere addosso a Ferdinelli (14’59) e poi trova il pareggio con un tiro di punta di Sardella dal vertice destro dell’area di rigore. Il Manfredonia non demorde e prima del riposo torna in vantaggio con Orbelli che deposita in rete un ottimo assist di Foletto (19’31). Negli ultimi venti secondi i sipontini potrebbero ancora andare in rete. Cotrufo in scivolata recupera palla e parte in contropiede, serve Spano, ma Schembri si oppone, sulla respinta è Orbelli a tirare al volo ma è ancora Schembri a compiere il miracolo.
Nella ripresa il Manfredonia cala il ritmo ed il Mola ne approfitta subito con Garofalo che al 2’ pareggia.  La partita resta equilibrata fino all’8’ quando Sachet tira in porta ma viene anticipato da un avversario, reclamando così il calcio d’angolo. Il direttore di gara però non è dello stesso avviso ed lo stesso viene prima ammonito per proteste e poi espulso per aver battuto le mani ironicamente. Con un uomo in più l’Ares Mola trova la rete del vantaggio con Ferdinelli. Sotto di una rete il Manfredonia cerca di reagire, ma Schembri compie parate decisive su Spano e Foletto. L’Ares Mola cerca di ripartire in contropiede ed in una di queste trova la rete del 4-6 con Sabato che si infila tra le maglie biancocelesti superando Sosin. Lombardi a questo punto gioca la carta del portiere di movimento; a due minuti dal termine è Cotrufo a procurarsi un rigore che potrebbe riaprire l’incontro, ma Foletto sbaglia. A trentatre secondi dalla fine è Ferdinelli dalla distanza a chiudere la contesa siglando la rete del 4-7.
Sconfitta immeritata per il Manfredonia che ora è chiamato a vincere sabato prossimo ancora in casa contro il Barletta C5 per non abbandonare il treno playoff.

La nostra pagina facebook