Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per continuare la navigazione,  clicca sul pulsante per chiudere.

questo sito non fa raccolta dati degli utenti, pertanto non è soggetta al GDPR.

 EVENTUALI BANNER PRESENTI NEL SITO POTREBBERO FARE RACCOLTA DATI NON DIPENDENTI DA NOI. 

logo

Doveva essere la gara della svolta per il Manfredonia C5 dopo gli ultimi due pareggi, ma così non è stato. Per la terza partita consecutiva i sipontini non riescono a portare a casa l’intera posta in palio nonostante il doppio vantaggio. Sicuramente l’assenza di Sachet si è fatta sentire, ma non è da ritenersi una scusante, anzi, sarebbe bastato un pizzico di mordente in più per far propri i 3 punti. Dov’è finita la fame di vittorie che aveva contraddistinto il Manfredonia nella prima parte di stagione, unica squadra capace di battere la capolista Policoro che viaggia spedita in A2? Domanda lecita da porsi dopo il deludente pareggio di sabato contro un modestissimo Modugno. Certo non è semplice affrontare squadre rintanate nella loro metà campo con l’unico intento di difendere, ma quando per l’ennesima volta si sciupa un doppio vantaggio, c’è qualcosa che sicuramente non quadra, qualcosa che probabilmente andrebbe rivisto e bisognerebbe farlo anche in fretta. L’unica nota positiva è il punto conquistato che, in considerazione della sconfitta del Bisceglie, porta i sipontini a pari punti con i baresi e quindi nella zona playoff.
Il Manfredonia nel primo tempo fa circolare palla, ma non riesce a penetrare la difesa ospite. Foletto in due occasioni colpisce prima il palo, poi la traversa; poi è la volta di Cotrufo che da fuori aria sfiora il vantaggio ma la palla termina ad un soffio dall’incrocio dei pali. Dopo vari tentativi è Mangano che trova la sua prima rete in serie B con un tap-in vincente (1-0). Passano pochi minuti ed è Trotta a trovare il raddoppio con un preciso diagonale di sinistro, facendo quindi terminare la prima frazione sul 2-0.
Nella ripresa il Manfredonia scende in campo pensando di gestire facilmente il vantaggio, ma non sarà così. Dopo aver sciupato diverse palle gol, il Modugno prima accorcia con Avitto in contropiede e pochi minuti dopo trova addirittura la rete del pareggio. Il Manfredonia cerca di reagire ma i ragazzi di Mister Magalhanes si chiudono in difesa non concedendo nulla ai sipontini che non riusciranno a fare il sorpasso neanche con l’utilizzo del portiere di movimento.
Al termine della partita le parole del capitano Antonio Cotrufo : “La gara di oggi non è stata solo la più brutta del campionato, ma forse la più brutta delle ultime stagioni. Non siamo stati in grado di impensierire il Modugno che, con tutto il rispetto, è venuto a Manfredonia solo per difendere e cercare di prendere meno gol ed invece va via con un punto insperato. Mi scuso con tutti i tifosi per quello che oggi hanno visto; una squadra con poche idee, ma soprattutto con poca voglia. Indossiamo una maglia che va sudata dal primo all’ultimo minuto ed oggi questo non si è visto.  Se si vogliono raggiungere i play-off bisogna cambiare rotta. Adesso andiamo a Napoli per giocare contro la Traiconet Monte di Procida. Non c’è partita migliore per riscattarci e tornare ad essere il Manfredonia. “