Ordinato Vescovo Padre Franco Moscone(foto) - Monte S. Angelo Notizie - ilgiornaledimonte.it

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per continuare la navigazione,  clicca sul pulsante per chiudere.

questo sito non fa raccolta dati degli utenti, pertanto non è soggetta al GDPR.

 EVENTUALI BANNER PRESENTI NEL SITO POTREBBERO FARE RACCOLTA DATI NON DIPENDENTI DA NOI. 

logo

Questo pomeriggio, nella cattedrale di Alba è stato ordinato vescovo padre Franco Moscone, già nominato arcivescovo di Manfredonia, Vieste e San Giovanni Rotondo.

La celebrazione è stata presieduta dal vescovo  monsignor Marco Brunetti, insieme al vescovo di Otranto Donato Negro ed al vescovo Andrzej Wojciech Suski. Per l’occasione hanno partecipato i vescovi del Piemonte e della Puglia oltre ad una delegazione di sacerdoti della nostra diocesi, tra i quali don Andrea Starace che ha consegnato la lettera di Papa Francesco.

Monsignor Brunetti, nell’omelia, si è rivolto in modo diretto a padre Franco: "Carissimo padre Franco, non posso non ricordare a tutti che proprio in questa cattedrale tu hai ricevuto il dono del Battesimo, iniziando così la vita di grazia che ti ha condotto fino ad oggi, al giorno in cui, qui, ricevi il dono della pienezza del sacerdozio. Sappiamo quanto sia stata per te una inaspettata sorpresa la chiamata all’episcopato che hai accettato per obbedienza. Tra poco, durante la prostrazione, si canteranno le Litanie dei Santi; fra di loro non mancherà l’invocazione a san Pio da Pietrelcina che fece della sua vita, anche in circostanze dolorose, un inno all’obbedienza, poiché, nei suoi disegni, la Provvidenza ha voluto che tu diventassi vescovo in quella terra del Gargano, quel monte 'dove nessuno sale invano', dove Padre Pio, a cinquant’anni esatti dal suo ritorno al Padre, ancora oggi parla agli uomini della chiamata universale alla santità che egli visse in modo eroico". In  conclusione mons. Brunetti richiama le origini del neo vescovo: "Carissimo padre Franco, prego il Signore Gesù affinché tu possa essere, non solo immagine viva del Buon Pastore, ma anche Buon Samaritano che si china sulle ferite dell’umanità versandovi 'l’olio della consolazione e il vino della speranza', gli elementi che evocano ad un tempo gli ulivi di cui sarai circondato nella terra che ti è stata affidata, e le bellissime vigne delle colline da cui sei partito. Fedele al motto del tuo episcopato “Servire pauperibus et Ecclesiae” (servire ai poveri e alla Chiesa), ispirandoti alle parole che costituiscono il testamento spirituale del tuo fondatore - San Girolamo Emiliani - sintetizzato in un’unica significativa frase: 'Seguite la via del Crocifisso disprezzando il mondo, amatevi gli uni gli altri, servite i poveri'".

L’arcivescovo Moscone farà il suo ingresso a Manfredonia il 26 gennaio, il giorno successivo sarà a Vieste e il 2 febbraio a San Giovanni Rotondo.

Le foto sono screenshot del video in diretta di Teleradiopadrepio.it, a cui va il ringraziamento di tanti fedeli che si sono potuti unire in preghiera anche non potendo partecipare direttamente alla celebrazione.