Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per continuare la navigazione,  clicca sul pulsante per chiudere.

questo sito non fa raccolta dati degli utenti, pertanto non è soggetta al GDPR.

 EVENTUALI BANNER PRESENTI NEL SITO POTREBBERO FARE RACCOLTA DATI NON DIPENDENTI DA NOI. 

logo

  Un film e un saggio per stimolare attenzione e impegno nei cittadini per la salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio culturale del nostro Paese

 Ne parleremo il prossimo 22 Maggio 2019, alle ore 18:30 a Foggia, presso l’Auditorium Santa Chiara, sede della Fondazione Apulia felix e del Circolo di Cultura Cinematografica Cinema felix. Lo faremo godendo anche della proiezione del film "Il bene mio" di Pippo Mezzapesa in compagnia di Antonella Gaeta, giornalista e sceneggiatrice, di Gloria Fazia, delegata del FAI Foggia e di Saverio Russo, Presidente FAI Puglia.

Il film sarà introdotto da Tommaso Campagna, il direttore artistico di Cinema felix mentre la presentazione del saggio "Il bene nostro - un impegno per il patrimonio culturale" di   Giuliano Volpe sarà l'occasione per parlare della visione innovativa che l'autore del libro, presente in sala, sta portando in tutta Italia dialogando con Istituzioni e persone aventi specifiche competenze e compiti in questo essenziale ganglio della vita culturale del Paese.

Prendendo le mosse dalla sua esperienza, tra il 2014 e il 2018, di Presidente del Consiglio superiore ‘Beni culturali e paesaggistici’ del MiBACT, organo al quale ha attribuito un ruolo particolarmente attivo nella recente fase della radicali riforme del patrimonio culturale, Giuliano Volpe affronta una serie di temi, sui quali è intervenuto in vario modo negli scorsi anni e continua a fare sentire la sua autorevole voce: le soprintendenze uniche, i musei autonomi e il sistema museale nazionale, il paesaggio e il turismo culturale, la Convenzione di Faro e la partecipazione dei cittadini, la formazione e la ricerca, le professioni dei beni culturali e il lavoro, l’archeologia pubblica e la gestione dal basso, l’accesso ai dati e la liberalizzazione delle immagini, e molti altri temi ancora dell’articolato e complesso mondo del patrimonio culturale.

Questo libro è, soprattutto, la testimonianza viva di un ininterrotto impegno militante e di una forte passione culturale e civile da parte di un archeologo che ha sempre associato la didattica e la ricerca universitaria alla politica culturale.

Giuliano Volpe (Terlizzi 1958) è ordinario di Archeologia cristiana e medievale all’Università di Foggia, di cui è stato rettore tra il 2008 e il 2013. È Presidente della Consulta universitaria per le archeologie postclassiche. Dal 2014 al 2018 è stato Presidente del Consiglio Superiore ‘Beni culturali e paesaggistici’ del MiBACT. Dal 2012 al 2018 è stato Presidente della SAMI-Società degli Archeologi Medievisti Italiani. È Presidente della Fondazione Apulia felix Onlus.

Insegna Archeologia tardoantica alla Scuola Archeologica Italiana di Atene. Ha diretto numerosi scavi e ha coordinato molti progetti di ricerca nazionali e internazionali. Dirige la rivista L’archeologo subacqueo e varie collane scientifiche edite da Edipuglia: Bibliotheca Archaeologica; Insulae Diomedeae; Adrias; Aufidus; Le vie maestre. È autore di numerose pubblicazioni, tra cui le monografie, per Edipuglia, La Daunia nell’età della romanizzazione (Bari 1990), Contadini pastori e mercanti nell’Apulia tardoantica (Bari 1996), Le vie maestre (Bari 2013); nel campo della politica dei beni culturali ha pubblicato Patrimonio al futuro.  Un manifesto per i beni culturali (Mondadori-Electa, Milano 2015), Un patrimonio italiano. Beni culturali, paesaggio e cittadini (Utet-De Agostini, Novara 2016).

Per informazioni sarà possibile contattare il seguente numero: 3204394635. 
www.cinemafelix.com / www.apuliafelix.org