logo

Foto di Domenico Trotta

Saltato il genetliaco di Manfredonia lo scorso 23 aprile a causa delle “traversie” politiche del momento, “Il palio delle contrade e delle torri  – Grandi onori a Re Manfredi” è stato spostato ad ottobre. Giunto alla sua terza edizione, ha visto ieri 22 settembre il proclama di apertura con tanto di corteo storico e rappresentazione teatrale.

Corso Manfredi si è animato di dame, cavalieri e soldati che hanno sfilato al suono dei tamburi fino a raggiungere nuova piazza, ancora senza nome, che ormai nel sentire comune tutti chiamano “Piazza maestri d’ascia”.

Gli ignari spettatori che, lungo il corso durante la consueta passeggiata serale, hanno assistito al variopinto corteo si chiedevano da dove arrivassero tanti figuranti a rappresentare il medioevo, al punto da salutarli dicendo: “Benvenuti a Manfredonia!”; senza sapere che l’organizzazione del corteo e del palio altro non è che il frutto della mente di due manfredoniani, Francesco e Antonio Barbone, così appassionati di questo periodo storico da fare i salti mortali per organizzare una manifestazione di così ampio respiro.

Giunti nella piazza, dopo il proclama di Francesco Barbone, la compagnia teatrale Il Teatrocinque di Vittorio Tricarico, con la maestra di canto Maria D’Oria e le allieve della maestra di ballo Rita Vaccarella, hanno messo in scena una rappresentazione teatrale intitolata “Manfredonia, sulle onde della storia” nella quale, attraverso la rievocazione di episodi storici della nostra città, hanno rappresentato il tema del palio: l’ambiente e la sua cura. Tutta la manifestazione, infatti, è patrocinata dall’A.S.E S.p.A. di Manfredonia, di cui Francesco Barbone è il presidente, e dal Comune di Manfredonia.La manifestazione, però, avrà il suo fulcro il 12 e 13 ottobre prossimo in quella che è stata ribattezzata un’ “ecofesta” finalizzata alla sensibilizzazione della cura dell’ambiente, che è sì affidato alle aziende che si occupano della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti, ma è soprattutto nelle mani dei cittadini che devono comportarsi correttamente non solo non gettando i rifiuti per strada, ma differenziando bene.

Alla serata sono intervenuti il commissario Vittorio Piscitelli e l’On. Antonio Tasso. Il commissario Piscitelli, da qualche mese nella nostra città per risollevarne le sorti, si è detto felice di partecipare alla manifestazione che lo ha illuminato sulla storia di Manfredonia e sulle sue tradizioni.

Dal canto suo l’On. Tasso ha messo in evidenza la capacità di darsi da fare di tanti manfredoniani e ha affermato che, ne è certo, Manfredonia ce la farà, perché ha tutte le carte in regola per farcela.

L’appuntamento dunque è per sabato 12 ottobre con il grande corteo storico con caroselli, tamburi e balletti medioevali e la musica dei Rota Temporis; nel fossato  ci saranno combattimenti, attendamenti e attrazioni.  Domenica 13 ottobre, sempre nel fossato, giochi per grandi e piccini che avranno anche la possibilità di andare a cavallo.

Tutti sono invitati a partecipare.

Mariantonietta Di Sabato

www.manfredonianews.it