Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per continuare la navigazione,  clicca sul pulsante per chiudere.

logo

Raccogliamo lo sfogo di un cittadino di Monte S. Angelo che da mesi denuncia uno stato di pericolo e non viene ascoltato. Aspettando la tragedia. Matteo Taronna dice:  "Non è possibile che dopo ogni pioggia devo uscire di casa con l'elmetto! Sono circa 3 mesi che continuano a cadere sassi davanti al mio portone dalla proprietà comunale, dal mese di Luglio dopo aver interessato per 3 volte l'assessore ai lavori pubblici Michele Fusilli, 2 volte il Sindaco Pierpaolo d'Arienzo, fatto intervenire la Polizia Municipale, inviato lettere per via di avvocato, niente niente e niente! Non ci sono soldi; la risposta più intelligente che abbia ascoltato nell'ultimo decennio!?! Nessuno se ne importa, bisogna aspettare sempre la tragedia in Italia affinché si faccia qualcosa? Vorrei chiedere a costoro se manderebbero a giocare i loro figli nel mio piazzale, chissà la risposta? Signor Sindaco la responsabilità Penale, oltre che del Capo Settore ai lavori pubblici risulta essere anche la sua, in quanto rappresentante pro tempore dell'ente. Dopo di che non mi resta che scrivere in procura."