FOGGIA: FORZE DI POLIZIA ARRESTANO TRENTADUENNE FOGGIANO ... - Monte S. Angelo Notizie - ilgiornaledimonte.it

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per continuare la navigazione,  clicca sul pulsante per chiudere.

questo sito non fa raccolta dati degli utenti, pertanto non è soggetta al GDPR.

 EVENTUALI BANNER PRESENTI NEL SITO POTREBBERO FARE RACCOLTA DATI NON DIPENDENTI DA NOI. 

logo

FOGGIA: FORZE DI POLIZIA ARRESTANO TRENTADUENNE FOGGIANO PER FURTO AGGRAVATO E RESISTENZA A PUBBLICO UFFICIALE

 Nel corso dell’ordinario servizio di prevenzione e repressione dei reati, Agenti della Polizia di Stato del Reparto Prevenzione Crimine e dell’Arma dei Carabinieri hanno tratto in arresto P. G., foggiano, classe 1986, per i reati di furto aggravato e resistenza a Pubblico Ufficiale.

Alle ore 05.40 circa odierne, nell’effettuazione di un controllo alla circolazione stradale in largo Giovanni Paolo II in ottemperanza dell’operazione di Polizia denominata Safety Car 2, gli Agenti sono stati contattati da un cittadino che li notiziava di essere stato appena derubato, in via Brindisi, del furgone con il quale consegnava latticini. In quel momento , gli operatori, hanno notato passare a forte velocità il citato furgone e pertanto si sono posti all’inseguimento del mezzo per le vie cittadine. Durante il rocambolesco inseguimento, la persona alla guida del mezzo, ha posto in essere manovre tali da mettere in pericolo l’incolumità degli agenti e di altri utenti della strada. Gli Operatori si sono tenuti costantemente in contatto radio con la Centrale Operativa della Questura e pertanto grazie all’intervento di una pattuglia dell’Arma dei Carabinieri, allertata via radio, la fuga del P. L. è terminata in un condominio di via Imperiale, dove, dopo aver danneggiato un’auto parcata nell’area condominiale, l’uomo sceso dall’auto ed inseguito, è stato bloccato in via Castrillo dalle Forze di Polizia.

Il P. G. è stato posto agli arresti domiciliari a disposizione della Procura della repubblica di Foggia, in attesa del processo per direttissima.

Continua la costante lotta alla criminalità; anche questa volta il deciso intervento delle Forze di Polizia e l’immediata richiesta del cittadino hanno permesso l’arresto dell’autore del reato ed il conseguente recupero della refurtiva, garantendo così concreta tutela alla vittima.