Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per continuare la navigazione,  clicca sul pulsante per chiudere.

questo sito non fa raccolta dati degli utenti, pertanto non è soggetta al GDPR.

 EVENTUALI BANNER PRESENTI NEL SITO POTREBBERO FARE RACCOLTA DATI NON DIMPENDENTI DA NOI. 

logo

A Vico del Gargano la piazza virtuale ha ora un indirizzo reale: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..
Si tratta di una iniziativa della sezione UdC di Vico del Gargano ma che non è preclusa alla partecipazione di quanti, pur non iscritti al partito, vogliono dare il loro contributo per formulare proposte, inviare progetti, stimolare riflessioni che potrebbero trovare spazio nel programma amministrativo che sosterrà la candidatura a sindaco di Raffaella Savastano.
«Oggi il web è il luogo dell’incontro, spesso dello sproloquio, ma non mancano interessanti spunti e condivisibili riflessioni. Per questo siamo scesi in piazza, sia pure per ora quella del web e dei social network. Abbiamo deciso di aprirci al contributo di quanti vogliono dire la propria sulle cose da fare per rilanciare Vico del Gargano e dimenticare in fretta una parentesi amministrativa che non ha saputo dialogare con i cittadini, chiudendosi nelle stanze del Comune e marcando le distanze con il popolo vichese. Il Comune non è un castello circondato da fossato e con il ponte levatoio. Chi governa deve avere un colloquio costante con i cittadini», sostiene Luigi Palmieri, responsabile cittadino dell’UdC.
L’iniziativa dell’UdC si basa su un principio fondamentale di ogni democrazia: aumentare le occasioni di partecipazione attiva dei cittadini. L’idea è quella di vincere il torpore e l’indifferenza per non lasciare ancora campo libero agli accordi tra partiti o tra i soliti noti della politica vichese. L’idea, insomma, è quella di esaltare un concetto primario per una città che vuole ritrovarsi ad essere comunità: ridare la città ai cittadini.
«Il cittadino svolge un ruolo attivo solo nel momento del voto, espresso il quale smette d’interessarsi delle vicende della propria città, trasformandosi da protagonista a commentatore delle azioni degli amministratori. Noi vogliamo provare a invertire questa tendenza. Diciamo ai vichesi: ritornate ad essere protagonisti nella vostra città, delegate pure la vostra fiducia, ma fate in modo che non venga deturpata da una cattiva amministrazione. In questo senso l’UdC si impegna a garantire un costante colloquio con tutti i vichesi e rendere programmatiche e operative le proposte più significative che arriveranno in mail», conclude Palmieri.


Officina Creativa